Ai confini della PA: dal no-profit alla co-produzione dei servizi

volontariatoDal­la let­tu­ra del IX Cen­si­men­to Istat su Indu­stria e Ser­vi­zi emer­ge chia­ra­men­te una ten­den­za: il set­to­re no-pro­fit, nel decen­nio 2001–2011, è cre­sciu­to sia in ter­mi­ni di uni­tà atti­ve che di addet­ti impie­ga­ti nel set­to­re. Le uni­tà atti­ve sono incre­men­ta­te del 28% men­tre il nume­ro degli addet­ti coin­vol­ti del 39%. E’ inte­res­san­te nota­re che il nume­ro medio di addet­ti per uni­tà atti­va è pas­sa­to da 2.08 a 2.27, dato che descri­ve bene la pol­ve­riz­za­zio­ne del set­to­re (cir­ca 300 mila uni­tà con­tro le 12 mila del­la PA).

Il set­to­re pub­bli­co, inve­ce, decre­sce nel nume­ro di uni­tà (-22%) in misu­ra più che pro­por­zio­na­le alla decre­sci­ta degli addet­ti (-12%); la dimen­sio­ne media del­le uni­tà nel­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne resta dun­que alta (233 addetti).

Que­sto bre­ve excur­sus nei nume­ri ser­ve per por­re l’at­ten­zio­ne, se ancor ce ne fos­se biso­gno, alla dina­mi­ca di ridu­zio­ne del­la spe­sa per la PA e la con­tem­po­ra­nea dele­ga al mer­ca­to per le aree nel­le qua­li il ser­vi­zio pub­bli­co è scar­so o inef­fi­cien­te. I nume­ri dico­no che par­te di que­sta sur­ro­ga vie­ne otte­nu­ta dal coin­vol­gi­men­to di un eser­ci­to di volon­ta­ri. L’in­da­gi­ne ISTAT dimo­stra come il set­to­re pub­bli­co abbia pra­ti­ca­men­te tra­la­scia­to que­sto impor­tan­te con­tri­bu­to (i volon­ta­ri del­la PA sono sce­si del 57% e in ter­mi­ni asso­lu­ti sono un nume­ro tra­scu­ra­bi­le, cir­ca 60 mila), il qua­le però è for­te­men­te attrat­to dal set­to­re no-pro­fit. L’im­pe­gno del volon­ta­ria­to nel no-pro­fit è infat­ti cre­sciu­to del 43%; si trat­ta di un fat­to­re del­l’or­di­ne di cir­ca 1 milio­ne di per­so­ne su quat­tro complessivi.

La ristrut­tu­ra­zio­ne del­la PA nel cor­so dell’ultimo decen­nio era orien­ta­ta, più che altro, alla mera ridu­zio­ne di spe­sa men­tre poco si è fat­to in ter­mi­ne di recu­pe­ro di effi­cien­za. La scar­si­tà di risor­se fa da spec­chio al man­ca­to impie­go dei fon­di euro­pei. Ci sono cir­ca 16 miliar­di di euro dei fon­di strut­tu­ra­li dell’Unione Euro­pea che aspet­ta­no di esser spe­si entro il 2015. Del fon­do ini­zia­le, pari a 27 miliar­di, ne è sta­to spe­so solo il 40%, per­cen­tua­le che ci col­lo­ca al ter­zul­ti­mo posto fra i 27 pae­si dell’Unione (Com­mis­sio­ne euro­pea, Diret­to­ra­to poli­ti­che regio­na­li -­ dati al 14 giu­gno 2013). Fa meglio di noi per­si­no Mal­ta. Si trat­ta di dena­ri che potreb­be­ro esser spe­si non già sol­tan­to per ope­re pub­bli­che ma, al con­tra­rio, per aumen­ta­re il valo­re del capi­ta­le uma­no del­la PA median­te la for­ma­zio­ne di nuo­ve com­pe­ten­ze.

