Il giorno legale — Seconda edizione

Quan­do scat­ta l’o­ra lega­le, ma di lega­le c’è solo l’o­ro­lo­gio, è pos­si­bi­le por­re per un gior­no la lega­li­tà al cen­tro del dibat­ti­to pub­bli­co affin­ché diven­ti tema cen­tra­le del­le poli­ti­che pub­bli­che ogni gior­no dell’anno. 

Per riflet­te­re, pro­por­re, con­fron­tar­ci, testi­mo­nia­re, ricer­ca­re e pro­muo­ve­re la “lega­li­tà sommersa”. 

Il gior­no lega­le, anche que­st’an­no, è la tap­pa pub­bli­ca di can­tie­re nor­ma­ti­vo par­te­ci­pa­to sul­la rifor­ma del­la giu­sti­zia, con par­ti­co­la­re atten­zio­ne alle poli­ti­che di con­tra­sto alla cor­ru­zio­ne, in attua­zio­ne del Pat­to Repub­bli­ca­no. Segna­te in agen­da, per­ciò, la data del 28 mar­zo 2015.

Sono cin­que le azio­ni che rite­nia­mo prioritarie:

 

  1. Con­tra­sto alla cor­ru­zio­ne: leg­gi giu­ste con­tro un feno­me­no gravissimo.

Ogni gior­no emer­go­no epi­so­di di cor­ru­zio­ne nel­le isti­tu­zio­ni, a tut­ti i livel­li di gover­no. Come se Tan­gen­to­po­li con­ti­nuas­se da oltre vent’anni: con “mafia capi­ta­le”, le vicen­de dell’Expo e del Mose, la P3 e la P4, per cita­re sol­tan­to alcu­ni esem­pi. Con­tro tut­to que­sto è neces­sa­rio for­ni­re stru­men­ti più effi­ca­ci alle auto­ri­tà inca­ri­ca­te di con­tra­sta­re la cor­ru­zio­ne. Que­sto deve avve­ni­re sia sul pia­no del­le pre­ven­zio­ne che su quel­lo del­la repressione.

1.a) Pre­ven­zio­ne del­la corruzione

Va disci­pli­na­to il con­flit­to di inte­res­si (situa­zio­ne che riguar­da tan­tis­si­mi, in Ita­lia, non solo uno) e costrui­to un “codi­ce di com­por­ta­men­to del­la poli­ti­ca” (tra­spa­ren­za nei finan­zia­men­ti pub­bli­ci e pri­va­ti e nei bilan­ci dei par­ti­ti, pro­ce­du­re di nomi­na negli enti pub­bli­ci, sele­zio­ne del­le can­di­da­tu­re alle ele­zio­ni (attra­ver­so pri­ma­rie disci­pli­na­te per leg­ge), incan­di­da­bi­li­tà alle cari­che pubbliche.

1.b.) Repres­sio­ne del­la corruzione

Stru­men­ti di inda­gi­ne “raf­for­za­ti” sono già atti­vi nel cam­po del con­tra­sto alla mafia. Gli stes­si pos­so­no esse­re este­si, in manie­ra cali­bra­ta, ai rea­ti lega­ti alla cor­ru­zio­ne (ad esem­pio, uti­liz­zan­do per l’in­da­gi­ne agen­ti sot­to coper­tu­ra). Allo stes­so modo, van­no intro­dot­ti incen­ti­vi per chi denun­cia e collabora.

Va, poi, modi­fi­ca­to l’ap­pa­ra­to san­zio­na­to­rio dei rea­ti di matri­ce cor­rut­ti­va, non solo innal­zan­do i mini­mi del­la pena deten­ti­va, ma soprat­tut­to intro­du­cen­do effi­ca­ci san­zio­ni pecu­nia­rie para­me­tra­te al pro­fit­to del reato.

 

  1. La lot­ta all’evasione per un fisco giusto

L’Italia rima­ne un Pae­se ad altis­si­mo tas­so di eva­sio­ne fisca­le che vie­ne paga­ta dai cit­ta­di­ni one­sti con tas­se sem­pre più alte. Ecco allo­ra che pro­po­nia­mo una revi­sio­ne del­le ali­quo­te che ren­da effet­ti­va la pro­gres­si­vi­tà di cui all’articolo 53 del­la Costi­tu­zio­ne, facen­do sì, però, che sia paga­to da tut­ti ciò che è dovu­to, con san­zio­ni effet­ti­ve per chi evade.

