L’incredibile bufala della vittoria dei “Provita” contro il gender nelle scuole — #Antivirus

Ieri, alle 12.22, è stato pubblicato sul sito dell’associazione Provita un trionfante comunicato, firmato anche dal presidente dell’associazione di Generazione Famiglia Jacopo Coghe, che annunciava la “vittoria” dell’associazione contro l’introduzione del gender nelle scuole.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ieri, alle 12.22, è sta­to pub­bli­ca­to sul sito dell’associazione Pro­vi­ta (a cui il Cor­rie­re del­la Sera ave­va dedi­ca­to un arti­co­lo due anni fa per lo “sto­ri­co rap­por­to di ami­ci­zia” tra il suo pre­si­den­te, Rober­to Bran­di, e Rober­to Fio­re di For­za Nuo­va) un trion­fan­te comu­ni­ca­to, fir­ma­to anche dal pre­si­den­te dell’associazione di Gene­ra­zio­ne Fami­glia Jaco­po Coghe, che annun­cia­va la “vit­to­ria” dell’associazione con­tro l’introduzione del gen­der nel­le scuole.

Così il comunicato:

Dice­va Ghan­di: “Pri­ma ti igno­ra­no, poi ti deri­do­no, poi ti com­bat­to­no. Poi vin­ci”. Con la cir­co­la­re del Mini­ste­ro dell’Istruzione in cui vie­ne rico­no­sciu­to il dirit­to di prio­ri­tà edu­ca­ti­va dei geni­to­ri è sta­to pre­mia­to lo sfor­zo e l’impegno con i qua­li l’associazionismo del Fami­ly Day, supe­ran­do offe­se e insul­ti ha por­ta­to avan­ti la bat­ta­glia per il dirit­to dei geni­to­ri al con­sen­so infor­ma­to nel­le scuo­le»: è quan­to han­no dichia­ra­to Pro Vita e Gene­ra­zio­ne Fami­glia, tra le asso­cia­zio­ni pro­mo­tri­ci del Fami­ly Day, dopo aver pre­so visio­ne del­la cir­co­la­re del Mini­ste­ro dell’Istruzione, dell’Università e del­la ricer­ca sul pia­no trien­na­le dell’offerta for­ma­ti­va alle fami­glie. Per Toni Bran­di, pre­si­den­te di Pro Vita, «un gra­zie spe­cia­le va rivol­to al Mini­stro dell’Istruzione Bus­set­ti, per­ché ha sot­to­li­nea­to con que­sta cir­co­la­re, quin­di nero su bian­co, la neces­si­tà che l’informazione alle fami­glie sia, d’ora in poi, esau­sti­va e tem­pe­sti­va rispet­to all’offerta for­ma­ti­va, rispet­tan­do quin­di l’articolo 26/3 del­la Dichia­ra­zio­ne Uni­ver­sa­le dei Dirit­ti Uma­ni che enun­cia che i geni­to­ri han­no dirit­to di prio­ri­tà nel­la scel­ta del gene­re di istru­zio­ne da impar­ti­re ai loro figli».

Il comu­ni­ca­to, dif­fu­so da La Tec­ni­ca del­la Scuo­la, DMC Maga­zi­ne e sta­mat­ti­na dall’edizione car­ta­cea de Il Gior­na­le (tra gli altri) si rife­ri­sce a una cir­co­la­re, fir­ma­ta dal­la Diret­tri­ce Gene­ra­le del DGOSV Maria Assun­ta Paler­mo e dal­la Diret­tri­ce Gene­ra­le del GDSIP Gio­van­na Boda, che afferma:

“La par­te­ci­pa­zio­ne a tut­te le atti­vi­tà che non rien­tra­no nel cur­ri­co­lo obbli­ga­to­rio, ivi inclu­si gli amplia­men­ti dell’offerta for­ma­ti­va di cui all’articolo 9 del d.p.r. n. 275 del 1999, è, per sua natu­ra, facol­ta­ti­va e pre­ve­de la richie­sta del con­sen­so dei geni­to­ri per gli stu­den­ti mino­ren­ni, o degli stes­si se mag­gio­ren­ni. in caso di non accet­ta­zio­ne, gli stu­den­ti pos­so­no aste­ner­si dal­la frequenza.”

Una gran­dio­sa vit­to­ria dei no gen­der, quin­di? No. Sem­pli­ce­men­te per­ché, per le atti­vi­tà extra­cur­ri­cu­la­ri, il con­sen­so dei geni­to­ri e degli stu­den­ti è sem­pre sta­to necessario. 

