L’ipocrisia del ministro Lorenzin (e del Governo) sulla Cannabis

Nel­le ulti­me 48 ore abbia­mo assi­sti­to ad un pes­si­mo ten­ta­ti­vo del­la mini­stra Loren­zin di rein­tro­dur­re, di fat­to, la nor­ma­ti­va sul­la can­na­bis del­la Fini-Gio­va­nar­di abro­ga­ta recen­te­men­te dal­la Con­sul­ta. E quel che è peg­gio è che tut­to que­sto è avve­nu­to nel segre­to di un con­si­glio dei mini­stri (e non in par­la­men­to, come si con­ver­reb­be, per temi di que­sta por­ta­ta) dove, a quan­to ripor­ta­no oggi diver­si gior­na­li, ci sareb­be sta­to un duris­si­mo scon­tro con il Guar­da­si­gil­li, Orlan­do, che per nostra for­tu­na si è for­te­men­te oppo­sto alla pro­po­sta del­la tito­la­re del dica­ste­ro del­la sanità.

La Loren­zin ha pro­va­to ad effet­tua­re un vero e pro­prio “col­po di mano”, riscri­ven­do di fat­to, e tra­mi­te decre­to, la nor­ma­ti­va sugli stu­pe­fa­cen­ti, toglien­do nuo­va­men­te la dif­fe­ren­zia­zio­ne tra dro­ghe leg­ge­re e pesan­ti, ogget­to del­la sen­ten­za del­la Con­sul­ta. Que­sto ave­va fat­to subi­to esul­ta­re i nostri (sigh) allea­ti di gover­no, come Gio­va­nar­di, o di rifor­me (sigh di nuo­vo) come Gaspar­ri, che han­no visto nel­la pro­po­sta del mini­stro, l’affermazione del­le loro con­vin­zio­ni proibizionistiche. 

È bene a que­sto pun­to ricor­da­re, a bene­fi­cio di tut­ti, che anche la stes­sa ONU dopo decen­ni di atteg­gia­men­ti e legi­sla­zio­ni proi­bi­zio­ni­sti­che, si stia negli ulti­mi tem­pi con­vin­cen­do che mol­to pro­ba­bil­men­te que­ste sono sta­te alme­no con­cau­se del pro­ble­ma dro­ga, e che sia inve­ce arri­va­to il momen­to di met­te­re in atto poli­ti­che diver­se, di depe­na­liz­za­zio­ne com­ple­ta, di spe­ri­men­ta­zio­ne, di ridu­zio­ne del dan­no e di lega­liz­za­zio­ne. Per­ché l’approccio proi­bi­zio­ni­sti­co ha dimo­stra­to tut­ta la sua inu­ti­li­tà e dan­no­si­tà sot­to qual­sia­si livel­lo di ana­li­si lo si voglia stu­dia­re, da quel­lo di vista socia­le, sani­ta­rio, giu­di­zia­rio e car­ce­ra­rio, ed è quin­di arri­va­to il momen­to di valu­ta­re meto­do­lo­gie alter­na­ti­ve di approc­cio, appunto.

E sem­pre per com­ple­tez­za di infor­ma­zio­ne, non si può dimen­ti­ca­re di cita­re le recen­ti ini­zia­ti­ve inter­na­zio­na­li di lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis anche per uso ricrea­ti­vo ( e non sol­tan­to medi­co, di cui non dovrem­mo nem­me­no discu­te­re) come quel­le del Colo­ra­do o del­lo sta­to di Washing­ton negli USA, quel­la dell’Uruguay in suda­me­ri­ca o quel­le olan­de­si, spa­gno­le e por­to­ghe­si in Euro­pa. Dove sep­pur con meto­do­lo­gie e solu­zio­ni legi­sla­ti­ve diver­se, que­sto diver­so approc­cio è sta­to mes­so già in atto, e dove si sta riscon­tran­do che i bene­fi­ci, socia­li, eco­no­mi­ci e giu­di­zia­ri, sono infi­ni­ta­men­te supe­rio­ri ai pochi svantaggi?

Da ini­zio legi­sla­tu­ra sono sta­te pre­sen­ta­te già due pro­po­ste di leg­ge da espo­nen­ti del PD (oltre ad un’altra di Farina/SEL) per la depe­na­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis da Man­co­ni al sena­to e per la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis e dei suoi deri­va­ti, da Civa­ti alla Came­ra, sot­to­scrit­te da mol­ti par­la­men­ta­ri, a dimo­stra­re che il dibat­ti­to nel par­ti­to demo­cra­ti­co è aper­to ed alla ricer­ca di una solu­zio­ne legi­sla­ti­va diver­sa da quel­la proi­bi­zio­ni­sti­ca adot­ta­ta negli ulti­mi ven­ti anni in Ita­lia. Sem­bra che tut­to que­sto non sia sta­to sta­to abba­stan­za per la nostra mini­stra, che ave­va evi­den­te­men­te a cuo­re solo la pro­pria par­te poli­ti­ca, ed il con­sen­so per la stes­sa (che sem­bra esse­re rima­sta l’unica poli­ti­ca­men­te schie­ra­ta ver­so un proi­bi­zio­ni­smo tout cour), e si era altret­tan­to evi­den­te­men­te dimen­ti­ca­ta di far par­te di un gover­no di “coa­li­zio­ne” o di “stret­te inte­se” e che quin­di ci sareb­be dovu­to esse­re quan­to­me­no un con­fron­to con le altre par­ti poli­ti­che che lo compongono.

La nor­ma­ti­va sugli stu­pe­fa­cen­ti, come altri argo­men­ti, tipo i dirit­ti civi­li del­le cop­pie omo­ses­sua­li, lo ius soli, la leg­ge 40, sono sol­tan­to alcu­ni dei pun­ti che fan­no risal­ta­re agli occhi di tut­ti l’estrema ete­ro­ge­nei­tà del­le posi­zio­ni che esi­sto­no in que­sto gover­no, e che ren­do­no di fat­to impos­si­bi­le un inter­ven­to “defi­ni­ti­vo” sul­le que­stio­ni di cui sopra ; lo scon­tro avve­nu­to in Cdm tra la Loren­zin e Orlan­do rischia quin­di di esse­re sol­tan­to il pri­mo di una lun­ga serie, ed il rischio è quel­lo che que­sti argo­men­ti ven­ga­no usa­ti come con­tro­par­ti­ta per altri, dimen­ti­can­do­si del­le esi­gen­ze del­la socie­tà, ma tenen­do con­to sol­tan­to degli inte­res­si poli­ti­ci di una par­te o dell’altra.

Mi pia­ce­reb­be a que­sto pun­to capi­re qua­le sia esat­ta­men­te la posi­zio­ne del Pre­si­den­te Ren­zi a pro­po­si­to, visto che le sue dichia­ra­zio­ni  a riguar­do, sono sta­te spes­so fumo­se e poco chia­re, e che lo stes­so Ren­zi il 7 Gen­na­io scor­so ave­va dichia­ra­to “pri­ma cam­bia­mo que­sta leg­giac­cia” (cfr. Fini-Gio­va­nar­di). Ades­so, che la “leg­giac­cia” è sta­ta di fat­to can­cel­la­ta dal­la Con­sul­ta, la tito­la­re del dica­ste­ro del­la salu­te del gover­no che lei pre­sie­de, ten­ta di ripri­sti­nar­la, lei cosa ne pen­sa caro Renzi?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.