Dal presepe al rosario, via nutella: costruire la destra senza pronunciarla mai

I gior­na­li di que­ste set­ti­ma­ne rac­con­ta­no di un Sal­vi­ni improv­vi­sa­men­te ner­vo­so, che fa rimuo­ve­re gli stri­scio­ni, seque­stra­re i tele­fo­ni­ni, teme il dis­sen­so ma soprat­tut­to teme di esse­re in calo nel­la popo­la­ri­tà e nel­le urne. Ma quan­to ner­vo­so, di pre­ci­so? Rispet­to alle per­cen­tua­li teo­ri­che regi­stra­te dai son­dag­gi nei mesi scor­si, lon­ta­no dal­le ele­zio­ni, nes­su­no si spin­ge a dire che la Lega non sarà il pri­mo par­ti­to alle euro­pee, qua­si rad­dop­pian­do i voti pre­si solo un anno fa, quin­di ecco: col­pi­to dai pri­mi segni di un auspi­ca­bi­le logo­rio maga­ri sì, ner­vo­so pure, ma fino a un cer­to pun­to, alme­no per ora.
Sen­za nul­la toglie­re alla pro­te­sta dei len­zuo­li e alle mani­fe­sta­zio­ni di dis­sen­so sem­pre più nume­ro­se, e per for­tu­na che ci sono.

Usci­rà comun­que da que­sto tur­no da capo del par­ti­to più vota­to, e non è poco, ma è inte­res­san­te tor­na­re su alcu­ne cose che ha fat­to in que­sti anni per tro­var­si in que­sta situa­zio­ne. Il per­cor­so di Sal­vi­ni ver­so la lea­der­ship infat­ti non è ini­zia­ta con que­sto gover­no, ma qual­che anno fa, con una onni­pre­sen­za tele­vi­si­va fat­ta di fel­pe e di cen­tra­li­tà in alcu­ne que­stio­ni solo appa­ren­te­men­te late­ra­li.

Ad esem­pio quan­do si è trat­ta­to di difen­de­re il pre­se­pe e i can­ti nata­li­zi nel­le scuo­le, sim­bo­lo di resi­sten­za con­tro il cam­bia­men­to nel­la com­po­si­zio­ne del­le clas­si e nel­la socie­tà ita­lia­na, un ciclo che pro­se­gue oggi con il bacio al rosa­rio e l’in­vo­ca­zio­ne alla Madon­na. In mez­zo, pani­ni con la Nutel­la, piat­ti di pasta improv­vi­sa­ti col ragù in sca­to­la, sel­fie con la dop­piet­ta e il mitra, divi­se del­le for­ze del­l’or­di­ne di ogni tipo e gra­do. Sal­vi­ni si descri­ve come “una per­so­na “nor­ma­le” e “di buon sen­so”, ma mai come un poli­ti­co di destra. Non dice nem­me­no mai la paro­la “destra”, non orga­niz­za con­ve­gni su come rico­strui­re la destra, e anche quan­do flir­ta con le orga­niz­za­zio­ni più estre­me non ne veste mai i colo­ri, sem­bra insom­ma aver capi­to che in Ita­lia ci sono pur­trop­po mol­tis­si­mi elet­to­ri dispo­sti a vota­re un par­ti­to di destra, ma solo a una par­te mol­to mar­gi­na­le di essi inte­res­sa rap­pre­sen­tar­si diret­ta­men­te come tali, e quel­li pre­fe­ri­sce tener­se­li buo­ni ma tut­to som­ma­to lasciar­li alla Melo­ni, a Casa­pound e a For­za Nuo­va, pre­fe­ren­do con­cen­trar­si altro­ve, sul gros­so di quel grup­po: quel­li che quan­do lo sen­to­no par­la­re di pre­se­pe capi­sco­no al volo di cosa sta real­men­te par­lan­do, e ci si rico­no­sco­no in pie­no pur non aven­do inten­zio­ne di indos­sa­re il fez. Per­so­ne “nor­ma­li”, e “di buon sen­so”, pro­prio come Sal­vi­ni stes­so cer­ca di pas­sa­re attra­ver­so il suo costan­te lavo­ro media­ti­co. Che paga, evidentemente.

