Made in Heaven

schermiWatch out, pre­sta atten­zio­ne, esor­di­sce la sigla che abbia­mo scel­to per que­sta cam­pa­gna. Guar­da fuo­ri, you might get what you’­re after, potre­sti otte­ne­re quel­lo che stai cer­can­do. Ho pre­sta­to atten­zio­ne e c’e­ra­no degli scat­ti per ter­ra, nega­ti­vi venu­ti male alla came­ra obscu­ra, di vec­chi cono­scen­ti che vec­chi non sono: ti cono­sco­no da sem­pre per­ché ti han­no visto cre­sce­re, e ti par­la­no sen­za il discor­so diret­to, le vir­go­let­te e tut­to, col pilo­ta auto­ma­ti­co. Dico­no ti ricor­di la scor­sa festa del­l’U­ni­tà, i tur­ni di guar­dia, la foto­co­pia­tri­ce rot­ta in sezio­ne, vero che stai con noi, lo vedi che voglio­no but­ta­re giù le por­te, man­co te lo chie­do che stai con noi. Ho guar­da­to fuo­ri e ho visto un gior­na­le stro­pic­cia­to del gior­no pri­ma, rac­con­ta Leti­zia e Tere­sa col loro bim­bo Erne­sto, i retro­gra­di di face­book che le inso­len­ti­va­no, una pub­bli­ci­tà con Fran­ce­sca che beve l’ac­qua ed è bel­la den­tro, o anche fuo­ri, accan­to a un barat­to­lo di quel­li che piac­cio­no a me e una lat­ti­na per l’a­stro­nau­ta, l’a­mi­co, la stel­la del­la stra­da. Ho guar­da­to fuo­ri dal­la fine­stra, più lon­ta­no, e ho visto vola­re nel­l’a­ria altre due foto, di pura gio­ia: era­no quel­lo che sta­vo cercando.

Schermata 2013-11-30 alle 02.27.29In una c’è un por­tie­re gran­de e gros­so, capa­ce di tira­re i rigo­ri. Si chia­ma Chi­la­vert, e difen­de i pali del Para­guay. Gio­ca un otta­vo di fina­le di un cam­pio­na­to del mon­do, con­tro la squa­dra padro­na di casa, la Fran­cia. Per gli attac­can­ti gal­let­ti, Chi­la­vert si fa gran­de quan­to tut­ta la por­ta, è ine­spu­gna­bi­le per 117 minu­ti, e dopo ogni para­ta ras­si­cu­ra la sua dife­sa: «Nada, nada!», come a dire «non è suc­ces­so nien­te». Si bat­te il pet­to e ren­de minu­sco­la la pal­la, qua­si da ten­nis, men­tre la strin­ge al pet­to. Pren­de la rin­cor­sa e rin­via, lon­ta­no, dan­do respi­ro ai difen­so­ri che gli si strin­go­no attor­no. «Nada, nada». Non è nien­te, non è suc­ces­so nien­te. Non è suc­ces­so anco­ra nien­te. Cuper­lo direb­be che oggi c’è You­tu­be (oggi), e noi lo pos­sia­mo vede­re come se fos­se acca­du­to ieri e non quin­di­ci anni fa, rive­de­re, fer­ma­re l’im­ma­gi­ne, man­da­re avan­ti il roto­lo del­la sto­ria, spo­sta­re l’ac­cen­to nel­la fra­se: non è anco­ra suc­ces­so nien­te. Non è suc­ces­so nien­te, anco­ra.

