Lesbo: non è umano il genere umano

L’appello va a tutti voi, esseri umani che avete ancora il coraggio di essere umani: che queste ore, diventate giorni, non svaniscano dalla nostra memoria. Teniamo alta l’attenzione su Grecia e Turchia e chiediamo, anzi pretendiamo un segnale immediato dalle istituzioni.
153277-md

Sul dizionario, la voce “umano” recita: «che rivela sentimenti di comprensione e di equità, che ha un atteggiamento aperto, solidale verso gli altri». Tuttavia, a seguito di ciò che sta accadendo in questi giorni al confine tra Grecia e Turchia viene da chiedersi quale legame ci sia tra l’apertura e la solidarietà e l’essere umano, appunto. Morte, chiusura e sofferenza sembrano concetti e parole forse più adeguati e veritieri per descrivere l’umano.

Nelle ultime ore l’Idlib, terreno di conflitto tra Ankara e Damasco, è avviato verso un’escalation del conflitto, con Erdogan da una parte, Putin dall’altra e in mezzo i civili, loro, i “clandestini”, i “migranti illegali”, gli esseri umani che scappanoquelli che la Turchia blocca dal 2016.

Nel frattempo, la Turchia ha aperto i così tanto temuti confini per 72 ore. Temuti perché? Perché evidentemente la loro apertura porta all’esposizione della faccia nascosta dell’Europa, quella disumana.

E così, dopo poche ore, i poliziotti greci respingono tra cariche e lacrimogeni circa 4 mila migranti, la Guardia Costiera greca cerca di far naufragare le barche, addirittura sparando con colpi d’arma da fuoco contro individui inermi. E poi loro: le persone a Lesbo – umani, avvelenati da populismi e sovranismi – che guardano negli occhi i propri simili invitandoli ad andare a morire. Bruciano un centro di accoglienza. Intanto, l’immaginario di un’Europa umana, contenuto negli occhi di chi la sogna, diviene incubo e carneficina.

Tutto alla luce del sole, davanti gli occhi di tutti. E l’Europa risponde: «Stabiliremo una discussione più intensa con Ankara». Ricordando che abbiamo un accordo. Quell’accordo va stracciato. (E noi italiani lo dovremmo capire bene visto che da stracciare abbiamo i nostri, di accordi)

Intanto, si continuano a usare gli esseri umani come armi, per minacciare, per colpire.

È al confine tra Grecia e Turchia che muore la nostra idea di Europa, il nostro progetto di Europa, la corte di Strasburgo, la Corte internazionale di Giustizia. Muoiono le istituzioni. Assieme a coloro che non riteniamo degni di entrare in Europa annientiamo – con le peggiori pratiche criminali – l’Europa stessa. E cambia ciò che è e ciò che non è umano. Perché quello che sta succedendo a Lesbo non è umano.

L’appello va a tutti voi, esseri umani che avete ancora il coraggio di essere umani: che queste ore, diventate giorni, non svaniscano dalla nostra memoria. Teniamo alta l’attenzione su Grecia e Turchia e chiediamo, anzi pretendiamo un segnale immediato dalle istituzioni.

L’Europa non lasci più sola sé stessa.

Jessi Kume

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati