Lavoratori Italpizza, a processo nell’indifferenza

Il numero così elevato di imputati farà di questo procedimento penale il più grande processo a lavoratori della storia di Modena e provincia. E non si può rimanere indifferenti dinanzi a questo. Non si può indietreggiare o circondarsi di ridondanza e di aggettivi. Se davvero è rimasta una coscienza di sinistra in questo paese, allora dovrebbe essere là, al fianco di queste persone, messe alla sbarra per essersi ribellate allo sfruttamento.

Per nar­ra­re la vicen­da del­le lavo­ra­tri­ci e dei lavo­ra­to­ri del­la Ital­piz­za, azien­da ali­men­ta­re nei pres­si di Mode­na, occor­re tor­na­re al dicem­bre 2018.

L’I­spet­to­ra­to del Lavo­ro ave­va rile­va­to vio­la­zio­ni e irre­go­la­ri­tà con­tri­bu­ti­ve da par­te del­le coo­pe­ra­ti­ve “Evo­lo­gi­ca Soc. Coop.” e “Logi­ca Men­te Soc. Coop.” ope­ran­ti nel­lo sta­bi­li­men­to del­la socie­tà lea­der nel­la pro­du­zio­ne di piz­ze sur­ge­la­te. Tut­to il com­par­to pro­dut­ti­vo del­le piz­ze sur­ge­la­te era in appal­to a sei­cen­to lavo­ra­to­ri di que­ste due coo­pe­ra­ti­ve.

Era un model­lo, l’Italpizza. O alme­no così veni­va ser­vi­ta ai dibat­ti­ti sul dirit­to del lavo­ro. Il model­lo con­si­ste­va nel pren­de­re una gran­de azien­da, svuo­tar­la let­te­ral­men­te dei pro­pri addet­ti alla pro­du­zio­ne e tene­re solo la par­te ammi­ni­stra­ti­va, sen­za delo­ca­liz­za­zio­ni vere e pro­prie. Si dice­va che non era­no coo­pe­ra­ti­ve cat­ti­ve, quel­le. Ma è basta­to sca­va­re un po’ e le irre­go­la­ri­tà sono venu­te a galla.

I sin­da­ca­ti, in par­ti­co­la­re FLAI/CGIL, era­no sta­ti poco alla vol­ta mes­si fuo­ri dal­la por­ta. Le coo­pe­ra­ti­ve, disap­pli­can­do i con­trat­ti col­let­ti­vi, con­ti­nua­va­no a fare varia­zio­ni sull’orario di lavo­ro, arri­van­do a sta­bi­li­re tur­na­zio­ni di cin­que gior­ni lavo­ra­ti­vi e un solo gior­no di ripo­so. Veni­va denun­cia­ta la “fles­si­bi­li­tà estre­ma” a cui i lavo­ra­to­ri era­no sot­to­po­sti. Una pras­si in gra­do di gene­ra­re sui lavo­ra­to­ri mede­si­mi una pres­sio­ne altis­si­ma che infat­ti è esplo­sa mol­to in fretta.

Sono comin­cia­te le pro­te­ste e gli scio­pe­ri. Die­ci lun­ghi mesi di pic­chet­ti e mani­fe­sta­zio­ni. Le don­ne e gli uomi­ni sta­va­no là, al can­cel­lo di ingres­so e di usci­ta dei mez­zi, sor­ve­glia­ti dai blin­da­ti del­la poli­zia. Ten­ta­va­no il bloc­co stra­da­le, per infa­sti­di­re alme­no un po’ il busin­ness che matu­ra ogni anno fat­tu­ra­ti supe­rio­ri a 120 milio­ni di euro. Dovrà pur con­ta­re qual­co­sa la loro vita, la loro esi­sten­za? O si trat­ta solo di pedi­ne da spo­sta­re da un tur­no all’altro, sen­za alcu­na rego­la­ri­tà o rispetto?

Que­sta è anche una sto­ria di lavo­ro fem­mi­ni­le e di resi­sten­za all’abuso. Per­ché le lavo­ra­tri­ci di Ital­piz­za sono soprat­tut­to stra­nie­re. Sono madri o ragaz­ze, non han­no alcu­na pro­spet­ti­va, in que­sto siste­ma. Sono schiac­cia­te dal peso dei tur­ni. Sono sem­pli­ci nume­ri da spo­sta­re da un pun­to all’altro del siste­ma di pro­du­zio­ne, dal­la cuci­na alla far­ci­tu­ra, alla lavo­ra­zio­ne del for­mag­gio. E a loro – come a tut­ti gli altri sei­cen­to – era appli­ca­to il con­trat­to mul­ti­ser­vi­zi e non quel­lo del com­par­to ali­men­ta­re. Si chia­ma down­gra­ding con­trat­tua­le ed è una pra­ti­ca fra le più meschi­ne mes­se in atto nel mer­ca­to del lavo­ro nostra­no. Altro che model­lo. Signi­fi­ca esse­re paga­ti meno, ave­re meno dirit­ti, minor tute­la dal­la malat­tia, meno gior­ni di ferie, meno tut­to.

Lo scor­so anno, a luglio, lo scio­pe­ro indet­to da CGIL, CISL e UIL ave­va per­mes­so di apri­re un tavo­lo di trat­ta­ti­va e di sta­bi­li­re un accor­do per la rias­sun­zio­ne di tut­ti i 600 dipen­den­ti in appal­to da par­te di Ital­piz­za, però solo a par­ti­re dal 2022. Que­sto ter­mi­ne di tem­po così lar­go ave­va desta­to mol­te per­ples­si­tà e critiche.

Tut­ta­via sono rima­sti i guai giu­di­zia­ri. La pro­te­sta dei lavo­ra­to­ri era sta­ta mol­to dura. Fra mag­gio e giu­gno 2019 si era­no veri­fi­ca­ti scon­tri con la poli­zia, con poli­ziot­ti feri­ti, man­ga­nel­la­te e arre­sti. In tut­to le per­so­ne sot­to­po­ste a inda­gi­ne era­no 67: qual­che gior­no fa sono sta­te tut­te rin­via­te a giu­di­zio per mani­fe­sta­zio­ne non auto­riz­za­ta, resi­sten­za, lesio­ni, inva­sio­ni di edi­fi­cio, minac­ce, vio­len­za pri­va­ta.

Il nume­ro così ele­va­to di impu­ta­ti farà di que­sto pro­ce­di­men­to pena­le il più gran­de pro­ces­so a lavo­ra­to­ri del­la sto­ria di Mode­na e pro­vin­cia. E non si può rima­ne­re indif­fe­ren­ti dinan­zi a que­sto. Non si può indie­treg­gia­re o cir­con­dar­si di ridon­dan­za e di agget­ti­vi. Se dav­ve­ro è rima­sta una coscien­za di sini­stra in que­sto pae­se, allo­ra dovreb­be esse­re là, al fian­co di que­ste per­so­ne, mes­se alla sbar­ra per esser­si ribel­la­te allo sfruttamento.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.