Il giorno legale

Il 29 mar­zo, con l’o­ra lega­le, scat­ta anche il “gior­no lega­le”: una gior­na­ta in cui ci pro­po­nia­mo di met­te­re al cen­tro del dibat­ti­to pub­bli­co il con­tra­sto ad ogni for­ma di con­flit­to di inte­res­si, di cor­ru­zio­ne, di ille­ga­li­tà, pic­co­la o gran­de, attra­ver­so ini­zia­ti­ve di appro­fon­di­men­to tema­ti­co ed even­ti sim­bo­li­ci nel­le piaz­ze del­le cit­tà, nei tea­tri, nel­le stra­de, nel­le uni­ver­si­tà. Un richia­mo all’im­pe­gno eti­co ad ogni livel­lo del­la vita pub­bli­ca, ma anche un inno al rispet­to del­le rego­le per ogni cit­ta­di­no. Uno scio­pe­ro del­l’il­le­ga­li­tà, si potreb­be dire provocatoriamente.

Il “gior­no lega­le” si pro­po­ne come una rispo­sta di civil­tà all’immobilismo del «si è sem­pre fat­to così» e al disor­di­ne scien­ti­fi­co a cui la socie­tà ita­lia­na sem­bra mira­re: uno scam­bio tra inef­fi­cien­za e indul­gen­za ver­so com­por­ta­men­ti non con­for­mi alla lega­li­tà; un con­trat­to alla rove­scia che sem­bra il vero pat­to socia­le tra le isti­tu­zio­ni e i cit­ta­di­ni. Un pat­to stra­vol­to, disto­pi­co, para­dos­sa­le e peri­co­lo­sis­si­mo. Che non con­sen­te di cre­sce­re quan­do le cose van­no bene e che ci fa pre­ci­pi­ta­re ver­so gli abis­si più pro­fon­di quan­do le cose van­no male.

Quel pat­to distor­to ha una radi­ce poli­ti­ca pro­fon­da e mai estir­pa­ta: i cit­ta­di­ni non si atti­va­no anche per­ché poco con­sa­pe­vo­li dei “costi” del­l’il­le­ga­li­tà e dei bene­fi­ci di una seria azio­ne di con­tra­sto ad ogni for­ma di ille­ga­li­tà. Ed è su que­sto che la poli­ti­ca deve inau­gu­ra­re una rivo­lu­zio­na­ria sta­gio­ne di impe­gno, inte­stan­do­si la gui­da di una bat­ta­glia fat­ta di sen­si­bi­liz­za­zio­ne, appro­fon­di­men­to, esem­pio e proposta.

Con que­sto spi­ri­to abbia­mo orga­niz­za­to nel­l’am­bi­to del “gior­no lega­le” – il 29 mar­zo — a Roma, nel­la cor­ni­ce del tea­tro Pic­co­lo Eli­seo, un momen­to di con­fron­to pub­bli­co con asso­cia­zio­ni e pro­fes­sio­ni­sti impe­gna­ti a vario tito­lo nel­lo stu­dio, nel­l’a­na­li­si, nel con­tra­sto quo­ti­dia­no all’il­le­ga­li­tà: docen­ti uni­ver­si­ta­ri, magi­stra­ti, avvo­ca­ti, rap­pre­sen­tan­ti nel­le isti­tu­zio­ni, mili­tan­ti poli­ti­ci ma soprat­tut­to cit­ta­di­ni impe­gna­ti. Impe­gna­ti in una rifles­sio­ne ambi­zio­sa per­ché pro­iet­ta­ta in pro­fon­di­tà, alla ricer­ca del­le chia­vi di ana­li­si e com­pren­sio­ne dei feno­me­ni, ma soprat­tut­to per­ché vol­ta alla costru­zio­ne di pro­po­ste legi­sla­ti­ve in gra­do di inci­de­re posi­ti­va­men­te sui fenomeni.

20140329_70x100_xx

In que­sto sen­so, il per­cor­so che, nel­l’am­bi­to del “gior­no lega­le”, por­ta al Pic­co­lo Eli­seo di Roma vie­ne da lon­ta­no: affon­da le radi­ci in quel­l’As­si­se sul­la lega­li­tà che Pip­po Civa­ti con­vo­cò con Ste­fa­no Rodo­tà nel 2012 a Canos­sa, nel­l’am­bi­to del­la qua­le ven­ne for­mu­la­to un pro­to­col­lo di pro­po­ste di rifor­ma che oggi tro­va espres­sio­ne in alcu­ne pro­po­ste di leg­ge in discus­sio­ne in Par­la­men­to (raf­for­za­men­to del­la disci­pli­na di con­tra­sto al con­flit­to di inte­res­si; intro­du­zio­ne di san­zio­ni eco­no­mi­che effi­ca­ci rispet­to ai rea­ti con­tro la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne; disci­pli­na del rea­to di autoriciclaggio).

