Laicità, laicità, laicità

In questa convulsa quanto confusa campagna elettorale riteniamo debbano essere ribadite con forza le ragioni della difesa e della valorizzazione della scuola statale e laica, in quanto unica scuola di tutti e per tutti. 

Pos­si­bi­le ritie­ne che in que­sta con­vul­sa quan­to con­fu­sa cam­pa­gna elet­to­ra­le deb­ba­no esse­re riba­di­te con for­za le ragio­ni del­la dife­sa e del­la valo­riz­za­zio­ne del­la scuo­la sta­ta­le e lai­ca, in quan­to uni­ca scuo­la di tut­ti e per tut­ti

Da que­sto pun­to di vista, nel più rigo­ro­so rispet­to dell’Art. 33 del­la Costi­tu­zio­ne, deve esse­re respin­ta qual­sia­si ipo­te­si di ulte­rio­re finan­zia­men­to pub­bli­co, diret­to o indi­ret­to, degli isti­tu­ti sco­la­sti­ci pari­ta­ri – peral­tro per­lo­più di natu­ra con­fes­sio­na­le – al fine di desti­na­re tut­te le risor­se dispo­ni­bi­li esclu­si­va­men­te alla scuo­la del­la Repub­bli­ca. È anzi neces­sa­rio rimet­te­re in discus­sio­ne tut­te le for­me di sov­ven­zio­ne sur­ret­ti­zia già poste in atto, soprat­tut­to per ini­zia­ti­va di alcu­ne Regio­ni, in tota­le spre­gio del det­ta­to costi­tu­zio­na­le. In effet­ti, la cosid­det­ta liber­tà di scel­ta edu­ca­ti­va, che secon­do alcu­ni legit­ti­me­reb­be quel­le for­me di finan­zia­men­to, si fon­da su un gros­so­la­no equi­vo­co: la liber­tà che deve esse­re tute­la­ta non è quel­la del­le fami­glie, che pre­sup­po­ne una con­ce­zio­ne pro­prie­ta­ria del­la pro­le, ben­sì quel­la dei figli, cui deve esse­re garan­ti­to il dirit­to ad una for­ma­zio­ne cri­ti­ca e plu­ra­li­sta, che solo la scuo­la pub­bli­ca può garan­ti­re. In ogni caso, le fami­glie che inten­do­no comun­que affi­da­re i pro­pri figli agi isti­tu­ti pari­ta­ri non devo­no poter­lo fare a spe­se del­la fisca­li­tà gene­ra­le e dun­que di tut­ti i contribuenti.

In secon­do luo­go, pro­prio per la sua natu­ra di luo­go di cre­sci­ta e for­ma­zio­ne aper­ta per le nuo­ve gene­ra­zio­ni, deve esse­re garan­ti­ta la pie­na lai­ci­tà del­la scuo­la sta­ta­le, giun­gen­do fra l’altro ad un supe­ra­men­to dell’insegnamento del­la reli­gio­ne cat­to­li­ca (IRC), la cui natu­ra con­fes­sio­na­le, pur in par­te atte­nua­ta negli ulti­mi anni, è un dato di fat­to incon­te­sta­bi­le, in quan­to con­ti­nua a pri­vi­le­gia­re uno spe­ci­fi­co cre­do reli­gio­so rico­no­scen­do­ne la pre­sun­ta cen­tra­li­tà, e vie­ne impar­ti­to da docen­ti sele­zio­na­ti dal­le curie spes­so sul­la base di tito­li di stu­dio eccle­sia­sti­ci di discu­ti­bi­le valo­re. Pos­si­bi­le sug­ge­ri­sce che l’IRC ven­ga sosti­tui­to nel­le scuo­le secon­da­rie di secon­do gra­do da un inse­gna­men­to non con­fes­sio­na­le del fat­to reli­gio­so, fon­da­to sui cri­te­ri epi­ste­mo­lo­gi­ci del­le disci­pli­ne sto­ri­che, antro­po­lo­gi­che e socio­lo­gi­che: tale inse­gna­men­to dovreb­be esse­re impar­ti­to da docen­ti lau­rea­ti sele­zio­na­ti tra­mi­te con­cor­so pub­bli­co come quel­li di tut­te le altre disci­pli­ne. Da que­sto pun­to di vista, nes­sun rilie­vo ha il dove­ro­so rico­no­sci­men­to che parec­chi inse­gnan­ti di IRC svol­go­no egre­gia­men­te il pro­prio lavo­ro: la que­stio­ne del­la lai­ci­tà del­la scuo­la deve esse­re affron­ta­ta sul pia­no isti­tu­zio­na­le, e non affi­da­ta alla buo­na volon­tà dei sin­go­li. Per quan­to riguar­da gli ordi­ni di scuo­la pre­ce­den­ti si ritie­ne inve­ce inop­por­tu­na la pre­sen­za dell’insegnamento reli­gio­so sot­to qual­sia­si for­ma, per evi­ta­re ogni rischio di indot­tri­na­men­to con­fes­sio­na­le, e non poten­do­si per l’età dei discen­ti garan­ti­re il rigo­re neces­sa­rio nel­la trat­ta­zio­ne di tema­ti­che par­ti­co­lar­men­te deli­ca­te. Per rea­liz­za­re gli obiet­ti­vi sopra indi­ca­ti, lo Sta­to ita­lia­no dovrà far­si pro­mo­to­re, dopo oltre 40 anni dal­la revi­sio­ne del Con­cor­da­to, di una nuo­va rine­go­zia­zio­ne degli accor­di con la chie­sa cattolica.

Infi­ne, a livel­lo sim­bo­li­co ma non per que­sto meno signi­fi­ca­ti­vo, Pos­si­bi­le ritie­ne si deb­ba giun­ge­re alla defi­ni­ti­va esclu­sio­ne del­la pre­sen­za di qual­sia­si sim­bo­lo reli­gio­so dei loca­li sco­la­sti­ci, supe­ran­do anche l’ultima ambi­gua sen­ten­za del­la Cor­te d Cas­sa­zio­ne, la qua­le, pur chia­ren­do che non vi è alcun obbli­go di espo­si­zio­ne del cro­ci­fis­so, affi­da ogni deci­sio­ne in meri­to all’eventuale con­sen­so del­le diver­se com­po­nen­ti del­le sin­go­le comu­ni­tà sco­la­sti­che. In effet­ti, la lai­ci­tà e dun­que neu­tra­li­tà con­fes­sio­na­le e ideo­lo­gi­ca degli spa­zi isti­tu­zio­na­li è una fon­da­men­ta­le que­stio­ne di dirit­to, che come tale risul­ta sovraor­di­na­to e sfug­ge al prin­ci­pio del con­sen­so del­la maggioranza.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?