Lavoratori dell’occhialeria Safilo: un’interrogazione per chiedere chiarezza

Dal 3 aprile, infatti, fino a fine luglio, nello stabilimento di S. Maria di Sala del noto marchio dell'occhialeria Safilo* operavano quattro linee di finissaggio, si lavorava anche di notte per far fronte alle commesse

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Correva l’an­no due­mi­la­di­cias­set­te, apri­le, otto mesi fa: i gior­na­li tito­la­va­no festeg­gian­do per il boom di pro­du­zio­ne. Dal 3 apri­le, infat­ti, fino a fine luglio, nel­lo sta­bi­li­men­to di S. Maria di Sala del noto mar­chio del­l’occhia­le­ria Safi­lo* ope­ra­va­no quat­tro linee di finis­sag­gio, si lavo­ra­va anche di not­te per far fron­te alle com­mes­se. A garan­ti­re la con­ti­nui­tà pro­dut­ti­va era­no soprat­tut­to gli inte­ri­na­li, cir­ca 200, che han­no por­ta­to a qua­si 800 i dipen­den­ti in for­ze nel­lo sta­bi­li­men­to salese.

L’ac­cor­do lavo­ra­ti­vo del­lo sta­bi­li­men­to, per dare rispo­sta all’au­men­to di pro­dut­ti­vi­tà, pre­ve­de il saba­to facol­ta­ti­vo e altri straor­di­na­ri su base volontaria.

I sin­da­ca­ti nono­stan­te tut­to era­no, giu­sta­men­te, pre­oc­cu­pa­ti per il futu­ro, vista la fuga di licen­ze ver­so la Mar­co­lin di Lon­ga­ro­ne (acqui­si­ta recen­te­men­te da Louis Vuit­ton) di alcu­ni mar­chi impor­tan­ti che garan­ti­va­no il 30% del fat­tu­ra­to. Chie­de­va­no chia­rez­za per evi­ta­re ama­re sorprese.

Di que­sta vicen­da, che alcu­ni defi­ni­sco­no para­dig­ma­ti­ca del mer­ca­to del lavo­ro odier­no, ci riman­go­no i nume­ri degli que­sti ulti­mi gior­ni: 25 come i lavo­ra­to­ri con con­trat­to a tem­po deter­mi­na­to a cui è sta­ta comu­ni­ca­ta la chiu­su­ra del rap­por­to di lavo­ro lo scor­so 7 dicem­bre, che seguo­no i 36 di otto­bre. Sono cir­ca una set­tan­ti­na i lavo­ra­to­ri cui sca­drà il con­trat­to nei pros­si­mi mesi e l’a­zien­da non ha volu­to comu­ni­ca­re se e quan­ti di que­sti ver­ran­no confermati.

I ”licen­zia­men­ti” sia per la tem­pi­sti­ca (comu­ni­ca­ti all’ul­ti­mo momen­to) che per la moda­li­tà (tele­fo­na­te a casa dei lavo­ra­to­ri) dimo­stra­no un atteg­gia­men­to irri­spet­to­so del­l’a­zien­da nei con­fron­ti dei dipen­den­ti.

A que­sto si aggiun­ge la chiu­su­ra di 15 gior­ni nel perio­do nata­li­zio, che in via Noa­le­se non si era mai vista, e che ci pre­oc­cu­pa anco­ra di più per il 2018.

Sin­da­co e Asses­so­re alle atti­vi­tà pro­dut­ti­ve anco­ra non si sono visti (è la lista civi­ca di cen­tro­si­ni­stra Civi­ca Insie­me, una mino­ran­za con­si­lia­re, ad aver chie­sto il loro inter­ven­to) e nem­me­no nes­su­no del­la Cit­tà Metro­po­li­ta­na di Venezia.

E’ così che, data l’ur­gen­za, abbia­mo deci­so di por­ta­re la que­stio­ne ad un livel­lo supe­rio­re, quel­lo nazio­na­le, insie­me ad Andrea Mae­stri e Pip­po Civa­ti, per inter­ve­ni­re a favo­re dei lavo­ra­to­ri e tro­va­re una solu­zio­ne più equa e con­di­vi­sa. Si sono subi­to atti­va­ti per poter acqui­si­re mag­gio­ri infor­ma­zio­ni e pro­dur­re l’in­ter­ro­ga­zio­ne che pote­te leg­ge­re di seguito.

Spe­ria­mo pos­sa ser­vi­re affin­ché l’a­zien­da rispet­ti i pat­ti, assu­ma un atteg­gia­men­to più con­so­no nei con­fron­ti dei lavo­ra­to­ri e si rie­sca ad otte­ne­re la giu­sta chia­rez­za sui pro­gram­mi di Safi­lo nei con­fron­ti di tut­ti i lavo­ra­to­ri del­lo sta­bi­li­men­to di S.Maria di Sala, con con­trat­to a tem­po deter­mi­na­to e indeterminato.

Ste­fa­no Artusi

*Il grup­po Safi­lo pro­du­ce in Ita­lia fra Pado­va, Lon­ga­ro­ne, S.Maria di Sala e Mar­ti­gnac­co e all’e­ste­ro fra Slo­ve­nia, Sta­ti Uni­ti e Cina per un fat­tu­ra­to net­to di 1.253 milio­ni e 7.500 dipen­den­ti in tut­to il mon­do. Con un model­lo pro­dut­ti­vo inte­gra­to che pre­ve­de una filie­ra che va dal­la ricer­ca, svi­lup­po e inno­va­zio­ne del pro­dot­to alla distri­bu­zio­ne, mar­ke­ting e comunicazione.

Al Mini­stro del lavo­ro e del­le poli­ti­che socia­li, al Mini­stro del­lo svi­lup­po eco­no­mi­co — Per sape­re — pre­mes­so che:

da noti­zie di stam­pa si appren­de che allo sta­bi­li­men­to di San­ta Maria di Sala del­la Safi­lo, lea­der nel cam­po del­la pro­du­zio­ne e distri­bu­zio­ne di occhia­li, la situa­zio­ne è pre­oc­cu­pan­te: l’a­zien­da chiu­de­rà gli sta­bi­li­men­ti per 15 gior­ni dal 23 dicem­bre all’8 gen­na­io e, inol­tre, lo scor­so 7 dicem­bre ha comu­ni­ca­to a 25 lavo­ra­to­ri a tem­po deter­mi­na­to la chiu­su­ra del rap­por­to di lavo­ro. A loro, come ad altri 36 lavo­ra­to­ri licen­zia­ti a otto­bre, l’a­zien­da non ha comu­ni­ca­to in anti­ci­po le sue inten­zio­ni di inter­rom­pe­re defi­ni­ti­va­men­te il rap­por­to lavorativo;

dal­le infor­ma­zio­ne rese note nei gior­ni pre­ce­den­ti dal­la Filc­tem Cgil , l’a­zien­da avreb­be spie­ga­to che a fron­te del­le dif­fi­col­tà che per­si­sto­no per quan­to riguar­da i volu­mi pro­dut­ti­vi, a buo­na par­te dei lavo­ra­to­ri inte­ri­na­li non sareb­be sta­to pro­ro­ga­to il con­trat­to di lavoro;

alla luce del­le recen­ti vicen­de, sem­bra­no lon­ta­ni i tem­pi — che inve­ce risal­go­no a feb­bra­io 2016 — del comu­ni­ca­to stam­pa per la pre­sen­ta­zio­ne del­l’ac­cor­do inte­gra­ti­vo sigla­to da Safi­lo con i sin­da­ca­ti dove si affer­ma­va di rico­no­sce­re al lavo­ra­to­re il con­tri­bu­to al suc­ces­so del­le stra­te­gie e ai risul­ta­ti azien­da­li e pre­ve­de­va inve­sti­men­ti per la pro­du­zio­ne ita­lia­na La ceo del grup­po dichia­ra­va: “L’accordo rap­pre­sen­ta un ulte­rio­re fat­to­re chia­ve per Safi­lo per rag­giun­ge­re gli obiet­ti­vi del pia­no stra­te­gi­co al 2020. (…) gli inte­res­si dell’azienda e dei suoi lavo­ra­to­ri sono inse­pa­ra­bi­li, come dichia­ra­to nel Codi­ce dei prin­ci­pi, valo­ri e com­pe­ten­ze del­l’a­zien­da”. Il diret­to­re del­le Risor­se Uma­ne aggiun­ge­va “Abbia­mo volu­to crea­re un accor­do che dia a tut­ti una par­te­ci­pa­zio­ne (…) crean­do con i lavo­ra­to­ri un lega­me di respon­sa­bi­li­tà per la con­tri­bu­zio­ne per­so­na­le a una par­te dei risul­ta­ti (…) per costrui­re il futu­ro del­la socie­tà per il bene di tut­ti”. Il comu­ni­ca­to con­ti­nua­va elen­can­do tan­te misu­re a van­tag­gio dei lavo­ra­to­ri come rap­pre­sen­tas­se­ro il “bene prin­ci­pa­le” dell’azienda;