Nel 1999 fu ema­na­to il Rego­la­men­to recan­te nor­me in mate­ria di Auto­no­mia del­le isti­tu­zio­ni sco­la­sti­che ai sen­si dell’art.21 del­la leg­ge 15 mar­zo 1999, n.59, che pre­ve­de che “i cur­ri­co­li pos­so­no esse­re arric­chi­ti con disci­pli­ne e atti­vi­tà facol­ta­ti­ve, che per la rea­liz­za­zio­ne di per­cor­si for­ma­ti­vi inte­gra­ti le isti­tu­zio­ni sco­la­sti­che pro­gram­ma­no sul­la base di accor­di con le Regio­ni e gli Enti loca­li”. L’arti­co­lo 21 nel­la leg­ge 59/1999, inol­tre, chia­ri­sce che “l’au­to­no­mia didat­ti­ca è fina­liz­za­ta al per­se­gui­men­to degli obiet­ti­vi gene­ra­li del siste­ma nazio­na­le di istru­zio­ne, nel rispet­to del­la liber­tà di inse­gna­men­to, del­la liber­tà di scel­ta edu­ca­ti­va da par­te del­le fami­glie e del dirit­to ad appren­de­re.”

Non è una novi­tà nem­me­no l’emanazione di una cir­co­la­re che riba­di­sca la neces­si­tà del con­sen­so infor­ma­to del­le fami­glie o degli stu­den­ti mag­gio­ren­ni per le atti­vi­tà extra­cur­ri­cu­la­ri. Lo dimo­stra quel­la fir­ma­ta il 6 luglio 2015 dal­la Diret­tri­ce del Dipar­ti­men­to per il siste­ma edu­ca­ti­vo di istru­zio­ne e di for­ma­zio­ne Gio­van­na Boda, quan­do la Mini­stra dell’Istruzione era Ste­fa­nia Giannini:

“Le fami­glie han­no il dirit­to, ma anche il dove­re, di cono­sce­re pri­ma dell’iscrizione dei pro­pri figli a scuo­la i con­te­nu­ti del Pia­no dell’Offerta For­ma­ti­va e, per la scuo­la secon­da­ria, sot­to­scri­ve­re for­mal­men­te il Pat­to edu­ca­ti­vo di cor­re­spon­sa­bi­li­tà per con­di­vi­de­re in manie­ra det­ta­glia­ta dirit­ti e dove­ri nel rap­por­to tra isti­tu­zio­ne sco­la­sti­ca auto­no­ma, stu­den­ti e fami­glie. Si ricor­da alle scuo­le, quin­di, di assu­me­re le ini­zia­ti­ve uti­li per assi­cu­ra­re da par­te del­le fami­glie una cono­scen­za effet­ti­va e det­ta­glia­ta del POF. Va inol­tre spe­ci­fi­ca­to che i pro­get­ti rela­ti­vi a qual­sia­si tema­ti­ca pos­so­no esse­re rea­liz­za­ti, in ora­rio cur­ri­co­la­re, sia nell’ambito del cur­ri­co­lo obbli­ga­to­rio sia nell’ambito del­la quo­ta par­te facol­ta­ti­va, ma pur sem­pre pre­vi­sti dal Pia­no dell’Offerta Formativa. 

La par­te­ci­pa­zio­ne a tut­te le atti­vi­tà extra­cur­ri­co­la­ri, anch’esse inse­ri­te nel P.O.F., è per sua natu­ra facol­ta­ti­va e pre­ve­de la richie­sta del con­sen­so dei geni­to­ri per gli stu­den­ti mino­ren­ni o degli stes­si se mag­gio­ren­ni che, in caso di non accet­ta­zio­ne, pos­so­no aste­ner­si dal­la fre­quen­za.

Sem­bra quin­di che l’entusiasmo dei Pro­vi­ta sia ingiu­sti­fi­ca­to, e sia det­ta­to solo dal­la volon­tà di far bel­la figu­ra con i loro asso­cia­ti ed entra­re nel dibat­ti­to pub­bli­co dif­fon­den­do noti­zie che non esi­sto­no. Del resto, non si può dire che Pro­vi­ta non sia abi­tua­ta a par­la­re di cose che non esi­sto­no: basta pen­sa­re alla fan­to­ma­ti­ca “teo­ria gen­der”, cui Mas­si­mo Pre­a­ro ave­va dedi­ca­to un capi­to­lo in Dizio­na­rio Anti­fa.  

A desta­re pre­oc­cu­pa­zio­ne, piut­to­sto, è la par­te del­la cir­co­la­re che si rife­ri­sce alla defi­ni­zio­ne del­la defi­ni­zio­ne dei cur­ri­cu­li e del­le atti­vi­tà obbli­ga­to­rie, che rischia — come affer­ma­no oggi i sin­da­ca­ti del­la Scuo­la“di esse­re lesi­va dell’autonomia pro­fes­sio­na­le dei docen­ti e dell’autonomia sco­la­sti­ca, entram­be costi­tu­zio­nal­men­te garantite.”

Infi­ne, pro­ba­bil­men­te, il comu­ni­ca­to nasce dal­la volon­tà di riba­di­re il soste­gno all’attuale gover­no, di sicu­ro ideo­lo­gi­ca­men­te vici­no al mon­do del­le asso­cia­zio­ni “no gen­der” ma che per ades­so sull’educazione alle dif­fe­ren­ze nel­le atti­vi­tà extra­cur­ri­cu­la­ri si sta muo­ven­do in asso­lu­ta con­ti­nui­tà con quel­li pre­ce­den­ti: non pren­de­re alcu­na ini­zia­ti­va signi­fi­ca­ti­va.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?