L’emergenza Covid e gli effetti sulla salute mentale

In una dimensione in cui la salute mentale non brillava per spirito innovatore, è arrivata l’emergenza Covid19, che non solo si è abbattuta su chi già aveva disturbi psichiatrici, ma anche su persone che si sono trovate a fare i conti con disagi e sofferenze psicologiche e relazionali con cui mai si erano confrontate.

La psi­chia­tria ita­lia­na di comu­ni­tà nasce nel 1978 con la Leg­ge 180 che ha chiu­so gli Ospe­da­li psi­chia­tri­ci e ha aper­to i Ser­vi­zi di Salu­te Men­ta­le Ter­ri­to­ria­li. Nell’approccio basa­glia­no assu­me pri­ma­ria impor­tan­za la neces­si­tà di cer­ca­re insie­me rispo­ste che rispet­ti­no i biso­gni del­la per­so­na con sof­fe­ren­za psi­chi­ca: ave­re un ruo­lo atti­vo nel­la socie­tà (lavo­ro), ave­re una casa pro­pria da vive­re e cura­re, ave­re del­le rela­zio­ni affet­ti­ve auten­ti­che, ave­re la pos­si­bi­li­tà di tro­va­re il pro­prio posto nel mon­do anche con la pro­pria diversità/fragilità.

Nasco­no così i Per­cor­si Ria­bi­li­ta­ti­vi Indi­vi­dua­li con pre­sa in cari­co del­la com­ples­si­tà dei biso­gni del­la per­so­na all’insegna del mot­to “Non solo far­ma­ci”. Nel­la con­tin­gen­za eco­no­mi­ca che vige da alcu­ni anni gra­dual­men­te sem­pre più risor­se sono sta­te sot­trat­te alla ria­bi­li­ta­zio­ne psi­co-socia­le del­le per­so­ne con sof­fe­ren­za psi­chi­ca, orien­tan­do l’as­se­gna­zio­ne dei fon­di pub­bli­ci ver­so la tra­di­zio­na­le sani­ta­riz­za­zio­ne degli inter­ven­ti, ero­ga­ti per­lo­più in situa­zio­ni emer­gen­zia­li, gene­ran­do pesan­ti dif­fi­col­tà nel costrui­re con­cre­te oppor­tu­ni­tà di benes­se­re del­la persona. 

Nel nostro Pae­se vie­ne inve­sti­to appe­na il 3% del Fon­do sani­ta­rio nazio­na­le in salu­te men­ta­le, men­tre in altri Pae­si euro­pei (Ger­ma­nia, Fran­cia, Inghil­ter­ra) que­sta per­cen­tua­le oscil­la tra il 10 e il 15%. A que­sto si aggiun­ge una dimen­sio­ne cul­tu­ra­le che non è mai sta­ta supe­ra­ta nel­la qua­le a domi­na­re è anco­ra il sape­re dei medi­ci rispet­to a quel­lo degli uten­ti e dei fami­lia­ri che han­no così strut­tu­ra­to un atteg­gia­men­to di dele­ga rispet­to al per­so­na­le curan­te e di non con­sa­pe­vo­lez­za del­le loro pos­si­bi­li­tà di empowerment. 

In una dimen­sio­ne in cui la salu­te men­ta­le non bril­la­va per spi­ri­to inno­va­to­re, è arri­va­ta l’emergenza Covid19, che non solo si è abbat­tu­ta su chi già ave­va distur­bi psi­chia­tri­ci, ma anche su per­so­ne che si sono tro­va­te a fare i con­ti con disa­gi e sof­fe­ren­ze psi­co­lo­gi­che e rela­zio­na­li con cui mai si era­no confrontate.

Nel­le deci­ne di inter­ven­ti che si sono sus­se­gui­ti, nell’incon­tro onli­ne dell’Assemblea nazio­na­le del­la Con­fe­ren­za salu­te men­ta­le del 30 mag­gio 2020, si sono evi­den­zia­te le gran­di dif­fi­col­tà vis­su­te nel perio­do di pan­de­mia: o l’interruzione del­le atti­vi­tà ria­bi­li­ta­ti­ve, o la chiu­su­ra dei cen­tri diur­ni, o la ridu­zio­ne del­le atti­vi­tà dei cen­tri di salu­te men­ta­le, o le pro­ble­ma­ti­ci­tà di un’operatività di soste­gno rela­zio­na­le ridot­ta a con­tat­ti tele­ma­ti­ci e tele­fo­ni­ci, o le dif­fi­ci­li sfi­de affron­ta­te da ope­ra­to­ri sia pub­bli­ci che del­le coo­pe­ra­ti­ve (dove esse esi­sto­no), o l’aumento di for­me di con­ten­zio­ne, segre­ga­zio­ne e interdizione. 

