La politica di Possibile (contro il «diritto alla vendetta»)

Con Possibile ci dedichiamo alla messa in sicurezza, quella sicurezza che passa dalla cura e dalle statistiche e che trova concretezza nelle mobilitazioni, nelle strade, nelle piazze e, allo stesso tempo, negli atti parlamentari. Questa è la politica di Possibile. Schieratevi con noi, dall'altra parte.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494573035915{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Stiamo intro­du­cen­do, nel nostro ordi­na­men­to, il «dirit­to alla ven­det­ta», scri­ve oggi Rober­to Savia­no. Un dirit­to impli­ci­to, che pog­gia sul “sen­ti­men­to del­la gen­te”, sul­la “pan­cia”. Un dirit­to rispet­to al qua­le non ci arren­dia­mo, ma che com­bat­tia­mo da sem­pre, facen­do di Pos­si­bi­le quel­lo che è: un par­ti­to impe­gna­to nel­la mobi­li­ta­zio­ne e nel­l’a­zio­ne par­la­men­ta­re per amplia­re i dirit­ti di tut­ti (ma pro­prio tut­ti), sen­za cede­re alla rispo­sta faci­le del “dirit­to fai date”, del­la “giu­sti­zia fai da te”, che pur­trop­po tro­va­no di fron­te a loro spa­zi enor­mi, non solo ordi­na­men­ta­li, ma anche culturali.

Da un lato, infat­ti, il dibat­ti­to par­la­men­ta­re offre sem­pre più occa­sio­ni per aiz­za­re il dibat­ti­to pub­bli­co su temi che ven­go­no trat­ta­ti a spro­po­si­to e mala­men­te. Pen­sia­mo, da ulti­mo, alla vicen­da riguar­dan­te la legit­ti­ma dife­sa. La Came­ra ha licen­zia­to un testo con­fu­sio­na­rio e dif­fi­cil­men­te appli­ca­bi­le dal pun­to di vista del dirit­to, che però ha tra­smes­so un mes­sag­gio pre­ci­so (e sba­glia­to, in tut­ti i sen­si) all’o­pi­nio­ne pub­bli­ca: di not­te si può fare quel­lo che si vuo­le, si può spa­ra­re. Di not­te sosti­tuia­mo alle garan­zie costi­tu­zio­na­li le leg­gi del far west.

O pen­sia­mo alla ridu­zio­ne del­le garan­zie pro­ces­sua­li per i richie­den­ti asi­lo, che a det­ta del mini­stro Min­ni­ti amplie­reb­be­ro i dirit­ti per i “veri rifu­gia­ti”, quan­do sap­pia­mo che, inve­ce, ridur­rà i dirit­ti di tut­ti i richie­den­ti asi­lo, con­fi­gu­ran­do (insie­me ad altre misu­re) una disci­pli­na ad hoc per i migran­ti, una sor­ta di leg­ge spe­cia­le che si basa sul­l’as­sun­to per il qua­le se una quo­ta di pro­fu­ghi non ha dirit­to all’a­si­lo allo­ra col­pi­sco anche chi que­sto dirit­to ce l’ha, o potreb­be aver­lo, toglien­do un gra­do di giu­di­zio a tut­ti.

Per non par­la­re del­le reta­te sdo­ga­na­te anche in sta­zio­ne Cen­tra­le a Mila­no, con il plau­so di chi gui­da il Par­ti­to Demo­cra­ti­co a livel­lo metro­po­li­ta­no e a distan­za di soli pochi gior­ni dal feri­men­to di due mili­ta­ri in segui­to a una rissa.

Pen­sia­mo alle unio­ni civi­li: sban­die­ra­te qua­le gran­de con­qui­sta del gover­no Ren­zi, han­no amplia­to la sfe­ra dei dirit­ti al prez­zo del­la discri­mi­na­zio­ne più odio­sa, quel­la nei con­fron­ti dei bam­bi­ni (si veda alla voce ste­p­child adop­tion). O alla nuo­va leg­ge appro­va­ta dal­la Came­ra sul­la cit­ta­di­nan­za: un’al­tra leg­ge che amplia i dirit­ti ma intro­du­ce anch’es­sa — se mai pas­se­rà al Sena­to — una discri­mi­na­zio­ne, per­ché sul­la con­di­zio­ne del figlio gra­va quel­la dei genitori.