Nel set­to­re pub­bli­co, l’età media degli addet­ti è alta: in Fran­cia il 28% dei lavo­ra­to­ri del­la PA ha meno di 35 anni, nel Regno Uni­to sono il 25%, ma in Ita­lia solo il 10%. Ma, al di là del mero fat­to­re ana­gra­fi­co, è la scar­si­tà di inve­sti­men­ti in for­ma­zio­ne che acui­sce il diva­rio rispet­to alle nuo­ve esi­gen­ze emer­gen­ti del cit­ta­di­no-con­su­ma­to­re di ser­vi­zi. Pro­prio il rap­por­to di sosti­tu­zio­ne del no-pro­fit è ambi­to entro il qua­le è neces­sa­rio saper for­ni­re una pro­fes­sio­na­li­tà ade­gua­ta alla defi­ni­zio­ne e alla pro­get­ta­zio­ne dei ser­vi­zi, ele­men­to man­can­te nell’attuale asset­to. Se da un lato, il cit­ta­di­no-con­su­ma­to­re vie­ne eman­ci­pa­to dal­la sola dimen­sio­ne eco­no­mi­ca, è pos­si­bi­le pen­sa­re ad una inte­ra­zio­ne ragio­na­ta fra l’organizzazione pub­bli­ca e quel­la pri­va­ta no-pro­fit. E’ ciò che si chia­ma co-pro­du­zio­ne dei ser­vi­zi: di fat­to una nuo­va rela­zio­ne fra Sta­to e cit­ta­di­no. Qual­co­sa che, nel Regno Uni­to, l’amministrazione Came­ron inter­pre­ta come mero stru­men­to di ridu­zio­ne del­la spe­sa pub­bli­ca in fun­zio­ne del man­te­ni­men­to degli attua­li livel­li pre­sta­zio­na­li. Un’ottica senz’altro limi­ta­ta ma che fa i con­ti con neces­si­tà cre­scen­ti e dif­fe­ren­zia­te da par­te di una popo­la­zio­ne che invec­chia e che muta di com­po­si­zio­ne per via dei flus­si migratori.

La co-pro­du­zio­ne ribal­ta il con­cet­to di cit­ta­di­no-clien­te ponen­do la cit­ta­di­nan­za orga­niz­za­ta come ambi­to inter­me­dio del­la par­te­ci­pa­zio­ne alla defi­ni­zio­ne dei pro­gram­mi e dell’erogazione dei ser­vi­zi mede­si­mi. Decen­tra­liz­za il pote­re al livel­lo appro­pria­to più bas­so inco­rag­gian­do una mol­te­pli­ci­tà di for­ni­to­ri e di isti­tu­zio­ni civi­che nell’offerta dei ser­vi­zi. In tal modo, piut­to­sto che attra­ver­so la tra­spa­ren­za del­la buro­cra­zia del gover­no cen­tra­le, i ser­vi­zi pub­bli­ci saran­no resi respon­sa­bi­li ver­so gli uten­ti attra­ver­so tre vie: voce, scel­ta e un miglior con­trol­lo demo­cra­ti­co loca­le (voi­ce, choi­ce, check).

