Decreto Sicurezza Bis: un vero e proprio manuale di incostituzionalità

Il decre­to-bis appro­da­to in Con­si­glio dei Mini­stri è un vero e pro­prio manua­le di inco­sti­tu­zio­na­li­tà.

Come al soli­to si usa lo stru­men­to ecce­zio­na­le del decre­to-leg­ge gover­na­ti­vo in assen­za dei pre­sup­po­sti di straor­di­na­ria neces­si­tà e urgen­za pre­vi­sti dal­la Costi­tu­zio­ne: la pisto­la fuman­te che sbu­giar­da le cat­ti­ve inten­zio­ni di Capi­tan Disu­ma­no è l’at­tri­bu­zio­ne in via strut­tu­ra­le del pote­re di ini­bi­re l’in­gres­so alle navi nel mare ter­ri­to­ria­le per moti­vi di ordi­ne e sicu­rez­za pub­bli­ca al Mini­stro del­l’In­ter­no, spo­glian­do­ne il mini­stro natu­ra­le, che è quel­lo del­le infra­strut­tu­re e dei trasporti.

Si trat­ta di mate­ria ordi­na­men­ta­le, di stret­ta com­pe­ten­za par­la­men­ta­re, su cui sareb­be d’ob­bli­go un serio ed appro­fon­di­to dibat­ti­to pub­bli­co e inve­ce basta il gabi­net­to (in sen­so tec­ni­co) del mini­stro del­l’in­ter­no per riscri­ve­re le regole.

Ma l’in­co­sti­tu­zio­na­li­tà più fla­gran­te emer­ge dal meri­to del prov­ve­di­men­to: la puni­zio­ne con san­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve pecu­nia­rie abnor­mi (da 10.000 a 50.000 euro) di coman­dan­te, arma­to­re e pro­prie­ta­rio del­le navi usa­te per sal­va­re – dove­ro­sa­men­te – vite uma­ne in mare è l’ul­ti­mo capi­to­lo, il più spor­co e inde­cen­te, del­la guer­ra alle ONG (e ai dirit­ti uma­ni) inau­gu­ra­ta dal codi­ce Min­ni­ti nel 2017 e pro­se­gui­ta con la “chiu­su­ra dei por­ti” e il “seque­stro di per­so­na con sal­va­con­dot­to mini­ste­ria­le” di Salvini.

Ovvia­men­te un decre­to-leg­ge non può far venir meno gli obbli­ghi inter­na­zio­na­li che deri­va­no dal­le Con­ven­zio­ni di Ambur­go, di Mon­te­go-bay, di Gine­vra, dal­la Con­ven­zio­ne Euro­pea dei Dirit­ti del­l’Uo­mo, dal­la Car­ta dei dirit­ti fon­da­men­ta­li del­l’U­nio­ne Euro­pea e dal­la stes­sa Costi­tu­zio­ne ita­lia­na: le navi del­le ONG avran­no tut­to il dirit­to e tut­to il dove­re — come ogni nave che incor­ra in un nau­fra­gio o in per­so­ne che ver­si­no in sta­to di peri­co­lo in mare — di inter­ve­ni­re per met­te­re in sal­vo i nau­fra­ghi e con­dur­li nel por­to sicu­ro più vici­no.

Ma se il decre­tac­cio-bis fos­se appro­va­to, la loro liber­tà di azio­ne, fina­liz­za­ta al sal­va­tag­gio di vite uma­ne, sareb­be minac­cia­ta, ritar­da­ta e osta­co­la­ta dal­le inter­fe­ren­ze del mini­stro dell’interno.

Il finan­zia­men­to di ope­ra­zio­ni di poli­zia sot­to coper­tu­ra, poi, solo per il con­tra­sto del delit­to di favo­reg­gia­men­to del­l’im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na è sin­to­ma­ti­co del­lo sco­po elet­to­ra­li­sti­co del­la nor­ma: quel­le risor­se, 500.000 euro per il 2019, 1 milio­ne di euro per il 2020 e 1 milio­ne e mez­zo di euro per il 2021 anda­va­no piut­to­sto desti­na­te alla lot­ta al lavo­ro nero, allo sfrut­ta­men­to lavo­ra­ti­vo e ses­sua­le, al capo­ra­la­to, alla ridu­zio­ne in schia­vi­tù, al traf­fi­co di esse­ri umani.

Con la modi­fi­ca di alcu­ne nor­me del­la Leg­ge 152/1975 (Dispo­si­zio­ni a tute­la del­l’or­di­ne pub­bli­co) si ina­spri­sco­no pene e si intro­du­co­no nuo­ve fat­ti­spe­cie di rea­to per limi­ta­re il dis­sen­so in occa­sio­ni di mani­fe­sta­zio­ni in luo­go pubblico.

L’ul­te­rio­re stret­ta secu­ri­ta­ria riguar­da l’art. 131 bis del codi­ce pena­le, che fino ad oggi pre­ve­de­va che nei rea­ti per i qua­li è pre­vi­sta la pena deten­ti­va non supe­rio­re nel mas­si­mo a cin­que anni la puni­bi­li­tà è esclu­sa quan­do, per le moda­li­tà del­la con­dot­ta e per l’e­si­gui­tà del dan­no o del peri­co­lo, l’of­fe­sa è di par­ti­co­la­re tenui­tà e il com­por­ta­men­to risul­ta non abituale.

Se il decre­to-bis sarà appro­va­to, per i rea­ti di resi­sten­za, vio­len­za e minac­cia a pub­bli­co uffi­cia­le non si potrà mai esclu­de­re la puni­bi­li­tà nem­me­no quan­do si trat­ti di fat­to di lie­vis­si­ma enti­tà, che non abbia cagio­na­to alcun dan­no e del tut­to occa­sio­na­le.

Oltre alla esclu­sio­ne del­la non puni­bi­li­tà per spe­cia­le tenui­tà del fat­to, i rea­ti di resi­sten­za, vio­len­za e minac­cia­ta sono aggra­va­ti se com­mes­si in occa­sio­ne di mani­fe­sta­zio­ni pub­bli­che ed è pre­vi­sta la reclu­sio­ne da 1 a 5 anni per il rea­to di dan­neg­gia­men­to com­mes­so duran­te pub­bli­che manifestazioni.

Infi­ne, è pre­vi­sta l’i­sti­tu­zio­ne di un fon­do di pre­mia­li­tà per le poli­ti­che di rim­pa­trio che dovreb­be finan­zia­re inte­se bila­te­ra­li con pae­si che accet­ti­no la riam­mis­sio­ne di cit­ta­di­ni stra­nie­ri irre­go­la­ri, a sca­pi­to del­le misu­re di rim­pa­trio volon­ta­rio e assi­sti­to già deca­pi­ta­te col pri­mo decre­to Salvini.

Insom­ma, lo sta­to di poli­zia è ser­vi­to: con una gra­ve limi­ta­zio­ne del­le liber­tà di tut­ti i cit­ta­di­ni in occa­sio­ne di mani­fe­sta­zio­ni pub­bli­che e con una ulte­rio­re inie­zio­ne di disu­ma­ni­tà e cini­smo sul tema del­l’ac­co­glien­za e del­la pro­te­zio­ne internazionale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.