Nell’intervento di Fabri­zio Sta­ra­ce, è sta­ta evi­den­zia­ta la neces­si­tà di “desti­na­re risor­se per i ser­vi­zi ter­ri­to­ria­li di pros­si­mi­tà, mol­ti­pli­ca­re gli inter­ven­ti vol­ti a soste­ne­re l’autonomia socia­le, lavo­ra­ti­va e abi­ta­ti­va del­le per­so­ne e di raf­for­za­re a que­sto sco­po stru­men­ti ope­ra­ti­vi come i bud­get di salu­te indi­vi­dua­le e di comu­ni­tà per la pre­sa in cari­co e la ria­bi­li­ta­zio­ne del­le cate­go­rie di per­so­ne più fra­gi­li, ispi­ra­te al prin­ci­pio del­la pie­na inte­gra­zio­ne socio-sani­ta­ria, con il coin­vol­gi­men­to del­le isti­tu­zio­ni pre­sen­ti nel ter­ri­to­rio, del volon­ta­ria­to loca­le e degli enti del Ter­zo set­to­re secon­do moda­li­tà di inter­ven­to che ridu­ca­no le scel­te di isti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne, favo­ri­sca­no la domi­ci­lia­ri­tà e con­sen­ta­no la valu­ta­zio­ne dei risul­ta­ti otte­nu­ti”, scel­te tal­vol­ta anche con­ve­nien­ti da un pun­to di vista eco­no­mi­co (com­ma 4‑bis, con­ver­sio­ne in leg­ge del c.d. Decre­to Rilancio).

“Ver.Bene”, refe­ren­te pro­vin­cia­le del movi­men­to nazio­na­le “Le paro­le ritro­va­te”, si è posta in un’ottica di col­la­bo­ra­zio­ne con i ser­vi­zi gra­zie alla for­ma­zio­ne e al sape­re espe­rien­zia­le dei soci che sono uten­ti e fami­lia­ri (“Fare assie­me”), tut­ta­via ha dif­fi­col­tà a far sen­ti­re la pro­pria voce all’interno di un model­lo cul­tu­ra­le che vede il medi­co come deten­to­re uni­co del sape­re e che in trop­pi casi inve­ce di rece­pi­re e acco­glie­re le neces­si­tà di ascol­to empa­ti­co del­le per­so­ne por­ta­tri­ci di sof­fe­ren­za (uten­ti e fami­lia­ri), rico­no­scen­do­ne le com­pe­ten­ze, tra­smet­te peda­go­gi­ca­men­te i com­por­ta­men­ti da segui­re, dai far­ma­ci da pren­de­re alle abi­tu­di­ni di vita che è oppor­tu­no tenere. 

È il tra­di­zio­na­le approc­cio medi­co che vede cala­re il sape­re e il pote­re dall’alto ver­so il bas­so (dal medi­co al pazien­te, appun­to) in un con­te­sto rela­zio­na­le chia­ra­men­te asim­me­tri­co. (Ren­zo de Ste­fa­ni di “Le paro­le ritrovate”). 

“Ver.Bene” nei suoi cin­que anni di assi­duo lavo­ro ha tes­su­to rela­zio­ni e col­la­bo­ra­zio­ni con il ter­ri­to­rio, è sta­ta pre­sen­te nei mol­ti ambi­ti in cui si com­bat­te per i dirit­ti di per­so­ne emar­gi­na­te e stig­ma­tiz­za­te. Chie­de ora un sup­por­to fat­ti­vo alla socie­tà civi­le per por­ta­re avan­ti la dife­sa dei dirit­ti del­le per­so­ne con sof­fe­ren­za psichica. 

Per un appro­fon­di­men­to, clic­ca qui.

Prof.ssa Maria Fanfarillo

Pre­si­den­te di Ver.bene

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.