Fare la ruggine: alcune note a margine delle elezioni Usa

Premessa: non faccio l'esperto di elezioni americane - come altri, che ne scrivono da mesi, sapendola lunghissima - e speravo ovviamente vincesse l'altra candidata.
millennialssocialism-1024x535

Pre­mes­sa: non fac­cio l’e­sper­to di ele­zio­ni ame­ri­ca­ne — come altri, che ne scri­vo­no da mesi, sapen­do­la lun­ghis­si­ma — e spe­ra­vo ovvia­men­te vin­ces­se l’al­tra can­di­da­ta. Con­fi­da­vo in una sua vit­to­ria di misu­ra, in veri­tà, anche ieri sera, in diret­ta tv.

Alle pri­ma­rie soste­ne­vo San­ders (come i mil­len­nials, i più gio­va­ni, e que­sto ci dà un po’ di spe­ran­za), men­tre tut­ti mi ride­va­no die­tro, per­ché biso­gna­va vota­re per chi vin­ce… e in Ita­lia era­no tut­ti cer­ti del risultato.

Soste­ne­vo San­ders per­ché sono con­vin­to che ser­va­no pro­po­ste più radi­ca­li, che se si vuo­le dare una rispo­sta al males­se­re dif­fu­so non si pos­sa appa­ri­re trop­po vici­ni ai gran­di inte­res­si, alle ban­che, alle gran­di compagnie.

Che ci voles­se una poli­ti­ca che rap­pre­sen­tas­se i peri­fe­ri­ci, i gio­va­nis­si­mi e i drop out di tut­te le età, che inter­pre­tas­se i loro biso­gni pri­ma­ri e le loro aspet­ta­ti­ve, uni­co ‘rime­dio’ alla pau­ra fot­tu­ta che altri­men­ti atta­na­glia chi si sen­te fra­gi­le, espo­sto a un gio­co più gran­de, che non con­trol­la in alcun modo. A cui nem­me­no par­te­ci­pa. Paro­le sem­pli­ci, auto­no­me, cre­di­bi­li: real issues.

Guar­dan­do ai risul­ta­ti del­la rust belt mi pare evi­den­te (rust signi­fi­ca rug­gi­ne, peraltro).

Per­ché è neces­sa­ria una let­tu­ra del­la cri­si, che a sini­stra va anco­ra for­mu­la­ta e mi pare­va che con San­ders si faces­se un ten­ta­ti­vo più avan­za­to in que­sta direzione.

Hil­la­ry Clin­ton si è tro­va­ta a incar­na­re la sco­mo­da posi­zio­ne di chi ere­di­ta­va il pote­re e non ha sapu­to distac­car­se­ne, e per via del­la sua sto­ria per­so­na­le nem­me­no avreb­be potuto.

A un cer­to pun­to biso­gna deci­de­re cosa costa di più, se rinun­cia­re ai gran­di finan­zia­to­ri o rischia­re di per­de­re le ele­zio­ni per­ché si pas­sa per esse­re al loro servizio.

Pen­so, da anni, che il pro­ble­ma del­la disu­gua­glian­za e del­l’ar­roc­ca­men­to del siste­ma sia il peri­co­lo più gran­de. E, se sia­mo tut­ti d’ac­cor­do sul­l’a­na­li­si e sul quel males­se­re, il mes­sag­gio non può esse­re che non c’è alter­na­ti­va: si può fare di meglio.

Temo inve­ce che, come spes­so acca­de, negli stes­si di cui sopra scat­te­rà l’ir­re­si­sti­bi­le ten­ta­zio­ne non del­la ricer­ca di un’al­ter­na­ti­va, cosa mol­to dif­fi­ci­le, ma all’i­mi­ta­zio­ne, che è deci­sa­men­te più semplice.

Così al pros­si­mo giro vin­ce­rà un can­di­da­to che farà appa­ri­re Trump mode­ra­to, e così via all’infinito.

Ho insom­ma assi­sti­to da lon­ta­no alla cam­pa­gna del meno peg­gio che, come ripe­to da tem­po, a vol­te por­ta diret­ta­men­te al peggio.

Poi maga­ri ne par­lia­mo meglio, ma il meno­peg­gi­smo mi pare non esca benis­si­mo. Né chi ride­va di chi soste­ne­va il can­di­da­to che non vin­ce­va. E ora ha perso.

Infi­ne, poi­ché qual­cu­no (i soli­ti) ha volu­to col­le­ga­re quel che suc­ce­de lag­giù alle nostre vicen­de poli­ti­che nazio­na­li, segna­lo che le rego­le si fan­no pen­san­do anche che pos­so­no vin­ce­re gli altri (the others).

Le vec­chie Costi­tu­zio­ni (quel­la ame­ri­ca­na è del Set­te­cen­to, emen­da­ta in modo pun­tua­le e pre­ci­so) era­no sta­te scrit­te anche pen­san­do a ciò. Non dimentichiamolo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.