orlando morante La secon­da imma­gi­ne è un foto­gram­ma, da una pel­li­co­la ita­lia­na, di un regi­sta che pre­sto o tar­di ver­rà ana­liz­za­to come si fa per Dino Risi, o per Moni­cel­li. Loro sono Sil­vio Orlan­do e Lau­ra Moran­te, cop­pia di fat­to con bim­ba ‑di lei- a cari­co, in vacan­za dove Erne­sto è già gran­de e si chia­ma Ivan: San­dro Moli­no (il nome di Orlan­do nel­la fin­zio­ne sce­ni­ca) e Ceci­lia Sar­co­li, che sareb­be la Moran­te, liti­ga­no spes­so e volen­tie­ri, arri­van­do a rin­fac­ciar­si per­fi­no le asti­nen­ze ses­sua­li. Del­le tre vol­te che è suc­ces­so in un anno, pre­ci­sa l’at­to­re, una è sta­ta quan­do han­no elet­to Bas­so­li­no a sin­da­co di Napo­li. Dopo anni di mal­ver­sa­zio­ni, lo spet­tro del­la figu­ra più radi­ca­le sul cam­po, che vin­ce e sba­ra­glia fuor di pro­no­sti­co, diven­ta feli­ce pre­te­sto per riu­ni­re due per­so­ne che vivo­no sot­to lo stes­so tet­to ma qua­si sen­za più un moti­vo per far­lo. Ci sono cop­pie che avran­no dor­mi­to così sta­not­te, maga­ri tar­di, in qual­che Ita­lia o fino a Lon­dra, per l’a­dre­na­li­na eufo­riz­zan­te del con­fron­to demo­cra­ti­co a Sky? Ne dubi­to, ma non pos­so dir­lo con cer­tez­za: in fon­do, non è suc­ces­so nien­te, no?

Il con­fron­to PD: il pan­theon di Civati

sondaggio civati confrontoÈ suc­ces­so che chi dove­va difen­der­si ha tenu­to la pal­la, chi dove­va gio­ca­re in tra­sfer­ta ha sba­glia­to finan­co la cra­vat­ta, e il ter­zo ave­va una sola frec­cia, come Fran­gil­li alle ulti­me Olim­pia­di, e l’ha mes­sa nel 10 o mol­to vici­no, spo­stan­do il qua­dro per i gior­ni a veni­re. Ades­so i media main­stream lo san­no: Civa­ti fa sul serio, non è la squa­dra sim­pa­tia che gio­ca bene e poi abboz­za. Per­ché mani­fe­sta­re tut­ta la dif­fe­ren­za dagli altri due con­cor­ren­ti, non fidar­si di Alfa­no et dona feren­tem («a suo nome, le leg­gi ad per­so­nam per Ber­lu­sco­ni»), annun­cia­re una cam­pa­gna por­ta-a-por­ta da doma­ni al gior­no del­le pri­ma­rie, l’inda­gi­ne inter­na con ogni par­la­men­ta­re per sco­pri­re i 101, sono segna­li di un poli­ti­co che sa cosa chie­de la base elet­to­ra­le a cui si rivol­ge, e di un can­di­da­to che vuo­le vin­ce­re la par­ti­ta per diven­ta­re segre­ta­rio nazio­na­le del Par­ti­to Demo­cra­ti­co. Ana­li­sti in stu­dio e nel­le reda­zio­ni, spet­ta­to­ri twit­tan­ti, son­dag­gi last minu­te han­no oscil­la­to tra la sor­pre­sa e la con­si­de­ra­zio­ne per que­sto outsi­der, out­wat­cher, arri­van­do a pre­co­niz­za­re ero­sio­ni negli altrui elet­to­ra­ti e cifre impor­tan­ti, men­tre mil­le per­so­ne si stan­no unen­do da ogni dove a sco­pri­re che una pos­si­bi­li­tà c’è, che è suf­fi­cien­te a Civa­ti garan­ti­re, per una vol­ta, ana­lo­ga e pari oppor­tu­ni­tà d’e­spres­sio­ne affin­ché mostri al Pae­se di che pasta è fat­to, assie­me al valo­re del­le per­so­ne che nei mesi gli si sono radu­na­te attor­no. Ades­so toc­ca a que­ste, ampli­fi­ca­re al mas­si­mo tut­te le chan­ce che la set­ti­ma­na ci offre, e dovre­mo far­lo guar­dan­do fuo­ri dal­le fine­stre, là dove aspet­ta­no paro­le cre­di­bi­li e per­so­ne di fron­tie­ra: la not­te del­l’Im­ma­co­la­ta potrem­mo strin­ge­re pal­lo­ni diven­ta­ti minu­sco­li, cal­ciar­li lon­ta­no e anda­re a fare l’amore.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.