Liguria: la pericolosa ripartenza

Cessata epidemia in Liguria? Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità per dichiarare conclusa un’epidemia in un territorio devono essere trascorsi due periodi di incubazione del virus senza che si registrino nuovi contagi, 28 giorni dunque per Sars-Cov-2. In Liguria però siamo ben lontani da questo traguardo: domenica 17 maggio i contagi registrati sono stati ancora 48. 

Ces­sa­ta epi­de­mia in Ligu­ria? Secon­do l’Organizzazione mon­dia­le del­la Sani­tà per dichia­ra­re con­clu­sa un’epidemia in un ter­ri­to­rio devo­no esse­re tra­scor­si due perio­di di incu­ba­zio­ne del virus sen­za che si regi­stri­no nuo­vi con­ta­gi, 28 gior­ni dun­que per Sars-Cov‑2. In Ligu­ria però sia­mo ben lon­ta­ni da que­sto tra­guar­do: dome­ni­ca 17 mag­gio i con­ta­gi regi­stra­ti sono sta­ti anco­ra 48. 

Nono­stan­te ciò da doma­ni Regio­ne Ligu­ria sospen­de il ser­vi­zio di autoam­bu­lan­ze dedi­ca­te ai casi covid o sospet­ti covid: non ero­ghe­rà infat­ti più la quo­ta di rim­bor­so spe­ci­fi­co per le cosid­det­te “ambu­lan­ze Covid-19”, rim­bor­so che ha per­mes­so duran­te tut­ta la fase di emer­gen­za di dif­fe­ren­zia­re i tra­spor­ti tra i pazien­ti, di ese­gui­re sani­fi­ca­zio­ni e dun­que limi­ta­re i con­ta­gi e di far lavo­ra­re gli ope­ra­to­ri e i volon­ta­ri in mas­si­ma sicu­rez­za.  In un cli­ma di cor­sa alla ria­per­tu­ra è arri­va­ta la  comu­ni­ca­zio­ne del Dipar­ti­men­to Regio­na­le Emer­gen­za 118 di Ali­sa che visto il calo dei con­ta­gi e degli inter­ven­ti su pazien­ti infet­ti­vi fa ces­sa­re i rim­bor­si dal 18 mag­gio.   Ces­sa­ta esi­gen­za insom­ma, anco­ra in mez­zo a una pan­de­mia glo­ba­le. Poche miglia­ia di euro di rispar­mio, tra l’altro, per Regio­ne Ligu­ria che però mostra anco­ra una vol­ta di ave­re più a cuo­re la ripar­ten­za del­la sta­gio­ne turi­sti­ca piut­to­sto che la salu­te pub­bli­ca.  Per for­tu­na ci pen­sa­no Anpas, Cri e Cipas con un comu­ni­ca­to con­giun­to a riba­di­re che, nono­stan­te l’assenza del rim­bor­so da par­te del­la Regio­ne, «le orga­niz­za­zio­ni con­ti­nue­ran­no a man­te­ne­re gli ele­va­ti stan­dard di ser­vi­zio nell’interesse dei pazien­ti assi­sti­ti e  del­la loro salu­te». Pre­ci­sa­no che dopo ogni inter­ven­to avver­rà la sani­fi­ca­zio­ne del mez­zo e che il per­so­na­le con­ti­nue­rà ad esse­re tute­la­to con gli spe­ci­fi­ci DPI. «Il soc­cor­so agli amma­la­ti e la tute­la del­la salu­te — con­ti­nua Ris­so — rap­pre­sen­ta­no la mis­sio­ne volon­ta­ria e l’assoluta prio­ri­tà del­le Pub­bli­che Assi­sten­ze ANPAS e CIPAS e del­la Cro­ce Ros­sa Ita­lia­na, oggi come ieri. Que­sta mis­sio­ne non è mai sta­ta abban­do­na­ta e non potrà mai esser­lo, a mag­gior ragio­ne nel cor­so di un’emergenza sani­ta­ria glo­ba­le sen­za pre­ce­den­ti. Ciò, pre­scin­den­do del tut­to da con­si­de­ra­zio­ni di ordi­ne eco­no­mi­co, che pure richie­do­no alle Orga­niz­za­zio­ni di Volon­ta­ria­to uno sfor­zo imma­ne, soste­nu­to dal­la gene­ro­si­tà e dall’affetto del­la popo­la­zio­ne». Tute­la del­la salu­te pub­bli­ca, quel­la che dovreb­be esse­re il pri­mo pen­sie­ro, in que­sto momen­to, sia per il Gover­no sia per i Gover­na­to­ri, ma che sta inve­ce sci­vo­lan­do sem­pre più in secon­do pia­no. Nono­stan­te per Toti l’unica pre­oc­cu­pa­zio­ne sia la ria­per­tu­ra il pri­ma pos­si­bi­le dei con­fi­ni regio­na­li e nazio­na­li, per per­met­te­re a tut­ti di veni­re al mare, la Ligu­ria resta comun­que una di quel­le Regio­ni, secon­do il Mini­ste­ro del­la Salu­te, con un incre­men­to set­ti­ma­na­le dei con­ta­gi alto. Ma il Dpcm, con cui di fat­to il  Gover­no dele­ga alle Regio­ni il moni­to­rag­gio del­la pan­de­mia, è sta­to appro­va­to addi­rit­tu­ra pri­ma dell’arrivo al Mini­ste­ro stes­so dei dati del moni­to­rag­gio che dove­va­no indi­riz­za­re pro­prio il Dpcm. Enne­si­ma pro­va del­la man­can­za di pro­gram­ma­zio­ne e indi­riz­zo. 

Del­le stra­te­gia del­le 3T (testa­re, trat­ta­re, trac­cia­re) l’Italia si è com­ple­ta­men­te dimen­ti­ca­ta, tran­ne il caso iso­la­to del Vene­to, e nell’ultima con­fe­ren­za stam­pa del pre­mier Con­te di nuo­vo non si è par­la­to di salu­te pub­bli­ca, è ser­vi­ta una doman­da per ricor­da­re che le 3T sono fon­da­men­ta­li e che for­se non stia­mo facen­do mol­to al riguar­do: la rispo­sta vaga e fumo­sa. 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.