Luglio è il mese del disability pride, contro abilismo e stereotipi

Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.

di Ali­cia Ambrosini

Un mese che cele­bri l’orgoglio di appar­te­ne­re ad una qual­che cate­go­ria avrà un sen­so fin­ché con­ti­nue­rà ad esi­ste­re un “noi e un “loro”, fino a quan­do la disa­bi­li­tà sarà qual­co­sa da nomi­na­re di sfug­gi­ta e con un vago sen­so di ver­go­gna, qua­si si trat­tas­se di una col­pa da espia­re, come inse­gna la mora­le cattolica.

Non dovreb­be esi­ste­re nul­la di cui anda­re orgo­glio­si. Per il oltre il 5% del­la popo­la­zio­ne ita­lia­na l’accesso a scuo­la, lavo­ro, vita socia­le, affet­ti­vi­tà, ses­sua­li­tà può esse­re pre­clu­so da osta­co­li più o meno con­cre­ti che van­no dal­le bar­rie­re archi­tet­to­ni­che all’inadeguatezza del­le nor­me che, anche quan­do pre­sen­ti spes­so non ven­go­no rispet­ta­te e a quel­lo più insi­dio­so: la discri­mi­na­zio­ne.

Abi­li­smo” è un ter­mi­ne che in mol­ti solo da poco han­no comin­cia­to a cono­sce­re e com­pren­de­re ma è un con­cet­to che ha radi­ci anti­che e due fac­ce che pre­sen­ta­no entram­be cri­ti­ci­tà enor­mi, per chi si tro­va ad affron­tar­le ogni giorno.

Se da un lato per­ma­ne il con­cet­to del­la per­so­na con disa­bi­li­tà come di un peso per la col­let­ti­vi­tà, neces­sa­ria­men­te fra­gi­le, da tute­la­re in ogni aspet­to, infan­ti­liz­zan­do­la e pri­van­do­la del­lo sta­tus di indi­vi­duo, iden­ti­fi­ca­ta esclu­si­va­men­te con la sua pato­lo­gia, dall’altro abbia­mo la figu­ra del supe­re­roe che vive in un modo irrea­le, per cui ogni atti­vi­tà quo­ti­dia­na rap­pre­sen­ta l’impresa epi­ca da cele­bra­re, e poco impor­ta se si trat­ta di noma­le ammi­ni­stra­zio­ne, ogni cosa è ecce­zio­na­le, stu­pen­da e d’ispirazione.

Deme­ri­to pre­giu­di­zie­vo­le e lodi a pre­scin­de­re sono le due fac­ce del­la stes­sa meda­glia e allon­ta­na­no ogni gior­no dal rag­giun­gi­men­to di una con­di­zio­ne di normalità.

Nor­ma­li­tà non è una paro­lac­cia, se pre­sup­po­ne pari­tà di dirit­ti e digni­tà, la nor­ma che con­sen­ta a tut­ti, indi­stin­ta­men­te, di poter ave­re le stes­se opportunità.

Ora che il con­cet­to di nor­ma­li­tà è del tut­to muta­to meglio si può com­pren­de­re qua­le sia la quo­ti­dia­ni­tà di oltre tre milio­ni di per­so­ne che vivo­no anche da pri­ma del 2020 limi­ta­zio­ni costanti.

Limi­ta­zio­ni che si sono ulte­rior­men­te este­se a cau­sa del­la pan­de­mia, con il man­ca­to acces­so alle cure, alle tera­pie e all’impossibilità di ave­re un ade­gua­to soste­gno sco­la­sti­co alla dif­fi­col­tà di otte­ne­re l’assistenza domi­ci­lia­re neces­sa­ria per ave­re una vita di qualità.

Ogni gior­no casi di cro­na­ca ci ricor­da­no quan­to anche in un Pae­se che si pre­sup­po­ne esse­re moder­no e civi­le le più ele­men­ta­ri neces­si­tà sia­no, per par­te del­la popo­la­zio­ne bat­ta­glie quo­ti­dia­ne; si discu­te del­la sacro­san­ta neces­si­tà di isti­tui­re l’utilizzo del Green­Pass men­tre anche il sem­pli­ce ingres­so in auto­no­mia in un uffi­cio pub­bli­co sia per alcu­ni impos­si­bi­le da sem­pre, sen­za che que­sto abbia mai radu­na­to alcu­na fol­la nel­le piaz­ze per pro­te­sta­re con­tro ad una “vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni”.

Fino a che i pro­ble­mi non ci toc­ca­no diret­ta­men­te dif­fi­cil­men­te pos­sia­mo com­pren­der­ne la por­ta­ta e anco­ra più dif­fi­ci­le è com­pren­de­re il peso del­le cosid­det­te disa­bi­li­tà invi­si­bi­li, che pos­so­no anda­re dal­le malat­tie cro­ni­che inva­li­dan­ti alle neu­ro­di­ver­si­tà, spes­so dia­gno­sti­ca­te solo in età adul­ta, dopo iter lun­ghi e complessi.

Lo stig­ma sul­la fra­gi­li­tà psi­chi­ca poi è il più dif­fu­so e per que­sto il più duro da debel­la­re: i pro­ble­mi che riguar­da­no la men­te sono quel­li più facil­men­te nega­ti o nasco­sti nel­le case, miglia­ia di per­so­ne che a tutt’oggi subi­sco­no l’onta dell’invisibilità, per­ché man­ca una vera rete di sup­por­to ai care­gi­ver che spes­so si tro­va­no ad affron­ta­re situa­zio­ni mol­to più gran­di di loro.

Non può esser­ci nor­ma­li­tà fino a quan­do ogni aspet­to ver­rà livel­la­to sul­le esi­gen­ze di ogni sin­go­lo indi­vi­duo, per­ché que­sto indi­vi­duo uno e uni­co pos­sa espri­me­re le pro­prie poten­zia­li­tà al meglio.

È arri­va­to il momen­to in cui la disa­bi­li­tà pas­si da con­dan­na (per chi ne è por­ta­to­re e per le fami­glie o i part­ner che spes­so devo­no rinun­cia­re a mol­tis­si­mo pur di garan­ti­re l’assistenza neces­sa­ria a chi non può esse­re auto­suf­fi­cien­te) a sem­pli­ce carat­te­ri­sti­ca, sen­za che que­sta pre­de­ter­mi­ni una vita a per­de­re.

Per ades­so c’è anco­ra neces­si­tà di urla­re al modo come la fra­gi­li­tà, si essa fisi­ca, psi­chi­ca o sen­so­ria­le non sia una ver­go­gna, neces­si­ta­re di cure non sia degra­dan­te e una pato­lo­gia non deb­ba mai più esse­re uti­liz­za­ta come insulto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.