Ora, se vol­gia­mo lo sguar­do all’e­stre­mo oppo­sto del­lo spet­tro poli­ti­co, vedia­mo che a sini­stra si fa esat­ta­men­te il con­tra­rio. Intan­to, non si può fare poli­ti­ca a sini­stra se non si pro­nun­cia diret­ta­men­te la paro­la “sini­stra”, insom­ma si ritie­ne indi­spen­sa­bi­le rap­pre­sen­tar­si “a pro­va d’i­dio­ta”, il che la dice lun­ga sul­la con­si­de­ra­zio­ne che si ha per gli elet­to­ri. Non si può fare par­ti­to o lista se non c’è nel sim­bo­lo una pre­do­mi­nan­za del colo­re ros­so. Non si è real­men­te di sini­stra se non si par­la di anti­ca­pi­ta­li­smo e di lot­ta al neo­li­be­ri­smo. Il che è legit­ti­mo, per cari­tà, ma quan­ti ita­lia­ni san­no che cos’è di pre­ci­so il neo­li­be­ri­smo? Soprat­tut­to se chi ne par­la non ritie­ne mai di dover­si pren­de­re una fra­se in più per far­si capi­re anche da chi non sta nel­la stret­tis­si­ma ma pic­co­lis­si­ma cer­chia del­la mili­tan­za poli­ti­ciz­za­ta. Quan­ti ita­lia­ni san­no inve­ce cos’è il pre­se­pe? E sen­za che ci sia alcun biso­gno di spiegarlo.

L’ul­ti­mo, luna­re dibat­ti­to riguar­da pro­prio l’am­bien­te, che è tor­na­to a esse­re un tema cen­tra­le soprat­tut­to gra­zie a una ragaz­zi­na nor­di­ca che ha sapu­to in qual­che modo impor­si all’at­ten­zio­ne mon­dia­le. L’am­bien­te è una que­stio­ne for­mi­da­bi­le, per­ché con­tie­ne tut­te le altre: lo stra­po­te­re del­le azien­de che con­sen­te di pro­dur­re indi­stur­ba­te avve­le­nan­do l’ac­qua e la ter­ra, peg­gio­ran­do la vita di tut­ti, sfrut­tan­do i lavo­ra­to­ri per paghe da fame e pagan­do le tas­se nei para­di­si fisca­li men­tre nel resto del mon­do i ser­vi­zi pub­bli­ci, la scuo­la e la sani­tà pub­bli­che van­no a roto­li. E mol­to altro, que­stio­ni che toc­ca­no la vita di tut­ti, sono com­pren­si­bi­li a tut­ti — soprat­tut­to da quel­li che, e sono la mag­gior par­te, non han­no nes­sun inte­res­se a par­te­ci­pa­re al dibat­ti­to sul­la sini­stra — sen­za costrin­ge­re nes­su­no a sfi­la­re con la ban­die­re ros­se e a stu­dia­re Marx.

Un’oc­ca­sio­ne d’o­ro pio­vu­ta dal cie­lo che però non va bene, dico­no, “per­ché o si par­te dal­la lot­ta con­tro il neo­li­be­ri­smo o è si fa solo un’o­pe­ra­zio­ne di fac­cia­ta”. Che è anche un modo mol­to como­do per lascia­re le cose come stan­no, visto che tan­to non si rea­liz­za gran­ché ma la col­pa è degli altri che non capi­sco­no. Basta far pas­sa­re le ele­zio­ni e poi archi­via­re il risul­ta­to per far par­ti­re l’en­ne­si­mo can­tie­re per rico­strui­re la sini­stra, “que­sta vol­ta per dav­ve­ro”, ovvia­men­te, e pazien­za se nel frat­tem­po vin­co­no sem­pre que­gli altri. Anzi meglio, per­ché più ci sono mace­rie, più si fre­ga­no le mani le dit­te ingo­lo­si­te all’i­dea di aggiu­di­car­si l’ap­pal­to per la rico­stru­zio­ne. Usan­do le ele­zio­ni come occa­sio­ne per far fuo­ri la con­cor­ren­za, altro che uni­tà.

Tan­to vale por­tar­si avan­ti col lavo­ro e dir­lo subi­to, quin­di: gra­zie, ma no, gra­zie. Si vota il 26, non il 27. Si sce­glie dome­ni­ca, non lune­dì: chi vuo­le far altro o sta­re a guar­da­re, chi pun­ta sul dopo più che sul­le ele­zio­ni, chi in que­ste set­ti­ma­ne ha pre­fe­ri­to aiu­ta­re a demo­li­re piut­to­sto che dare una mano non ci ven­ga a cer­ca­re, dopo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.