Le spiagge toscane, fra sfruttamento ambientale ed economico

Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.

Si avvi­ci­na la fine dell’estate e con essa il ter­mi­ne del­la sta­gio­ne bal­nea­re e, per chi se lo è potu­to per­met­te­re, il rien­tro dal­le vacan­ze sui lidi tosca­ni. Insom­ma, è momen­to di bilan­ci che, come ha illu­stra­to meti­co­lo­sa­men­te Legam­bien­te nell’ultimo report di luglio 2021, non pos­so­no che esse­re dram­ma­ti­ci se si ana­liz­za la situa­zio­ne del­le spiag­ge libe­re in Tosca­na e in par­ti­co­la­re di quel­le del­le pro­vin­ce di Luc­ca e Mas­sa Car­ra­ra – spoi­ler: pra­ti­ca­men­te assenti.

Seb­be­ne il pro­ble­ma del­la pro­por­zio­ne tra are­ni­li libe­ri e in con­ces­sio­ne si esten­da a tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le, que­sta par­ti­co­la­re zona di lito­ra­le tosca­no, che si svi­lup­pa per una cin­quan­ti­na di chi­lo­me­tri dal­la fra­zio­ne di Tor­re del Lago (Via­reg­gio) fino al con­fi­ne con la Ligu­ria, sof­fre prin­ci­pal­men­te di tre pesan­ti pri­ma­ti negativi.

Il pri­mo di carat­te­re squi­si­ta­men­te regio­na­le riguar­da la com­ple­ta assen­za di una nor­ma­ti­va che disci­pli­ni la quan­ti­tà mini­ma di spiag­gia libe­ra o libe­ra attrez­za­ta rispet­to a quel­la in con­ces­sio­ne; mate­ria che infat­ti è rego­la­men­ta­ta dal­le regio­ni stes­se e che fino ad oggi è sta­ta igno­ra­ta dal­le mag­gio­ran­ze del­le con­si­lia­tu­re regio­na­li di gover­no. La Tosca­na, pur­trop­po, non è l’unica in cui per­si­ste que­sta vaca­tio legis, ma è in com­pa­gnia di Basi­li­ca­ta, Sici­lia, Friu­li-Vene­zia Giu­lia e Veneto.

Il secon­do inve­ce, con­se­quen­zial­men­te lega­to al pri­mo, con­si­ste nell’effettiva quo­ta di are­ni­li acces­si­bi­li pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio e che in assen­za di inter­ven­ti mira­ti anche da par­te dei comu­ni sono qua­si scom­par­si. Pie­tra­san­ta (LU) con il 98.8% per­cen­to di spiag­gia in con­ces­sio­ne è il comu­ne tosca­no mag­gior­men­te occu­pa­to da sta­bi­li­men­ti bal­nea­ri, secon­do a livel­lo nazio­na­le solo dopo Gat­teo in pro­vin­cia di For­lì-Cese­na in cui la tota­li­tà del­la spiag­gia è ormai cospar­sa di let­ti­ni e ombrel­lo­ni. Ma c’è di più: la zona del­la Ver­si­lia assie­me a par­te del­la costa mas­se­se accol­go­no in nem­me­no 30 km di sab­bia più del­la metà di tut­te le con­ces­sio­ni del­la regio­ne, a dimo­stra­zio­ne del fat­to che i comu­ni che fan­no par­te di que­sta fascia costie­ra si asse­sta­no su una per­cen­tua­le di spiag­gia in con­ces­sio­ne tri­ste­men­te alta:

Cama­io­re (LU) 98.4%

Mon­ti­gno­so (MS) 97%

For­te dei Mar­mi (LU) 93.7%

Mas­sa 90.3%

Car­ra­ra 84.8%

Via­reg­gio (LU) 71.5%

È solo gra­zie alla spiag­gia libe­ra del­la Lec­cio­na, sito d’interesse del par­co natu­ra­le di Miglia­ri­no, San Ros­so­re e Mas­sa­ciuc­co­li e situa­to oltre il por­to di Via­reg­gio al con­fi­ne con la pro­vin­cia di Pisa, che Via­reg­gio rie­sce a sta­bi­lir­si su una pro­por­zio­ne un po’ meno dram­ma­ti­ca del­le altre.

Non va nem­me­no dato per scon­ta­to il buo­no sta­to in cui dovreb­be­ro ver­sa­re le poche spiag­ge libe­re pre­sen­ti: il cam­pio­na­men­to annua­le di Golet­ta Ver­de del 2021 ha mostra­to che la foce del tor­ren­te Car­rio­ne a Car­ra­ra, del Lavel­lo e del Bru­gia­no a Mas­sa sono aree estre­ma­men­te inqui­na­te e quin­di non adat­te alla balneazione.

Insom­ma, nem­me­no la qua­li­tà quan­do man­ca la quan­ti­tà – non mul­ta nec mul­tum potrem­mo dire.