co_prod

Il ruo­lo del­lo Sta­to in un siste­ma di co-pro­du­zio­ne è quel­lo di met­te­re in atto pro­gram­mi diret­ti al raf­for­za­men­to del­le capa­ci­tà del­la comu­ni­tà di auto­pro­dur­re i ser­vi­zi neces­sa­ri, e con­tem­po­ra­nea­men­te con­sen­ti­re una cul­tu­ra del­la con­di­vi­sio­ne e l’at­ti­tu­di­ne del­la respon­sa­bi­li­tà ver­so la col­let­ti­vi­tà di appar­te­nen­za. Soste­ne­re le impre­se no-pro­fit median­te pro­gram­mi di pic­co­le sov­ven­zio­ni alle orga­niz­za­zio­ni loca­li e ai grup­pi di quar­tie­re può esse­re una stra­te­gia uti­le al fine di tro­va­re e incre­men­ta­re la for­ma­zio­ne degli atti­vi­sti del­la comu­ni­tà, i qua­li potreb­be­ro miglio­ra­re note­vol­men­te la capa­ci­tà del­le comu­ni­tà stes­sa di affron­ta­re i pro­ble­mi loca­li da sé. Pro­gram­mi già in atto, come la pro­mo­zio­ne del ser­vi­zio civi­le nazio­na­le attra­ver­so il Mini­ste­ro dell’Istruzione, aiu­ta a raf­for­za­re il sen­so di respon­sa­bi­li­tà nei gio­va­ni e a dif­fon­de­re una cul­tu­ra di azio­ne comunitaria.

Co-pro­du­zio­ne signi­fi­ca lavo­ra­re al fian­co o al posto dei pro­fes­sio­ni­sti ma man­te­nen­do il mede­si­mo livel­lo qua­li­ta­ti­vo, o miglio­ran­do­lo lad­do­ve l’intervento pub­bli­co è insuf­fi­cien­te: lo Sta­to agi­sce for­nen­do pro­fes­sio­na­li­tà di carat­te­re gestio­na­le e fon­di, il volon­ta­ria­to orga­niz­za­to coor­di­na e appli­ca in manie­ra coe­ren­te con il livel­lo richie­sto dall’utente di cui è esso stes­so espres­sio­ne. Si pren­da ad esem­pio il caso del Social Care ser­vi­ce ingle­se (cfr. Mar­co Daglio e altri, Oecd public gover­nan­ce reviews — Toge­ther for Bet­ter Public Ser­vi­ces — part­ne­ring with citi­zens and civil socie­ty): un pro­gram­ma pilo­ta ha per­mes­so di ero­ga­re la cura ver­so un grup­po di sog­get­ti disa­bi­li attra­ver­so, da un lato, l’auto-definizione dei biso­gni (gli uten­ti) e dall’altra l’allocazione di un bud­get (lo Sta­to). Le orga­niz­za­zio­ni no-pro­fit — diret­ta espres­sio­ne dell’utenza coin­vol­ta — han­no mes­so in inte­ra­zio­ne i due ele­men­ti defi­nen­do le oppor­tu­ne pia­ni­fi­ca­zio­ni di spe­sa e age­vo­lan­do la par­te­ci­pa­zio­ne nel­la scel­ta. In tal modo gli uten­ti han­no svi­lup­pa­to, gior­no dopo gior­no, una rela­zio­ne diret­ta con il ser­vi­zio di cui ave­va­no neces­si­tà. La crea­zio­ne di un net­work onli­ne ha per­mes­so inol­tre la divul­ga­zio­ne di tale miglior prassi.

Così, men­tre il ciclo di pro­du­zio­ne clas­si­co pone l’utente solo alla con­clu­sio­ne del pro­ces­so, la co-pro­du­zio­ne pre­ve­de la sua par­te­ci­pa­zio­ne atti­va in ogni sin­go­la fase: pia­ni­fi­ca­zio­ne, defi­ni­zio­ne, ero­ga­zio­ne e valua­zio­ne del ser­vi­zio non sono più ambi­ti chiu­si ma ambi­ti di costan­te cor­re­la­zio­ne. Il nuo­vo rap­por­to fra cit­ta­di­no e Sta­to non è né inter­mit­ten­te né rego­la­to da dina­mi­che alto-bas­so: è la ridu­zio­ne ai mini­mi ter­mi­ni del­la bar­rie­ra fisi­ca — tec­no­cra­ti­ca — del­la mac­chi­na sta­ta­le, o la rein­tro­du­zio­ne in essa del fat­to­re uma­no col­let­ti­vo.

Dati Ista­ti con­sul­ta­bi­li qui: http://dati-censimentoindustriaeservizi.istat.it/#

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.