L’occupazione e la propaganda

Men­sil­men­te l’I­STAT ren­de noti i dati fon­da­men­ta­li sul mer­ca­to del lavo­ro nazio­na­le: for­ze di lavo­ro, divi­se tra occu­pa­ti e per­so­ne in cer­ca di lavo­ro, a loro vol­ta divi­se per ses­so, spe­ci­fi­can­do inol­tre il dato rela­ti­vo ai gio­va­ni tra 15 e 24 anni. L’ul­ti­mo dato, fre­sco di stam­pa, ci dice che in gen­na­io gli occu­pa­ti sono aumen­ta­ti di 11.000 uni­tà rispet­to a dicem­bre 2014 e di 132.000 uni­tà rispet­to a gen­na­io 2014.

Non è una brut­ta noti­zia. Ma ci vor­reb­be un po’ più di cau­te­la pri­ma di met­te­re in moto la mac­chi­na del­la pro­pa­gan­da. Tan­to per dire, ci si dovreb­be pre­oc­cu­pa­re del fat­to che con­ti­nua ine­so­ra­bil­men­te a dimi­nui­re l’oc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le, in ulte­rio­re calo sia rispet­to a dicem­bre che rispet­to a un anno pri­ma. Se dav­ve­ro la gene­ra­zio­ne dei ven­ten­ni fos­se la prio­ri­tà per le poli­ti­che occu­pa­zio­na­li del nostro gover­no sareb­be neces­sa­rio non vol­tar­si dal­l’al­tra par­te e pren­de­re di pet­to que­sto problema.

Ma al di là di tut­to, è un po’ stuc­che­vo­le com­men­ta­re dati che oscil­la­no del­lo zero­vir­go­la in una situa­zio­ne dram­ma­ti­ca come quel­la che stia­mo attraversando.

Negli ulti­mi undi­ci anni il nume­ro di occu­pa­ti è oscil­la­to poco sopra i 22 milio­ni. Solo nel bien­nio 2007–2008 ha sca­val­ca­to i 23 milio­ni. Nel 2013 si è toc­ca­to il mini­mo, con una media annua di 22,208 milio­ni. Nel 2014 si sono rag­giun­ti in media i 22,265, a dicem­bre si arri­va a 22,31 e il pri­mo mese del 2015 si apre con 22,32.

Le pre­vi­sio­ni degli eco­no­mi­sti in gene­re dise­gna­no un qua­dro in cui, nel miglio­re dei casi, una debo­le ripre­sa non sarà accom­pa­gna­ta da un aumen­to del­l’oc­cu­pa­zio­ne. L’OCSE arri­va con qual­che sfor­zo ad accre­di­ta­re un aumen­to di 340mila occu­pa­ti in cin­que anni (nei due anni del tra­va­glia­tis­si­mo Pro­di secon­do l’oc­cu­pa­zio­ne era aumen­ta­ta di 480mila uni­tà, se pro­prio voglia­mo fare un para­go­ne). I fan del Job­sAct pre­ve­do­no un qual­che impul­so alla cre­sci­ta del PIL dal­la tra­sfor­ma­zio­ne di con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to in con­trat­ti a tute­le cre­scen­ti (quel­li dove però si può esse­re licen­zia­ti sen­za giu­sta cau­sa né giu­sti­fi­ca­to moti­vo ogget­ti­vo), ma di cre­sci­ta del­l’oc­cu­pa­zio­ne com­ples­si­va non osa­no pro­prio par­la­re.

Eco­no­mi­sti = gufi, dunque?

La veri­tà è che se ci si osti­na far pas­sa­re una poli­ti­ca che bat­te sem­pre le stes­se piste fal­li­men­ta­ri per  una rivo­lu­zio­ne che ci rega­le­rà un radio­so avve­ni­re non si instil­la otti­mi­smo. Si ali­men­ta il distac­co dei cit­ta­di­ni, sem­pre meno dispo­sti a cre­de­re alle favo­le, dal­la poli­ti­ca. Quan­do l’u­ni­ca spin­ta posi­ti­va per rimet­te­re in moto le ener­gie del pae­se può veni­re pro­prio da un recu­pe­ro di par­te­ci­pa­zio­ne atti­va e di soli­da­rie­tà socia­le. Ciò che dovreb­be carat­te­riz­za­re, come suo codi­ce gene­ti­co, il Par­ti­to Democratico.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.