Le mucche flatulente e il Green New Deal che serve anche all’Europa

Se scri­ve­te nel­la strin­ga di ricer­ca di un qual­sia­si moto­re “far­ting cows” e sce­glie­te le imma­gi­ni, com­pa­ri­ran­no sul vostro dispo­si­ti­vo deci­ne di foto e meme che rap­pre­sen­ta­no Ale­xan­dria Oca­sio Cor­tez in com­pa­gnia di muc­che, con testi che van­no dal sati­ri­co all’offensivo sul­le fla­tu­len­ze del­le muc­che stesse.

È il modo adot­ta­to dal­la destra sta­tu­ni­ten­se per cer­ca­re di smi­nui­re il Green New Deal, il pro­gram­ma socio eco­no­mi­co pro­po­sto dagli espo­nen­ti più a sini­stra dei Demo­cra­ti­ci ame­ri­ca­ni, gui­da­ti e soprat­tut­to ico­ni­ca­men­te rap­pre­sen­ta­ti dal­la gio­va­ne neo elet­ta al Congresso.
Pro­gram­ma che con le “muc­che sco­reg­gian­ti” non ha pra­ti­ca­men­te nul­la a che fare, per quan­to le emis­sio­ni di meta­no del­le stes­se sia­no dav­ve­ro mol­to ele­va­te in rap­por­to al lat­te pro­dot­to, per­ché nel­le sue 14 pagi­ne pos­sia­mo tro­va­re sia la tran­si­zio­ne ener­ge­ti­ca ver­so un uti­liz­zo di fon­ti rin­no­va­bi­li al 100%, con emis­sio­ni-zero da effet­to ser­ra, da com­ple­ta­re entro die­ci anni, ma anche, in stret­tis­si­ma con­nes­sio­ne, un nuo­vo con­trat­to socia­le per il (loro) Pae­se, che pre­ve­de assi­sten­za sani­ta­ria uni­ver­sa­le, sala­rio mini­mo più ele­va­to e di soprav­vi­ven­za, lot­ta ai mono­po­li e alle loro con­se­guen­ze dele­te­rie sul lavo­ro e la società.
Insom­ma, un pro­gram­ma poli­ti­co com­ple­to, che par­te dall’ambiente ma tie­ne den­tro tut­to quel­lo che una for­za poli­ti­ca pro­gres­si­sta può e deve proporre.

La rispo­sta quin­di è attac­ca­re la per­so­na che lo pro­po­ne, asso­ciar­la alle fla­tu­len­ze bovi­ne, e far gira­re insul­ti e cat­ti­ve­rie ovun­que, e non è un caso che, non aven­do una Oca­sio Cor­tez da attac­ca­re, la nostra stam­pa pro­vin­cia­le e i sovra­ni­sti da social se la pren­da­no con Gre­ta Thun­berg, con le stes­se moda­li­tà.

Ma di qua dall’oceano ci sono le ele­zio­ni euro­pee, e qua­si tut­ti cer­ca­no di infi­la­re alme­no un poco di “ver­de” nel­le pro­prie pro­po­ste poli­ti­che, così river­ni­cian­do fret­to­lo­sa­men­te i pro­pri pro­gram­mi, ma sareb­be intel­let­tual­men­te diso­ne­sto nega­re che l’unica for­za poli­ti­ca che, esat­ta­men­te come la sini­stra dem ame­ri­ca­na, quel­la più radi­ca­le, met­te al cen­tro l’aspetto ambien­ta­le e da lì par­te per affron­ta­re tut­ti i nodi socia­li, com­pre­sa l’immigrazione, è rap­pre­sen­ta­ta dai Ver­di Euro­pei.
Ver­di Euro­pei che, nel­le dichia­ra­zio­ni di Ska Kel­ler, sono sal­da­men­te anco­ra­ti a sini­stra, alla stes­sa sini­stra di Oca­sio Cor­tez, quel­la dei con­te­nu­ti e non quel­la iden­ti­ta­ria del­le sigle, o del­le paro­le tan­to per dire, per­ché è evi­den­te che non puoi esse­re con­tem­po­ra­nea­men­te ambien­ta­li­sta e sovra­ni­sta, e nel­lo stes­so tem­po non puoi cer­to dichia­rar­ti anti­li­be­ri­sta e fare tua una teo­ria che è comun­que in qual­che modo indi­riz­za­ta ad un Pae­se libe­ri­sta, fon­da­ta su un siste­ma capi­ta­li­sti­co che però tute­la pri­ma le per­so­ne dei capi­ta­li, pri­ma la Ter­ra del­le pro­prie­tà private.
Green New Deal quin­di è una pro­po­sta ame­ri­ca­na, mol­to spe­ci­fi­ca, che qui non esi­ste negli stes­si ter­mi­ni, ma alla qua­le si può cer­ta­men­te lavo­ra­re a livel­lo europeo.

Del resto, io abi­to una ter­ra che sen­za muc­che non avreb­be la sua pro­du­zio­ne più pre­gia­ta, il Par­mi­gia­no Reg­gia­no, e sen­za maia­li non avreb­be il pro­sciut­to cru­do più famo­so al mon­do e il sala­me più buono.
Potrei mai pren­der­me­la con le mucche?
Evi­den­te­men­te no, anche per­ché da noi sono cura­te e rive­ri­te, man­gia­no solo erba del­le nostre par­ti e non man­gi­mi, ven­go­no mun­te due vol­te al gior­no per­ché que­sto pre­ve­de la pro­du­zio­ne natu­ra­le del parmigiano.

Però intor­no a muc­che e maia­li ci sono sta­bi­li­men­ti che lavo­ra­no con cen­ti­na­ia di dipen­den­ti inte­ri­na­li e meno di quin­di­ci subor­di­na­ti, oppu­re subap­pal­ta­no qua­si tut­to il lavo­ro a coo­pe­ra­ti­ve che nasco­no e spa­ri­sco­no con­ti­nua­men­te, così da ridur­re al mini­mo le tute­le a tut­ti, sia agli ita­lia­ni che ai tan­ti stra­nie­ri occu­pa­ti nel settore.
Il sen­so del Green New Deal sta qui, nel garan­ti­re la vita al pia­ne­ta, il lavo­ro, le tute­le a chi lavora.

Per que­sto voto con­vin­ta­men­te i Ver­di Euro­pei attra­ver­so la lista Euro­pa Ver­de e attra­ver­so le per­so­ne che sono sicu­ro rap­pre­sen­ti­no que­sto pro­get­to, per­ché ci sono le pre­fe­ren­ze.
E non mi impor­ta del quo­rum, mi fa pena leg­ge­re cam­pa­gne basa­te sui sovra­ni­sti, cioè sugli avver­sa­ri, e sui seg­gi che votan­do quel mana­ger o quel sin­da­co si toglie­reb­be­ro a loro, sen­za mai dire per che cosa.

Se ci si pen­sa un atti­mo, la più gran­de scioc­chez­za che si può fare è vota­re con­tro qual­cu­no e non per qual­co­sa.
A destra vota­no per qual­co­sa, qual­co­sa che non ci pia­ce per nien­te, noi dob­bia­mo vota­re per qual­co­sa che ci con­vin­ce, e per le per­so­ne che ci con­vin­co­no, altri­men­ti non se ne esce, fra 11 anni sarà tar­di. Non sal­ve­re­mo noi stes­si, i nostri figli e le muc­che, ma rimar­rà mol­to for­te l’odore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.