La tutela della salute e la giustizia, prima di tutto

schermata-2014-12-27-alle-15.08

Tra gli obiet­ti­vi poli­ti­ci fon­dan­ti del Pat­to Repub­bli­ca­no, che mol­ti di noi han­no recen­te­men­te sot­to­scrit­to con entu­sia­smo e deter­mi­na­zio­ne, c’è la “ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca di eco­no­mia e società”.

L’ur­gen­za di que­sta rivo­lu­zio­ne è ormai dram­ma­ti­ca­men­te sem­pre più evi­den­te, anche sul pia­no del dirit­to e del­la giustizia.

Sei milio­ni di cit­ta­di­ni ita­lia­ni sono espo­sti a fat­to­ri di inqui­na­men­to gra­ve che ne met­te a rischio quo­ti­dia­na­men­te la salu­te, spes­so in manie­ra sub­do­la e “invi­si­bi­le”.

Un vero e pro­prio “popo­lo inqui­na­to” che dal caso eter­nit alla ter­ra dei fuo­chi, dal­l’Il­va alle raf­fi­ne­rie sici­lia­ne, dal­la Basi­li­ca­ta deva­sta­ta dal­le estra­zio­ni petro­li­fe­re alla disca­ri­ca di Bus­si chie­de giu­sti­zia sen­za ottenerla.

Ce lo ricor­da­no a gran voce asso­cia­zio­ni ambien­ta­li­ste come Legam­bien­te (che ha conia­to il ter­mi­ne ECO-mafia pro­prio per ren­de­re pla­sti­co ed evi­den­te l’in­trec­cio indi­stri­ca­bi­le tra cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta e gestio­ne di infra­strut­tu­re ambien­ta­li, tra cui tro­neg­gia­no i rifiu­ti e le boni­fi­che) o come l’as­so­cia­zio­ne Libe­ra di don Ciot­ti, da sem­pre impe­gna­ta a tene­re alta l’at­ten­zio­ne sui ter­re­ni su cui la cri­mi­na­li­tà costrui­sce i suoi imperi.

I rea­ti ambien­ta­li, che non han­no la giu­sta col­lo­ca­zio­ne nel codi­ce pena­le, non pos­so­no esse­re, di fat­to, ade­gua­ta­men­te puni­ti e le magi­stra­tu­re han­no spes­so le mani lega­te, anche di fron­te a rea­li disa­stri che per­du­ra­no deci­ne di anni dopo gli epi­so­di scatenanti.

Le respon­sa­bi­li­tà degli impu­ta­ti dei casi Eter­nit, ad esem­pio, sono sta­te “pre­scrit­te” per­ché la fab­bri­ca è sta­ta chiu­sa da più di 20 anni. E poco impor­ta se si con­ti­nua a mori­re per meso­te­lio­ma accan­to al sito che ospi­ta­va la fab­bri­ca o nel­le zone dove i dif­fu­sis­si­mi tet­ti in fibro­ce­men­to-amian­to, ormai piut­to­sto obso­le­ti, rila­scia­no pro­gres­si­va­men­te le invi­si­bi­li e silen­zio­se fibre killer.

Sia­mo disar­ma­ti. La magi­stra­tu­ra ha in mano qual­che san­zio­ne ammi­ni­stra­ti­va e tem­pi di pre­scri­zio­ne ridi­co­li. Più o meno come chi voglia bloc­ca­re un’i­non­da­zio­ne con una bacinella.

Men­tre il sacro­san­to prin­ci­pio di “chi inqui­na paghi” (sia nel sen­so di risar­ci­re i le comu­ni­tà e i ter­ri­to­ri deva­sta­ti, sia nel sen­so di affron­ta­re davan­ti alla leg­ge le pro­prie respon­sa­bi­li­tà) è total­men­te disat­te­so, una leg­ge via via inde­bo­li­ta nel per­cor­so par­la­men­ta­re (ma comun­que miglio­re del­l’at­tua­le nul­la) è fer­ma in Sena­to nel­l’at­te­sa che le pres­sio­ni del­le soli­te lob­by, a disca­pi­to dei cit­ta­di­ni, abbia­no sem­pre e comun­que la precedenza.

Lun­gi dal­l’af­fron­ta­re di pet­to la situa­zio­ne, l’at­tua­le ese­cu­ti­vo ha già dimo­stra­to di saper­si agil­men­te “inchi­na­re” ai soli­ti poten­ti (basti pen­sa­re alle tri­vel­le o alle auto­stra­de) a disca­pi­to di salu­te, cit­ta­di­ni, ter­ri­to­ri e svi­lup­po eco­no­mi­co duraturo. 

Tan­to per fare un esem­pio mol­to attua­le, sareb­be gra­vis­si­mo se que­sto atteg­gia­men­to si ripro­po­nes­se anche con l’en­ne­si­mo decre­to sal­va-Ilva, annun­cia­to ma in real­tà anco­ra da scri­ve­re: se cioè nel nome del sal­va­tag­gio del­l’Il­va si alleg­ge­ris­se, annac­quas­se o ritar­das­se l’ur­gen­za di un vero, inte­gra­le risa­na­men­to ambien­ta­le del polo indu­stria­le Taran­ti­no che da decen­ni, pri­ma pub­bli­co e poi pri­va­to, avve­le­na lavo­ra­to­ri e cittadini.

Sareb­be l’en­ne­si­ma resa ai poten­ti, pro­prio attor­no all’IL­VA e a un ter­ri­to­rio mar­to­ria­to, per la qua­le l’UE ha già aper­to una for­ma­le pro­ce­du­ra di infra­zio­ne che rischia di con­dur­re ad una sor­te simi­le a quel­la del disa­stro dei rifiu­ti in Cam­pa­nia (che, oltre­tut­to, ha por­ta­to a una con­dan­na del­la UE da 40 milio­ni di euro ogni sei mesi fino alla solu­zio­ne del­la vicen­da e al bloc­co di deci­ne di milio­ni di euro che dove­va­no anda­re a finan­zia­re boni­fi­che e rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta, pro­prio in quel­le zone).

Nel­l’im­pos­si­bi­li­tà del­la magi­stra­tu­ra di esse­re real­men­te inci­si­va e deci­si­va nel­le dram­ma­ti­che vicen­de cita­te, è piut­to­sto evi­den­te quan­to, anco­ra una vol­ta, l’I­ta­lia tra­di­sca, con attua­zio­ni scar­se e poco inci­si­ve, i prin­ci­pi del­le diret­ti­ve euro­pee in mate­ria ambientale.

È del lon­ta­no 2008, infat­ti, la diret­ti­va (2008/99/UE) che impo­ne agli Sta­ti Mem­bri l’in­clu­sio­ne dei rea­ti ambien­ta­li nel codi­ce penale.

Come Green Ita­lia Ver­di Euro­pei abbia­mo lan­cia­to, al fine di smuo­ve­re l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca e i legi­sla­to­ri sul­la cen­tra­li­tà ed urgen­za del pro­ble­ma, una peti­zio­ne “in nome del popo­lo inqui­na­to”.

Legam­bien­te e don Ciot­ti ne han­no lan­cia­ta, più recen­te­men­te, una secon­da.

È nostra inten­zio­ne non mol­la­re la pre­sa e costrui­re una leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re che pos­sa final­men­te ripri­sti­na­re l’or­di­ne del­le prio­ri­tà di gover­no di que­sto Paese. 

Pri­ma la vita, pri­ma la giu­sti­zia. Poi, for­se, tut­to il resto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.