L’impercettibile correzione di rotta sui decreti sicurezza #abolitequeidecreti

Un'operazione così tiepida da far apparire l'intervento sulla cittadinanza proposto da Lamorgese (riportare il termine massimo di risposta alla domanda di riconoscimento da 48 a 24 mesi) un tentativo di deviare l'attenzione dato che, in primo luogo, non si annunciano interventi su altre gravi fattispecie introdotte da Salvini (revoca della cittadinanza e innalzamento della relativa tassa) e, in secondo luogo, non si intacca per nulla lo ius sanguinis previsto dal nostro ordinamento.
Italy's Minister For Internal Affairs Meets The Hungarian Prime Minister

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«E per dimo­stra­re che la tan­to invo­ca­ta discon­ti­nui­tà non è una paro­la vacua, Lamor­ge­se alza la posta e met­te sul tavo­lo altri due temi for­ti: cit­ta­di­nan­za e dirit­to all’i­scri­zio­ne all’a­na­gra­fe per i richie­den­ti asi­lo». Si apre così, oggi, un arti­co­lo di Repub­bli­ca fir­ma­to da Ales­san­dra Zini­ti che annun­cia la “svol­ta” sui decre­ti sicurezza.

A una let­tu­ra più atten­ta, però, le anti­ci­pa­zio­ni di Repub­bli­ca lascia­no inten­de­re che il cam­bio di dire­zio­ne tan­to annun­cia­to, e chie­sto da mol­ti, sia solo una pic­co­la cor­re­zio­ne di rot­ta, che non intac­ca le fon­da­men­ta cul­tu­ra­li e tec­ni­che dei due decre­ti sicu­rez­za. Un’o­pe­ra­zio­ne così tie­pi­da da far appa­ri­re l’in­ter­ven­to sul­la cit­ta­di­nan­za pro­po­sto da Lamor­ge­se (ripor­ta­re il ter­mi­ne mas­si­mo di rispo­sta alla doman­da di rico­no­sci­men­to da 48 a 24 mesi) un ten­ta­ti­vo di devia­re l’at­ten­zio­ne dato che, in pri­mo luo­go, non si annun­cia­no inter­ven­ti su altre gra­vi fat­ti­spe­cie intro­dot­te da Sal­vi­ni (revo­ca del­la cit­ta­di­nan­za e innal­za­men­to del­la rela­ti­va tas­sa) e, in secon­do luo­go, non si intac­ca per nul­la lo ius san­gui­nis pre­vi­sto dal nostro ordi­na­men­to.

Nel meri­to del­le pro­po­ste avan­za­te da Lamor­ge­se, il capi­to­lo riguar­dan­te le Ong non sem­bra affat­to abro­ga­re il decre­to Sal­vi­ni, quan­to ridi­se­gna­re i i mar­gi­ni di inter­ven­to e le con­se­guen­ti san­zio­ni. Stes­so ragio­na­men­to per quan­to riguar­da le cosid­det­te “pro­te­zio­ni spe­cia­li” che han­no sosti­tui­to la “pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria”: lun­gi dal ripri­sti­na­re l’u­ma­ni­ta­ria, Lamor­ge­se vor­reb­be con­so­li­da­re l’im­pian­to del­le pro­te­zio­ni spe­cia­li amplian­do­le. Se è un buon segna­le il ripri­sti­no del­l’i­scri­zio­ne all’a­na­gra­fe per i richie­den­ti asi­lo (già di fat­to ripri­sti­na­ta in via giu­di­zia­ria…), è un pes­si­mo segna­le che non sia sta­ta spe­sa una sola paro­la sul­lo sman­tel­la­men­to del siste­ma di acco­glien­za (a par­ti­re dal­lo Sprar) stu­dia­to e appli­ca­to da Salvini.

Pos­si­bi­le chie­de da tem­po l’a­bro­ga­zio­ne dei due decre­ti, con­vin­ti che sia­no sba­glia­ti e dan­no­si a par­ti­re dal­le basi. Con­ti­nue­re­mo a far­lo.

FIRMA ANCHE TU PER CHIEDERE 

L’ABROGAZIONE DEI DECRETI SICUREZZA

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.