L’ingorgo delle riforme genera mostri

Dopo Fedeli... Pittoni. Sembra proprio che gli ultimi governi abbiano deciso che la scuola è affare di ignoranti. È vero che siamo il Paese con la minore percentuale di laureati in Europa, ma che proprio non si trovi qualcuno in possesso di un titolo di studio che gli permetta di occuparsi di istruzione in maniera competente e fondata?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Dopo Fede­li… Pit­to­ni. Sem­bra pro­prio che gli ulti­mi gover­ni abbia­no deci­so che la scuo­la è affa­re di igno­ran­ti. È vero che sia­mo il Pae­se con la mino­re per­cen­tua­le di lau­rea­ti in Euro­pa, ma che pro­prio non si tro­vi qual­cu­no in pos­ses­so di un tito­lo di stu­dio che gli per­met­ta di occu­par­si di istru­zio­ne in manie­ra com­pe­ten­te e fondata? 

Così, si dà la stu­ra alle scioc­chez­ze: dal­la dife­sa a oltran­za di un’alternanza scuo­la lavo­ro rive­la­ta­si, com’era facil­men­te pre­ve­di­bi­le, fal­li­men­ta­re o di test che sono ormai sot­to­po­sti alle più fero­ci cri­ti­che nei Pae­si che per pri­mi li han­no adot­ta­ti, fino all’affermazione del “valo­re edu­ca­ti­vo del­le boc­cia­tu­re”, pare non esser­ci fine al dilet­tan­ti­smo con cui si imma­gi­na di risol­ve­re i pro­ble­mi del­la scuo­la ita­lia­na.

Dall’infatuazione per il mon­do dell’impresa, sia­mo pas­sa­ti alla vita mili­ta­re come model­lo di for­ma­zio­ne, fino a sen­tir­ci dire che quel­lo che “c’è da sape­re non si impa­ra su pol­ve­ro­si libri” (fon­te: “L’Espresso”, 10/09/2018), in una deso­lan­te chi­na discen­den­te. In que­ste con­di­zio­ni, il mini­mo che può capi­ta­re è che la scuo­la con­ti­nui ad esse­re sot­to­fi­nan­zia­ta. E che alla disper­sio­ne si rispon­da in manie­ra fuor­vian­te, improv­vi­san­do rifor­me dei cicli zop­pe e cala­te dall’alto, svin­co­la­te da una seria visio­ne didat­ti­co-peda­go­gi­ca, uti­li for­se a rispar­mia­re anco­ra su un bilan­cio già ridot­to al lumi­ci­no, all’insegna del “meno scuo­la”, men­tre si dovreb­be anda­re esat­ta­men­te nel­la dire­zio­ne opposta.

È nei seg­men­ti più disa­gia­ti di una scuo­la così bistrat­ta­ta che si crea quell’”esercito indu­stria­le di riser­va” evo­ca­to a ogni piè sospin­to da impro­ba­bi­li segua­ci di Marx, non nei feno­me­ni migratori!

In real­tà, a ben pen­sar­ci, la Lega ha una per­so­na com­pe­ten­te in mate­ria e ha avu­to il buon sen­so di affi­dar­le il MIUR: si trat­ta del mini­stro Bus­set­ti. Si potrà non esse­re d’accordo con lui su mol­ti aspet­ti, ma alme­no si trat­ta di un uomo di scuo­la, uno che ne cono­sce i mec­ca­ni­smi per espe­rien­za, non per aver­ne respi­ra­to l’aria in fami­glia (seguen­do la non pro­prio impec­ca­bi­le logi­ca di Pit­to­ni, mi pro­pon­go fin d’ora di curar­gli il gat­to, in quan­to figlia di un vete­ri­na­rio, ben­ché lau­rea­ta in filosofia).

Ora, vor­rem­mo capi­re: qual è la posi­zio­ne di Bus­set­ti su un even­tua­le rior­di­no dei cicli? Sia­mo di fron­te a una bou­ta­de estem­po­ra­nea di Pit­to­ni o c’è die­tro un pen­sie­ro? Cosa si inten­de esat­ta­men­te, quan­do si par­la di un “pro­fes­so­re pre­va­len­te”? Con qua­li esperti/e si è con­fron­ta­to Pit­to­ni per scri­ve­re “il pro­gram­ma che rivo­lu­zio­ne­rà la scuo­la ita­lia­na” (Fon­te: “L’Espresso”, 10/09/2018)? Con quan­te per­so­ne coin­vol­te nel pro­ces­so for­ma­ti­vo (stu­den­ti, docen­ti, per­so­na­le ATA, geni­to­ri) si è confrontato?

Peral­tro, la scuo­la non ha biso­gno di “rivo­lu­zio­ni”. La gra­gnuo­la di rifor­me par­zia­li e incoe­ren­ti — vol­te più al rispar­mio che al miglio­ra­men­to di un set­to­re cru­cia­le per una demo­cra­zia — a cui la scuo­la è sta­ta sot­to­po­sta negli ulti­mi vent’anni, l’ha defor­ma­ta, crean­do un mostro che pro­du­ce disper­sio­ne e pre­ca­ria­to. La mode­sta pro­po­sta che lan­cia­mo alla Lega e al Movi­men­to 5 Stel­le è:

  • Abro­ga­te imme­dia­ta­men­te la “Buo­na scuo­la”, fat­te sal­ve le assunzioni.
  • Con­vo­ca­te degli Sta­ti Gene­ra­li dell’istruzione, che coin­vol­ga­no esperti/e (quelli/e veri/e, che han­no stu­dia­to) nei cam­pi didat­ti­co-peda­go­gi­co e disci­pli­na­re: per sana­re le feri­te e rico­strui­re ser­vo­no pen­sie­ro, com­pe­ten­za e aper­tu­ra men­ta­le.
  • Si apra un dibat­ti­to ampio — dicia­mo bien­na­le — che coin­vol­ga l’opinione pub­bli­ca, attra­ver­so tut­ti i media: l’attenzione del Pae­se dev’essere por­ta­ta sul­la scuo­la, non su un’inesistente emer­gen­za migran­ti. Dob­bia­mo pen­sa­re al futuro.
  • Si arri­vi, entro la fine del­la legi­sla­tu­ra, a una rifor­ma del­la scuo­la coe­ren­te, fon­da­ta, con­di­vi­sa e real­men­te miglio­ra­ti­va. Che abbia come uni­co sco­po il bene comu­ne e sia capa­ce di pro­get­ta­re un impian­to che duri nel tem­po. Sapen­do che costa, ma si trat­ta di un inve­sti­men­to per il Paese.

Maria Lau­ra Marescalchi[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?