Gioco d’azzardo: Milano chiama Roma

Seminole Indian Reservation Opens New Casino In Everglades

2013-01-15190843_zpsed6f13adÈ di que­sti gior­ni la noti­zia, ripre­sa dai prin­ci­pa­li mass media, di un pros­si­mo decre­to del Gover­no sul gio­co d’az­zar­do, che è una vera emer­gen­za socia­le con 800.00 ita­lia­ni già amma­la­ti di ludo­pa­tia (gio­co com­pul­si­vo), e altri 2 milio­ni con­si­de­ra­ti a rischio.

Tra alcu­ne buo­ne novi­tà che dovreb­be­ro esse­re con­te­nu­te nel decre­to, qua­li il col­le­ga­men­to del­le slot machi­nes ad un siste­ma cen­tra­le per limi­ta­re le truf­fe, la pos­si­bi­li­tà di instal­lar­le — per quel che riguar­da gli eser­ci­zi com­mer­cia­li — nei soli bar e tabac­che­rie, ve ne sono alme­no due pes­si­me.

La pri­ma è che ver­reb­be con­ces­so di apri­re indi­scri­mi­na­ta­men­te nuo­ve sale gio­co, che dovreb­be­ro ave­re l’u­ni­co limi­te di uno spa­zio di alme­no 50 metri qua­dri, con una mac­chi­net­ta ogni tre metri qua­dri e il con­trol­lo di una persona.

La secon­da è la noti­zia secon­do la qua­le i Sin­da­ci per­de­reb­be­ro ogni pote­re di limi­ta­re il gio­co d’az­zar­do. In pra­ti­ca, dopo un perio­do di 6 mesi dal­l’e­ma­na­zio­ne del decre­to, le rego­le fino ad ora già ema­na­te dai Comu­ni per limi­ta­re il gio­co d’az­zar­do, decadrebbero.

Ebbe­ne, il Comu­ne di Mila­no, in par­ti­co­la­re con il Vice Sin­da­co De Cesa­ris, anche su una pre­ci­sa sol­le­ci­ta­zio­ne arri­va­ta dal Con­si­glio comu­na­le che, un anno fa, ha vota­to un ordi­ne del gior­no for­te­men­te NO SLOT, è da anni che si è posto all’a­van­guar­dia nel­la lot­ta al gio­co d’az­zar­do, con una serie di rego­la­men­ti e dispo­si­zio­ni che han­no resi­sti­to a tut­ti i ricor­si davan­ti alla giu­sti­zia ammi­ni­stra­ti­va.

Nel­lo spe­ci­fi­co: l’Am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le mene­ghi­na ha intro­dot­to un ora­rio rigi­do in cui si può gio­ca­re alle slot; ha ema­na­to il nuo­vo Rego­la­men­to Edi­li­zio, che con­tie­ne il divie­to di aper­tu­ra di nuo­ve sale gio­co e scom­mes­se se entro 500 metri ci sono “luo­ghi sen­si­bi­li” qua­li ospe­da­li, scuo­le, luo­ghi di cul­to; ha crea­to un mar­chio NO SLOT per gli eser­ci­zi com­mer­cia­li che non met­to­no o tol­go­no le slot machines. 

Tut­to ciò, ha com­por­ta­to l’im­pos­si­bi­li­tà di apri­re nuo­ve sale gio­co e scom­mes­se — i sopra ricor­da­ti “luo­ghi sen­si­bi­li” a Mila­no, infat­ti, sono così nume­ro­si che in nes­su­na par­te del­la cit­tà ci sono alme­no 500 metri di distan­za da essi — e una ridu­zio­ne del nume­ro del­le gio­ca­te, gra­zie agli ora­ri rigi­di in cui è uni­ca­men­te pos­si­bi­le uti­liz­za­re le slot machi­nes e le VLT (mac­chi­net­te anco­ra più “vora­ci” del­le comu­ni slot). 

Per­tan­to, se il decre­to gover­na­ti­vo fos­se dav­ve­ro strut­tu­ra­to come le anti­ci­pa­zio­ni degli orga­ni di infor­ma­zio­ne lo deli­nea­no, il Comu­ne di Mila­no si tro­ve­reb­be sen­za più le sue effi­ca­ci “armi” NO SLOT e sareb­be impo­ten­te davan­ti alla nuo­va aper­tu­ra di sale gio­co. Che è pro­prio ciò che i cit­ta­di­ni non voglio­no: le sale gio­co e scom­mes­se, infat­ti, sono viste e vis­su­te come luo­ghi che degra­da­no il quar­tie­re e la zona, sia per il tipo di clien­te­la che ad essi fan­no rife­ri­men­to, sia per­ché sono mol­to spes­so abbi­na­te a vendo/compro oro, sia per­ché, comun­que, pren­do­no il posto di eser­ci­zi com­mer­cia­li “nor­ma­li” qua­li panet­te­rie, bar, farmacie.

Per­tan­to, i mila­ne­si non accet­te­reb­be­ro un decre­to gover­na­ti­vo che ren­des­se inef­fi­ca­ci i rego­la­men­ti e le ordi­nan­ze comu­na­li che impe­di­sco­no l’a­per­tu­ra di nuo­vi luo­ghi di gio­co d’azzardo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.