 

  1. Con­tro le leg­gi ver­go­gna: rein­tro­dur­re il fal­so in bilan­cio e rifor­ma­re la prescrizione

1.a.) fal­so in bilancio

Va rifor­ma­ta la disci­pli­na e l’ap­pa­ra­to san­zio­na­to­rio del fal­so in bilan­cio, raf­for­zan­do­ne l’effettività

1.b.) pre­scri­zio­ne: la leg­ge Ciriel­li, debo­le con i for­ti e for­te con i debo­li, va abrogata

La pre­scri­zio­ne, nel pro­ces­so pena­le, così com’è disci­pli­na­ta ora, non fun­zio­na. O meglio, fun­zio­na fin trop­po, ucci­den­do pro­ces­si pros­si­mi alla sen­ten­za. Con un dispen­dio irra­zio­na­le di risor­se, inno­cen­ti e vit­ti­me sen­za veri­tà, e fur­bi impu­ni­ti. La pre­scri­zio­ne deve decor­re­re esclu­si­va­men­te dal momen­to in cui si con­su­ma il rea­to al momen­to in cui lo Sta­to eser­ci­ta l’azione pena­le. Da quel momen­to in poi, va inve­ce garan­ti­ta la ragio­ne­vo­le dura­ta del pro­ces­so, attra­ver­so altri stru­men­ti che non con­du­ca­no all’e­stin­zio­ne del reato.

 

  1. Lot­ta alle mafie, in Ita­lia e in Europa

Da con­dur­re anche con azio­ni legi­sla­ti­ve di det­ta­glio: con la revi­sio­ne del­la disci­pli­na sul­lo scio­gli­men­to degli enti loca­li per infil­tra­zio­ne mafio­se (da esten­de­re ai con­si­gli regio­na­li); impe­gnan­do­si ad una miglio­re gestio­ne dei beni con­fi­sca­ti e costi­tuen­do di un’au­to­ri­tà nazio­na­le sul­le cave.

Mafie, nar­co­traf­fi­co, cor­ru­zio­ne e cri­mi­na­li­tà di impre­sa tra­va­li­ca­no sem­pre più le fron­tie­re nazio­na­li: la Pro­cu­ra euro­pea, di pros­si­ma costi­tu­zio­ne, deve ave­re com­pe­ten­za su que­sti reati.

 

  1. Per una giu­sti­zia (civi­le e pena­le) soste­ni­bi­le e sostenuta

Soste­ni­bi­le, cal­mie­ran­do la “doman­da di giu­sti­zia” con l’introduzione del­la pos­si­bi­li­tà di non eser­ci­ta­re l’azione pena­le in caso di fat­ti par­ti­co­lar­men­te tenui.

Soste­nu­ta, per­ché biso­gna inve­sti­re sul ser­vi­zio giu­sti­zia desti­nan­do più risor­se, ma soprat­tut­to razio­na­liz­zan­do la loro allo­ca­zio­ne e dan­do tra­spa­ren­za e cen­tra­li­tà al Fon­do Uni­co Giustizia.

 

Cin­que prio­ri­tà, più una: l’emersione del­la Lega­li­tà som­mer­sa.

Pri­ma e al di là di ogni nor­ma: l’I­ta­lia è un Pae­se in cui la mag­gio­ran­za dei cit­ta­di­ni, degli ammi­ni­stra­to­ri pub­bli­ci, degli impren­di­to­ri, dei pro­fes­sio­ni­sti one­sti sono ostag­gio di cric­che, comi­ta­ti d’af­fa­ri, cen­tri di pote­re ille­ga­le che ali­men­ta­no e pra­ti­ca­no ogni for­ma di cor­rut­te­la. Il Gior­no Lega­le dà voce, ascol­to, digni­tà e pro­spet­ti­va ad ognu­no di loro.

Cin­que prio­ri­tà di poli­ti­ca nor­ma­ti­va, quin­di. Più una: che si pone pri­ma e al di là di ogni nor­ma. Per­ché la rispo­sta che l’or­di­na­men­to può offri­re con altre leg­gi alle vio­la­zio­ni del­la leg­ge è, sem­pre, solo una par­te del­la rispo­sta, mai la sola rispo­sta. Sen­za l’im­pe­gno dei cit­ta­di­ni che ani­ma­no quo­ti­dia­na­men­te for­me di rea­zio­ne socia­le, il con­tra­sto all’il­le­ga­li­tà diver­reb­be un mono­po­lio sta­tua­le desti­na­to comun­que a stra­vol­ge­re i cano­ni del­la demo­cra­zia, per­ché per natu­ra pro­iet­ta­to a pren­de­re le for­me di una rea­zio­ne mera­men­te autoritaria.

Il can­tie­re demo­cra­ti­co del­la lega­li­tà è aperto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.