Il con­fron­to sul­le pro­po­ste già pre­sen­ta­te, ma soprat­tut­to su quel­le che emer­ge­ran­no nel­l’am­bi­to del­la rifles­sio­ne al tea­tro Pic­co­lo Eli­seo costi­tui­rà il vero risul­ta­to del “gior­no lega­le”: la pro­po­sta legi­sla­ti­va come pro­dot­to par­te­ci­pa­to, frut­to di espe­rien­za e tec­ni­ca, ma soprat­tut­to di dibat­ti­to pubblico.

Arti­co­le­re­mo l’i­ni­zia­ti­va al tea­tro Pic­co­lo Eli­seo, orga­niz­za­ta in col­la­bo­ra­zio­ne con Left, su tre temi chiave:

  • La pre­ven­zio­ne del­la cor­ru­zio­ne: con­flit­ti di inte­res­se e tra­spa­ren­za nel­le nomi­ne pub­bli­che. Una ses­sio­ne dedi­ca­ta alle poli­ti­che di pre­ven­zio­ne dei con­flit­ti di inte­res­se, con lo sguar­do pro­iet­ta­to sul­le pro­ce­du­re di nomi­na negli enti e sugli stru­men­ti orga­niz­za­ti­vi neces­sa­ri per una effi­ca­ce poli­ti­ca di prevenzione.
  • La rispo­sta san­zio­na­to­ria alla cor­ru­zio­ne. Una fine­stra sul­le poli­ti­che di con­tra­sto ai feno­me­ni cor­rut­ti­vi attra­ver­so lo stru­men­to pena­le, nel­l’am­bi­to del­la qua­le ci si sof­fer­me­rà sul­le modi­fi­che alla disci­pli­na dei rea­ti con­tro la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne e dei rea­ti “satel­li­te”, sul feno­me­no del­la cor­ru­zio­ne pri­va­ta, sul poten­zia­men­to del­le misu­re inter­dit­ti­ve, sul­le modi­fi­che in tema di con­fi­sca, sul­le san­zio­ni pecu­nia­rie con par­ti­co­la­re rife­ri­men­to ai pre­sup­po­sti di acces­so alla sospen­sio­ne con­di­zio­na­le del­la pena e sul­la disci­pli­na del­la prescrizione.
  • Poli­ti­che di con­tra­sto alla cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta: Una ses­sio­ne dedi­ca­ta alle misu­re di con­tra­sto alle mafie, vuoi sul ver­san­te pre­ven­ti­vo, vuoi sul ver­san­te san­zio­na­to­rio, con par­ti­co­la­re atten­zio­ne alle pro­ble­ma­ti­che e alle oppor­tu­ni­tà con­nes­se alla gestio­ne dei beni confiscati.

Inter­ver­ran­no: Andrea Per­ti­ci (avvo­ca­to, pro­fes­so­re di dirit­to costi­tu­zio­na­le, Uni­ver­si­tà di Pisa); Alber­to Van­nuc­ci (pro­fes­so­re di scien­za poli­ti­ca, Uni­ver­si­tà di Pisa); Ales­san­dro Hin­na (pro­fes­so­re di orga­niz­za­zio­ne azien­da­le – Uni­ver­si­tà Roma Tor Ver­ga­ta); Raphael Ros­si (coau­to­re del libro “C’è chi dice no” — asso­cia­zio­ne Signo­ri Ros­si); Lui­gi Cor­vo (Ricer­ca­to­re in Public Mana­ge­ment — Uni­ver­si­tà Roma Tor Ver­ga­ta); Sal­va­to­re Teso­rie­ro (avvo­ca­to, dot­to­re di ricer­ca in dirit­to e pro­ces­so pena­le, Uni­ver­si­tà di Bolo­gna), Ales­san­dro Gam­be­ri­ni (avvo­ca­to, docen­te di dirit­to pena­le, Uni­ver­si­tà di Bolo­gna), Fran­ce­sco Gre­co (Pro­cu­ra­to­re Aggiun­to, Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Mila­no); Lucre­zia Ric­chiu­ti (sena­tri­ce), Ste­fa­nia Pel­le­gri­ni (Uni­ver­si­tà di Bolo­gna, diret­tri­ce del Master in “Gestio­ne e riu­ti­liz­zo di beni e azien­de con­fi­sca­ti alle mafie. Pio La Tor­re”), Anna Cane­pa (sosti­tu­to pro­cu­ra­to­re Dire­zio­ne Nazio­na­le Anti­ma­fia). Chiu­de­rà la gior­na­ta Giu­sep­pe Civa­ti, che ha pro­mos­so e volu­to for­te­men­te il “gior­no lega­le”.

Il 29 mar­zo alle ore 10.00, al tea­tro Pic­co­lo Eli­seo di Roma scat­ta il “gior­no lega­le”. Non arri­va­re in ritardo!

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.