Le parole (che per noi) sono importanti

Anche que­sta sarà con ogni pro­ba­bi­li­tà una cam­pa­gna elet­to­ra­le in cui le paro­le si spre­che­ran­no. Non solo quel­le vuo­te, come nel­la ‘miglio­re’ tra­di­zio­ne, ma anche quel­le aggres­si­ve, divi­si­ve, osti­li, come già le ha defi­ni­te qualcuno.

Come inse­gna il Mae­stro, per noi le paro­le sono impor­tan­ti, e per que­sto ne abbia­mo sem­pre dispen­sa­te con par­si­mo­nia, con misu­ra, con cura.

Non saran­no, le nostre, paro­le abu­sa­te e con­te­se dal tra­sver­sa­lis­si­mo par­ti­to dei ric­chi, che da Ber­lu­sco­ni a Di Maio pas­san­do per Ren­zi sem­bra pro­met­te­re sem­pre le stes­se cose, e con pres­so­ché lo stes­so gra­do di vaghez­za e di affidabilità.

Come è ormai tra­di­zio­ne di Pos­si­bi­le, infat­ti, le nostre paro­le non saran­no scrit­te sul­la sab­bia, ma sem­pre accom­pa­gna­te dai nume­ri, pro­po­ste imme­dia­ta­men­te applicabili.

Paro­le clas­si­che, com­pren­si­bi­li, per­ché la poli­ti­ca deve ripar­ti­re dai fon­da­men­ta­li, dai biso­gni rea­li del­le per­so­ne, a cui dare nuo­ve pro­spet­ti­ve e nuo­ve risposte.

MANIFESTO
La nostra pro­po­sta poli­ti­ca sarà infat­ti chia­ra, pale­se, visi­bi­le a tut­ti, basa­ta su un pro­gram­ma con­cre­to, tra­mi­te cui voglia­mo coin­vol­ge­re tut­ti , pub­bli­ca­men­te, per ampliar­la e incarnarla.

TUTTI
La nostra ambi­zio­ne è quel­la di par­la­re a tut­ti, il nostro dove­re è quel­lo di ren­de­re il pae­se un posto miglio­re per tut­ti. Voglia­mo un’Italia più ric­ca. Più ric­ca nel­le pos­si­bi­li­tà di benes­se­re e di cre­sci­ta per tut­ti, più ric­ca nei ser­vi­zi. Per­ché stia­mo vera­men­te bene solo quan­do stia­mo bene tutti.

UGUALE
L’uguale lo abbia­mo per­si­no mes­so nel nostro sim­bo­lo, come dichia­ra­zio­ne d’intenti: trop­pe sono le disu­gua­glian­ze che bloc­ca­no la nostra socie­tà e impe­di­sco­no alle per­so­ne di rea­liz­zar­si al meglio del­le loro pos­si­bi­li­tà. Trop­pe sono le discri­mi­na­zio­ni di gene­re, di orien­ta­men­to ses­sua­le, di ori­gi­ne e pro­ve­nien­za etni­ca. Trop­pi sono i dirit­ti nega­ti a chi non è for­te abba­stan­za per garan­tir­se­li da solo.

UNITÀ
Sia­mo sta­ti tra i pri­mi a cre­de­re e a lavo­ra­re con tut­te le nostre for­ze per l’uni­tà a sini­stra, anche quan­do qua­si nes­su­no la rite­ne­va pos­si­bi­le. Per rispon­de­re a quel­la che è una richie­sta, anzi ‘un ordi­ne’ che ci vie­ne dal­le cit­ta­di­ne e dai cit­ta­di­ni che incon­tria­mo tut­ti i gior­ni. Per­ché pen­sia­mo che solo una sini­stra uni­ta sia in gra­do di uni­re e ricom­por­re un pae­se spac­ca­to da anni di cat­ti­va poli­ti­ca e di cat­ti­ve poli­ti­che, men­tre ora più che mai c’è biso­gno di uni­tà, che lo stes­so dizio­na­rio defi­ni­sce un com­ples­so coe­ren­te e soli­da­le, per sana­re le feri­te dell’Italia e pre­pa­ra­re gior­ni miglio­ri.

UMANITÀ
Per­ché la cri­si ci ha reso tut­ti (qua­si tut­ti) più vul­ne­ra­bi­li, più debo­li, più spa­ven­ta­ti, e que­sti anni dif­fi­ci­li han­no visto rom­per­si il pat­to socia­le che ci tene­va insie­me. L’assenza di sicu­rez­za socia­le, con una poli­ti­ca che caval­ca o si pie­ga al mal­con­ten­to sca­ri­can­do la col­pa su altri debo­li più debo­li di noi, rischia di far­ci per­de­re l’umanità, il nostro valo­re più pre­zio­so, l’unico che tut­ti gli auto-pro­cla­ma­ti­si difen­so­ri dei nostri valo­ri sareb­be­ro pron­ti a sacri­fi­ca­re per un voto in più. Solo chi non rinun­cia alla sua uma­ni­tà saprà occu­par­si dav­ve­ro degli ita­lia­ni più espo­sti, più fra­gi­li, sen­za per­de­re la tenerezza.

LAVORO
La gran­de vit­ti­ma di que­sto tem­po, il lavo­ro deve tor­na­re al cen­tro del­la poli­ti­ca. Non ci saran­no gior­ni miglio­ri fin­ché ci saran­no per­so­ne che lavo­ra­no 40 ore alla set­ti­ma­na sen­za poter comun­que man­te­ne­re sé stes­se o le pro­prie fami­glie. Non ci sarà vero benes­se­re per nes­su­no fino a quan­do i dirit­ti dei lavo­ra­to­ri saran­no sacri­fi­ca­ti, fin­ché il nostro siste­ma pro­dut­ti­vo sce­glie­rà di esse­re com­pe­ti­ti­vo solo sul pia­no dei sala­ri, dei con­trat­ti, del­la ‘pro­dut­ti­vi­tà’, fin­ché non capi­re­mo il costo del­le como­di­tà che le nuo­ve tec­no­lo­gie ci offro­no, fin­ché non sapre­mo redi­stri­bui­re le enor­mi ric­chez­ze che esse producono.

REPUBBLICA
Il nostro pro­get­to non è solo quel­lo di rimet­te­re insie­me la sini­stra. Noi voglia­mo cam­bia­re l’Italia. Cre­dia­mo fer­ma­men­te che la vera allean­za che chi si can­di­da al gover­no del pae­se dovreb­be cura­re è quel­la con la Repub­bli­ca. Che le isti­tu­zio­ni sia­no un bene comu­ne da pre­ser­va­re, met­ten­do loro mano con cura e con rispet­to. Per­ché la ‘cosa pub­bli­ca’ è il pat­to fon­dan­te del­la nostra socie­tà.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.