Pen­sia­mo, ulti­mo ma pri­mo, al bonus 80 euro, che pre­mia sola­men­te chi sta all’in­ter­no di una deter­mi­na­ta fascia di red­di­to per­so­na­le (non fami­glia­re) e non chi vi sta sot­to.

Lo sci­vo­la­men­to, come dice­va­mo, non è solo nor­ma­ti­vo ma anche cul­tu­ra­le. Ecco per­ché non devo­no sor­pren­de­re le paro­le che si affian­ca­no ai prov­ve­di­men­ti, per giu­sti­fi­ca­re, par­la­re alla pan­cia (appun­to), crea­re un sen­ti­men­to (direb­be Min­ni­ti) di empa­tia:

La sicu­rez­za è un sen­ti­re. E la cosa più impe­gna­ti­va, dun­que, è il sen­tir­si, che è qual­co­sa di vici­no al sen­ti­men­to. Dove si ragio­na con le sta­ti­sti­che non c’è sen­ti­men­to (Mar­co Minniti).

La vio­len­za ses­sua­le è un atto odio­so e schi­fo­so sem­pre, ma risul­ta social­men­te e moral­men­te ancor più inac­cet­ta­bi­le quan­do è com­piu­to da chi chie­de e ottie­ne acco­glien­za nel nostro Pae­se (Debo­ra Serracchiani).

A schie­rar­si dal­l’al­tra par­te ci sono colo­ro che rifiu­ta­no le gene­ra­liz­za­zio­ni e le appros­si­ma­zio­ni (pen­sa­te al dibat­ti­to sul­le ONG), che guar­da­no le sta­ti­sti­che, che fan­no i con­ti, che si inter­ro­ga­no sugli effet­ti di cia­scu­na nor­ma che modi­fi­ca il nostro ordi­na­men­to, par­ten­do dal pre­sup­po­sto che a capo di tut­to, a tene­re assie­me una comu­ni­tà, ci sia il dirit­to e il rispet­to dei dirit­ti indi­vi­dua­li e col­let­ti­vi. E che sia­no que­sti a garan­ti­re coe­sio­ne socia­le, liber­tà e, sì, anche l’or­di­ne e la sicu­rez­za.

Non è arman­do le comu­ni­tà che otter­re­mo più sicu­rez­za. Non è cri­mi­na­liz­zan­do le ONG che com­bat­te­re­mo i traf­fi­can­ti. Non è intro­du­cen­do il rea­to di rovi­stag­gio che garan­ti­re­mo ordi­ne nel­le nostre cit­tà e, men che meno, dare­mo una spe­ran­za a chi non rie­sce a met­te­re insie­me un pasto. Non è con­ce­den­do dirit­ti a una sola par­te, quin­di intro­du­cen­do ele­men­ti discri­mi­na­to­ri, che esten­de­re­mo le liber­tà di tut­ti noi.

Que­sto è dirit­to alla ven­det­ta, un dirit­to che segna la resa del­lo Sta­to in quan­to garan­te del­l’at­tua­zio­ne dei prin­ci­pi costi­tu­zio­na­li, ceden­do alla peg­gior destra. Sia­mo di fron­te a uno smot­ta­men­to cul­tu­ra­le che tra­vol­ge tut­ti, da destra a sinistra.

Con Pos­si­bi­le ci dedi­chia­mo alla mes­sa in sicu­rez­za, quel­la sicu­rez­za che pas­sa dal­la cura e dal­le sta­ti­sti­che e che tro­va con­cre­tez­za nel­le mobi­li­ta­zio­ni, nel­le stra­de, nel­le piaz­ze e, allo stes­so tem­po, negli atti par­la­men­ta­ri. Que­sta è la poli­ti­ca di Pos­si­bi­le. Schie­ra­te­vi con noi, dal­l’al­tra parte.

Ste­fa­no Catone

Giu­sep­pe Civa­ti[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.