il per­cor­so intra­pre­so da Safi­lo, di moder­niz­za­zio­ne e di tra­sfor­ma­zio­ne per la rein­ven­zio­ne del suo siste­ma di pro­du­zio­ne — un tem­po delo­ca­liz­za­te pre­va­len­te­men­te all’e­ste­ro — e di ammo­der­na­men­to dei suoi sta­bi­li­men­ti, è sta­to pos­si­bi­le gra­zie alle enor­mi age­vo­la­zio­ni fisca­li per il rilan­cio del­le impre­se ita­lia­ne intro­dot­te a par­ti­re dal­la Leg­ge di sta­bi­li­tà 2016 con il “Pia­no nazio­na­le Indu­stria 4.0” isti­tui­to per con­tri­bui­re alla cre­sci­ta e allo svi­lup­po pro­dut­ti­vo, eco­no­mi­co e occupazionale;

a giu­di­zio degli inter­ro­gan­ti è intol­le­ra­bi­le il com­por­ta­men­to del­l’a­zien­da nei con­fron­ti dei lavo­ra­to­ri e ingiu­sti­fi­ca­ta la ridu­zio­ne dei volu­mi di pro­du­zio­ne dichia­ra­ti dal­l’a­zien­da che è in pie­no perio­do di espan­sio­ne internazionale;

il 9 ago­sto 2017 sul suo sito Safi­lo annun­cia l’apertura dei mer­ca­ti di Bie­lo­rus­sia e Kaza­ki­stan, che così rag­giun­ge 40 Pae­si nel mon­do. Con­ti­nua­no gli inve­sti­men­ti in area CEE “che com­pren­de CSI, Euro­pa Cen­tra­le e Tur­chia, che ha regi­stra­to risul­ta­ti ecce­zio­na­li sia nel 2016 sia nel pri­mo seme­stre del 2017”;

da noti­zie di stam­pa si appren­de che:

il 6 novem­bre che Safi­lo ha sigla­to un accor­do per l’e­span­sio­ne in Colombia;
il 30 novem­bre che l’ac­cor­do è sta­to rag­giun­to per la Thai­lan­dia e la Cambogia;
ad apri­le 2017, la ceo del grup­po affer­ma­va “Lo sco­po fina­le è arri­va­re nel 2020 a pro­dur­re il 70% degli occhia­li negli sta­bi­li­men­ti ita­lia­ni (…) entro quest’anno voglia­mo supe­ra­re la soglia del 41%”;

se il Gover­no sia a cono­scen­za del­la situa­zio­ne descrit­ta in pre­mes­sa e se non riten­ga oppor­tu­no apri­re un tavo­lo di con­fron­to tra le par­ti per sal­va­guar­da­re l’oc­cu­pa­zio­ne nel­lo sta­bi­li­men­to di San­ta Maria di Sala e in par­ti­co­la­re per il rein­te­gro dei lavo­ra­to­ri a tem­po deter­mi­na­to licen­zia­ti dall’azienda;

se non riten­ga oppor­tu­no con­vo­ca­re i ver­ti­ci del grup­po Safi­lo per cono­sce­re i pro­gram­mi riguar­do alle azien­de del grup­po pre­sen­ti in Ita­lia, al fine di sal­va­guar­da­re la pro­du­zio­ne e l’oc­cu­pa­zio­ne dei suoi lavoratori.

FIRME
Andrea Maestri
Civati
Brignone
Pastorino[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.