L’Italia dei molti, l’Italia che produce

#

«Per i molti, non per i pochi», recita lo slogan di Liberi E Uguali. E i molti, non dobbiamo mai dimenticarcelo, sono davvero molti. Lo sappiamo bene alle latitudini pedemontane, dove la sinistra ha da sempre fatto fatica, dove gli effetti dei cambiamenti globali hanno avuto ricadute importanti già negli scorsi decenni. Un “capitalismo molecolare”, come dice Aldo Bonomi, e un sentimento di abbandono, per certi versi, sul quale ha investito una retorica indipendentista e autonomista, spesso nel senso deteriore, che gioca in difesa, che si chiude all’Europa e al mondo, ora ancora di più, in nome del “sovranismo”.

Comincia così la lettera aperta di Giuseppe Civati, indirizzata all’Italia che rischia e lavora, che non si arrende ma che sfida i mercati internazionali.

Per proseguire la lettura, clicca qui:

[L’ITALIA DEI MOLTI, L’ITALIA CHE PRODUCE]

Per sottoscriverla, [email protected]

  • 118
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati