Lettera aperta alla Ministra Lamorgese

Le condizioni dei migranti in Libia peggiorano di giorno in giorno. Centinaia di donne e di uomini sopravvivono dietro le sbarre degli atroci campi o per strada, ad esempio nella pericolosa area di Tripoli. Molti hanno bambini piccoli. Tutti sono alla mercé di un Governo, quello libico, che li considera esseri inferiori da utilizzare come forza lavoro in un redivivo sistema economico basato sulla divisione in razze e sulla riduzione in schiavitù degli ultimi.

Gen­ti­le Mini­stra Lamorgese,

sap­pia­mo che il Suo Mini­ste­ro da sei mesi sta lavo­ran­do all’attivazione di un bel­lis­si­mo pro­get­to per 5 voli di eva­cua­zio­ne dal­la Libia ver­so l’Italia.

I sog­get­ti orga­niz­za­to­ri, la Fede­ra­zio­ne del­le Chie­se Evan­ge­li­che in Ita­lia, la Tavo­la Val­de­se e la Comu­ni­tà di Sant’Egidio, sono gli stes­si che da anni eva­cua­no con suc­ces­so rifu­gia­ti siria­ni dal Liba­no ed han­no, quin­di, tut­te le car­te in rego­la per gesti­re acco­glien­za e ricol­lo­ca­men­to di per­so­ne nei vari Pae­si euro­pei sen­za gra­va­re sul­lo Sta­to italiano.

Que­sti cor­ri­doi uma­ni­ta­ri per­met­to­no a per­so­ne fug­gi­te dai loro pae­si e in con­di­zio­ne di vul­ne­ra­bi­li­tà di acce­de­re al loro dirit­to di chie­de­re asi­lo usu­fruen­do di vie lega­li e sicu­re. Lo stes­so Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca, Ser­gio Mat­ta­rel­la, li ha defi­ni­ti “un momen­to di rea­liz­za­zio­ne con­cre­ta dei prin­ci­pi del­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na”.

Sap­pia­mo che ogni pro­get­to ha il suo iter, ma con­si­de­ra­ta l’emergenza uma­ni­ta­ria in Libia, Le chie­dia­mo di con­ce­de­re subi­to il nul­la osta per attua­re i 5 voli di eva­cua­zio­ne urgente.

Nel­le ulti­me set­ti­ma­ne diver­se per­so­ne che avreb­be­ro avu­to dirit­to ad un posto su quei voli sono mor­te. Di malat­tia, fame e abban­do­no. Tra di loro c’erano anche un mino­ren­ne e una bim­ba di un anno e mezzo.

Le con­di­zio­ni dei migran­ti in Libia peg­gio­ra­no di gior­no in gior­no. Cen­ti­na­ia di don­ne e di uomi­ni soprav­vi­vo­no die­tro le sbar­re degli atro­ci cam­pi o per stra­da, ad esem­pio nel­la peri­co­lo­sa area di Tri­po­li. Mol­ti han­no bam­bi­ni pic­co­li. Tut­ti sono alla mer­cé di un Gover­no, quel­lo libi­co, che li con­si­de­ra esse­ri infe­rio­ri da uti­liz­za­re come for­za lavo­ro in un redi­vi­vo siste­ma eco­no­mi­co basa­to sul­la divi­sio­ne in raz­ze e sul­la ridu­zio­ne in schia­vi­tù degli ultimi.

Affin­ché tut­to que­sto non riman­ga su un pia­no astrat­to, ci per­met­ta di rac­con­tar­Le alcu­ne sto­rie rea­li di per­so­ne che stia­mo cer­can­do di evacuare:

– Maryam, Sami­ra, Fati­ma e tan­te altre ragaz­ze che seguia­mo, dopo la cat­tu­ra in mare sono sta­te ven­du­te come schia­ve da guar­die o diret­to­ri di cam­pi (anche di cam­pi finan­zia­ti da pro­get­ti AICS!) per cifre attor­no ai 1500 dol­la­ri. Le han­no com­pra­te pri­va­ti cit­ta­di­ni libi­ci per usar­le di gior­no come dome­sti­che non paga­te, tut­te le not­ti le han­no violentate.

– Paul, Seba­stian e un nume­ro altis­si­mo di altri ragaz­zi, cat­tu­ra­ti in mare nel 2020, sono sta­ti pro­ces­sa­ti dal Tri­bu­na­le ordi­na­rio di Tri­po­li. Lega­ti, ben­da­ti e sen­za avvo­ca­ti difen­so­ri. Da lì sono sta­ti desti­na­ti ai lavo­ri for­za­ti: chi come ope­ra­io per costrui­re ope­re pub­bli­che e pri­va­te, chi come schia­vosol­da­to.

Come saprà, l’articolo 6 del­la leg­ge libi­ca 19/2010 sull’immigrazione clan­de­sti­na vie­ne tut­to­ra appli­ca­to dal Gover­no di Accor­do Nazio­na­le Libi­co (GNA). Tale leg­ge, per il rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na, pre­ve­de la pena del­la deten­zio­ne con lavo­ri for­za­ti.

Alla schia­vi­tù si aggiun­ge la fame. E le con­se­guen­ti malat­tie. Anche chi è riu­sci­to a scap­pa­re da pri­gio­ni, lavo­ri for­za­ti e tor­tu­re sta moren­do. Soprat­tut­to i bam­bi­ni. Sof­fro­no di calo del­la vista, pro­ble­mi car­dia­ci e di una serie di pato­lo­gie pro­vo­ca­te dal­lo sta­to di denu­tri­zio­ne in cui versano.

In Libia i migran­ti non han­no acces­so a cure medi­che. Seguia­mo don­ne incin­te che non han­no mai visto un dot­to­re e saran­no costret­te a par­to­ri­re nasco­ste, per­ché un’altra leg­ge libi­ca pre­ve­de l’arresto imme­dia­to per le don­ne che han­no figli sen­za mari­to. L’estate scor­sa han­no arre­sta­to una ragaz­za che cono­scia­mo: la sua uni­ca col­pa era sta­ta recar­si in un ospe­da­le di Tri­po­li per non mori­re di par­to, è sta­ta por­ta­ta in pri­gio­ne poche ore dopo la nasci­ta del suo bambino.

Se non inter­ve­nia­mo, que­ste per­so­ne mori­ran­no in Libia, oppu­re ten­te­ran­no il mare, con i rischi che cono­scia­mo bene.

L’Europa, come espo­sto nel­la denun­cia pre­sen­ta­ta da Juan Bran­co e Omer Sha­tz alla Cor­te pena­le dell’Aia per Cri­mi­ni con­tro l’umanità a giu­gno del 2019, è coscien­te­men­te respon­sa­bi­le del­le mor­ti per anne­ga­men­to, dei respin­gi­men­ti sia in Libia che lun­go le rot­te bal­ca­ni­che, dei con­se­guen­ti cri­mi­ni con­tro le per­so­ne respin­te. Vedia­mo la poli­ti­ca ita­lia­na espri­me­re acco­ra­te paro­le di cor­do­glio per casi par­ti­co­lar­men­te dram­ma­ti­ci, come la mor­te del pic­co­lo Jose­ph o l’abbandono dei rifu­gia­ti nel cam­po di Lipa, ma non pos­sia­mo fare a meno di nota­re la sua igna­via, quan­do si trat­ta di inter­ve­ni­re con i fatti.

L’emergenza COVID-19 vie­ne trop­po spes­so uti­liz­za­ta come scu­san­te per bloc­ca­re i cor­ri­doi uma­ni­ta­ri. Eppu­re, la recen­tis­si­ma espe­rien­za dal Liba­no ci ha dimo­stra­to che non c’è cosa più sicu­ra dei cor­ri­doi lega­li, che pre­ve­do­no con­trol­li medi­ci accu­ra­ti sui rifu­gia­ti in entra­ta nel nostro Paese.

Tra qual­che anno, ciò che oggi stia­mo rac­con­tan­do fini­rà sui libri di Sto­ria. Ma non vi fini­rà solo ciò che abbia­mo det­to, vi fini­rà anche e soprat­tut­to ciò che abbia­mo fat­to – o non fat­to – per evitarlo.

Oggi, con que­sta let­te­ra, chie­dia­mo di apri­re urgen­te­men­te un cana­le lega­le e sicu­ro tra la Libia e l’Italia, ma anche di met­te­re in atto una svol­ta nel­la poli­ti­ca migra­to­ria ita­lia­na e far sì che essa ispi­ri il resto d’Europa.

12/01/2021

Sari­ta Fra­ti­ni, Armi­da Gaetana

e tut­to il Josi & Loni Project

Fir­ma­ta­ri:

Josi & Loni Project;

Medi­ter­ra­nea Saving Humans;

Alarm Pho­ne;

Bao­bab Experience;

Basta Vio­len­za alle Frontiere;

Bor­der­li­ne Euro­pe – Italia;

Bor­der­li­ne Sicilia;

Col­let­ti­vo Pri­mo Contatto;

Comi­ta­to Veri­tà e Giu­sti­zia per i Nuo­vi Desaparecidos;

Emmaus Paler­mo;

Forum Anti­raz­zi­sta Palermo;

Lascia­te­CIEn­tra­re;

Movi­men­to EcoSocialista;

Pos­si­bi­le;

Rimuo­ven­do Gli Ostacoli;

Sal­va­men­to Mari­ti­mo Huma­ni­ta­rio – SMH;

Yasmi­ne Accar­do (Lascia­te­CiEn­tra­re);

Tizia­na Baril­là (gior­na­li­sta e scrittrice);

Gior­gio Beret­ta (osser­va­to­rio OPAL);

Bea­tri­ce Bri­gno­ne (segre­ta­ria “Pos­si­bi­le”);

Tizia­na Car­me­li­ta­no (atti­vi­sta);

Mar­co Ciur­ci­na (avvo­ca­to);

Giu­sep­pe Civa­ti (edi­to­re);

Fede­ri­ca Giglio (vignet­ti­sta);

Car­lo Gubi­to­sa (gior­na­li­sta e scrittore);

Lui­sa Leon (atti­vi­sta);

Fede­ri­co Lera (avvo­ca­to);

Ales­san­dro Lupa­rel­lo (atti­vi­sta);

Lucia­na Negro;

Giu­si Nico­li­ni (atti­vi­sta)

Vale­rio Nico­lo­si (regi­sta, scrittore);

Ful­vio Vas­sal­lo Paleo­lo­go (vice pre­si­den­te ADIF);

Artu­ro Saler­ni (pre­si­den­te Coa­li­zio­ne Ita­lia­na per le liber­tà e i dirit­ti civili);

Pao­la Spi­ne­li (atti­vi­sta);

Danie­le Vica­ri (regi­sta);

Don Mus­sie Zerai;

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.