Ter­zo pri­ma­to sono i prez­zi al pub­bli­co fis­sa­ti dal­lə con­ces­sio­na­riə. A Mari­na di Pie­tra­san­ta il Twi­ga di Bria­to­re, in cui una per­ma­nen­za gior­na­lie­ra può arri­va­re a costa­re fino a 1.000 euro, è in asso­lu­to lo sta­bi­li­men­to bal­nea­re più caro d’Italia, ma prez­zi esa­ge­ra­ta­men­te alti sono la nor­ma­li­tà anche a For­te dei Mar­mi dove una ten­da per quat­tro per­so­ne può rag­giun­ge­re anche i 300 euro al gior­no. Il fat­to anco­ra più ver­go­gno­so, oltre a que­sto caso limi­te di tra­sfor­ma­zio­ne di un bene ina­lie­na­bi­le in uno luo­go blin­da­to di lus­so e pri­vi­le­gio, è defi­ni­to dai cano­ni annua­li che le con­ces­sio­ni sono tenu­te a ver­sa­re allo Sta­to e che con­ti­nua­no a esse­re trop­po bas­si rispet­to ai fat­tu­ra­ti del­le impre­se occu­pan­ti. Quan­to può esse­re gra­ve la situa­zio­ne se Bria­to­re stes­so in un’intervista al Cor­rie­re pre-pan­de­mia ha dichia­ra­to che oggi gli affit­ti non sono più ade­gua­ti e che in par­ti­co­la­re i 17.000 euro da lui ver­sa­ti dovreb­be­ro esse­re alme­no 100.000?

La que­stio­ne è sta­ta anche timi­da­men­te affron­ta­ta nel Decre­to Leg­ge 104/2020 che ha alza­to per il 2021 il cano­ne mini­mo da 362,90 euro a 2.500 euro, sen­za che però fos­se rivi­sta com­ple­ta­men­te l’attuale sud­di­vi­sio­ne in sole due fasce di valen­za turi­sti­ca che da 15 anni defi­ni­sce i cano­ni in manie­ra iniqua.

Un altro dato aiu­ta a com­pren­de­re meglio que­sto dise­qui­li­brio: la socie­tà di con­su­len­za bolo­gne­se Nomi­sma ha sti­ma­to che il giro d’affari degli sta­bi­li­men­ti bal­nea­ri ammon­ta alme­no a 15 miliar­di di euro – e figu­ria­mo­ci se non c’è del som­mer­so anche qua — a fron­te dei 115 milio­ni di euro di cano­ni impo­sti nel 2019 e di cui sola­men­te 83 riscos­si dal­lo Stato.

Sì, dal­lo Sta­to per­ché ai comu­ni non toc­ca asso­lu­ta­men­te nien­te, men­tre le regio­ni pos­so­no arbi­tra­ria­men­te appli­car­vi una sovrat­tas­sa che alme­no in Tosca­na arri­va al 25%.

E men­tre vie­ne accol­to a brac­cia aper­te l’arrivo di Arma­ni a For­te dei Mar­mi dove l’imprenditore ha appe­na acqui­sta­to uno sta­bi­li­men­to bal­nea­re, una pro­ce­du­ra di infra­zio­ne pen­de sull’Italia per la vio­la­zio­ne del­la diret­ti­va dell’Unione euro­pea 2006/123/CE – det­ta anche diret­ti­va Bol­ke­stein — che pre­ve­de la mes­sa a gara dei siti bal­nea­ri in con­ces­sio­ne alla fine del­la loro natu­ra­le sca­den­za. L’Italia, infat­ti, non solo ha pro­ro­ga­to fino al 2033 la dura­ta del­le con­ces­sio­ni duran­te il Gover­no Lega-M5s, ma ha pure riaf­fer­ma­to con for­za que­sta posi­zio­ne duran­te il Gover­no Con­te II, rischian­do così una pesan­te san­zio­ne economica.

Ovvia­men­te il tema del­le gare non deve oscu­ra­re la que­stio­ne cen­tra­le del­la giu­sti­zia e del­lo sfrut­ta­men­to ambien­ta­le, ma costi­tui­sce comun­que un altro ele­men­to di insta­bi­li­tà di un model­lo di svi­lup­po mio­pe e ingiusto.

La man­can­za di lidi acces­si­bi­li rap­pre­sen­ta una gra­ve pri­va­zio­ne di un bene pub­bli­co che in linea di prin­ci­pio dovreb­be esse­re frui­bi­le libe­ra­men­te e com­pa­ti­bil­men­te con il rispet­to ambien­ta­le da tut­tə, sen­za che resi­den­ti e turi­stə sia­no costret­tə a paga­re cifre spes­so nean­che trop­po modi­che per gode­re di una del­le risor­se natu­ra­li più impor­tan­ti e sug­ge­sti­ve come il mare. Que­sta for­za­ta limi­ta­zio­ne si coniu­ga nega­ti­va­men­te anche con l’emergenza sani­ta­ria in cor­so, la qua­le ha mes­so a dura pro­va il man­te­ni­men­to del distan­zia­men­to socia­le in quei rari e stret­ti faz­zo­let­ti di spiag­gia libe­ra spar­si sul­la costa nord del­la Toscana.

Dall’incessante edi­fi­ca­zio­ne e sfrut­ta­men­to dei lidi degli ulti­mi decen­ni con­se­gue inol­tre un for­te stress ambien­ta­le e una defor­ma­zio­ne del pae­sag­gio marit­ti­mo dif­fi­cil­men­te rever­si­bi­le; un pano­ra­ma che ormai ha per­so del tut­to il suo pro­fi­lo natu­ra­le a favo­re di quel­lo antropico.

Ecco, “non tro­va­re l’acqua al mare” in que­sto caso non è più solo un sim­pa­ti­co modo di dire.

Comi­ta­to LuMa­Ca — Luc­ca Mas­sa Carrara

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
È illusorio pretendere la perfezione del singolo ingranaggio quando è l’intero meccanismo a essere difettoso. La scuola non è e non può essere Atlante, non può portare i pesi del mondo, sanare i conflitti o ricomporre le fratture. Non può, in sostanza, essere scambiata per mito, o favola, immobile e intatta rispetto al contesto in cui esiste. La scuola vive, evolve, ed è fatta della stessa materia della società, che non è certo quella dei sogni.