Futuro e sordità: le parole del 2014

schermata-2015-12-30-alle-12.04

Ecco che è sta­ta pub­bli­ca­ta la XVII inda­gi­ne Demos sugli ita­lia­ni e lo Sta­to. Fra le sue bus­so­le e map­pe, il Pro­fes­sor Ilvo Dia­man­ti ha pro­va­to già da un po’ a par­la­re a ‘que­sti par­ti­ti’ (per citar­lo nuo­va­men­te). E i par­ti­ti, o alme­no i cit­ta­di­ni, si sono ritro­va­ti, sere­na­men­te, con un lea­der gio­va­ne, con un lin­guag­gio che pri­ma par­la­va di rot­ta­ma­zio­ne ed ora indi­ca il futu­ro. Per il 2015 sce­glie il rit­mo. Pec­ca­to che gli ita­lia­ni non ci sia­no più, alme­no per i par­ti­ti. Par­ti­ti che scel­go­no la rap­pre­sen­ta­zio­ne (per cita­re Chri­stian Rai­mo) inve­ce del­la rap­pre­sen­tan­za. I gran­di par­ti­ti di una vol­ta, di mas­sa, sono scom­par­si già da un po’. I nuo­vi par­ti­ti, che per­do­no tes­se­ra­ti, paio­no dire, ‘non impor­ta’, come fos­se­ro sor­di al gri­do silen­zio­so degli aste­nu­ti, che diven­ta sem­pre più spes­so il pri­mo par­ti­to d’I­ta­lia, come alle ele­zio­ni regio­na­li in Emi­lia Roma­gna, e come nel caso di Roma, dove in que­sti gior­ni sot­to la gui­da del Com­mis­sa­rio del­la Fede­ra­zio­ne PD di Roma, Mat­teo Orfi­ni, si tro­va­no tes­se­re fal­se. Non impor­ta chi si rap­pre­sen­ta, l’im­por­tan­te è la pro­pria auto-conservazione.

Non sor­pren­de allo­ra un decre­scen­te flus­so elet­to­ra­le, una sfi­du­cia tota­le nei par­ti­ti poli­ti­ci, la per­di­ta di entu­sia­smo per il M5S dopo che nel 2013 era riu­sci­to ad aggre­ga­re chi si era aste­nu­to o chi si sen­ti­va abban­do­na­to dal cen­tro-sini­stra, ma anche dal cen­tro-destra. La sola oppo­si­zio­ne e l’incapacità di influen­za­re il pro­ces­so poli­ti­co por­ta all’abbandono di una fet­ta dell’elettorato. Intan­to il Pre­si­den­te del Con­si­glio, for­te del suc­ces­so euro­peo, dice che l’I­ta­lia di oggi è diver­sa dal­l’I­ta­lia di 15 anni fa, e par­la di rit­mo e futuro.

Alla Leo­pol­da 2014, ‘Il futu­re è solo l’inizio’; alla Piag­gio a novem­bre, ‘Qui den­tro ave­te avu­to sem­pre voglia di imma­gi­na­re il futu­ro: …dob­bia­mo smet­te­re di pen­sa­re che il tem­po che ci riguar­da è il pas­sa­to. È il futu­ro, il pae­se è pie­no di espe­rien­ze di asso­lu­ta eccel­len­za che è in gra­do di toglier­si di dos­so la pau­ra, la muf­fa’; una set­ti­ma­na dopo, a mar­gi­ne dell’incontro dei G20 a Bri­sba­ne, in Austra­lia, ‘Biso­gna inve­sti­re sul futu­ro’; a dicem­bre, dopo l’accordo con Cevi­tal dice ‘Piom­bi­no è un pez­zo di futu­ro del­l’I­ta­lia’; quat­tro gior­ni dopo, al con­ve­gno ‘La buo­na scuo­la’, cita Die­trich Bon­hoef­fer, ‘Otti­mi­smo è non lascia­re il futu­ro ai nostri avver­sa­ri ma riven­di­ca­re a sé il futu­ro con corag­gio’; ed anco­ra, biso­gna ripar­ti­re dal­la scuo­la, per ‘dimo­stra­re che “futu­ro” è la paro­la più ita­lia­na che ci sia’.

Nel futu­ro, però, non ci sono, per­ché sono nel pre­sen­te, gli elet­to­ri. Cen­sis e Col­di­ret­ti dico­no che sono 11 milio­ni gli ita­lia­ni che non pos­so­no per­met­ter­si ‘un pasto pro­tei­co ade­gua­to alme­no ogni due gior­ni’, l’Istat par­la del 5% di ita­lia­ni che non ha sol­di per man­gia­re e il 15% che vive nel­la pover­tà e non arri­va a fine mese, con cir­ca 10 milio­ni di per­so­ne che vivo­no in for­te sta­to di sof­fe­ren­za nel Pae­se. Gli ita­lia­ni guar­da­no alla poli­ti­ca e ai par­ti­ti, ma i par­ti­ti non ascol­ta­no. Come scris­se Dia­man­ti solo due anni fa, quel­lo che pre­oc­cu­pa è la sor­di­tà di que­sta oli­gar­chia. E allo­ra poi i cit­ta­di­ni non si fida­no nean­che più del­la poli­ti­ca e del­le isti­tu­zio­ni a livel­lo loca­le, secon­do Demos, che di soli­to sono le isti­tu­zio­ni che rac­col­go­no mag­gior con­sen­so. Solo Papa Fran­ce­sco attrae l’in­te­res­se e la fidu­cia di un popo­lo sen­za lea­der e sen­za fidu­cia. Ma anche il Papa non rie­sce a gui­da­re quel­la stes­sa fidu­cia ver­so la pro­pria isti­tu­zio­ne, la Chie­sa. Non fun­zio­na il lin­guag­gio per slo­gan (per cita­re Mau­ri­zio Lan­di­ni), non fun­zio­na un Jobs Act di cui gli ita­lia­ni non san­no mol­to e che sem­bra ren­de­re il mer­ca­to più pre­ca­rio, non flessibile.

La lot­ta alla cor­ru­zio­ne, più tra­spa­ren­za, la ridu­zio­ne del nume­ro dei par­la­men­ta­ri, sen­za dimi­nui­re le ele­zio­ni (la doman­da di rap­pre­sen­tan­za non pas­sa attra­ver­so la sua dimi­nu­zio­ne; citan­do Nadia Urbi­na­ti, sare­mo chia­ma­ti a vota­re solo alle poli­ti­che e alle comu­na­li, oltre alle euro­pee), il taglio dei vita­li­zi e dei pri­vi­le­gi del­la poli­ti­ca sono le basi per rico­strui­re la fidu­cia. In un Pae­se dove la rego­la è il clien­te­li­smo, anche nel­la sua acce­zio­ne nepo­ti­sti­ca, non ser­ve par­la­re di meri­to­cra­zia, ma basta la tra­spa­ren­za, oltre ad un ritor­no dei par­ti­ti ver­so la base come un pos­si­bi­le pas­so avan­ti. Non per aver­ne tes­se­re, ma per rac­co­glie­re idee, entu­sia­smo ed azione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.