La nostra smisurata ambizione

Quel­lo che è suc­ces­so negli ulti­mi gior­ni non ha biso­gno di dida­sca­lie. La meta­fo­ra del­la giraf­fa di Cope­na­ghen evo­ca­ta da Pip­po Civa­ti è più effi­ca­ce di tut­te le paro­le, trion­fa­li­sti­che o pre­oc­cu­pa­te, che abbia­mo let­to tra ieri e oggi. Quel­la di cui sia­mo sta­ti testi­mo­ni è sta­ta la mano­vra poli­ti­ca più inspie­ga­bi­le e ridi­co­la di cui abbia­mo memo­ria: abbia­mo accom­pa­gna­to gen­til­men­te alla por­ta il Pre­si­den­te del Con­si­glio espres­so dal nostro stes­so par­ti­to, il nostro Par­ti­to Demo­cra­ti­co, rin­gra­zian­do­lo cor­te­se­men­te “per l’ottimo lavo­ro”, e assu­men­do il suo pia­no per l’Italia come piat­ta­for­ma programmatica.


L’in­ter­ven­to di Pip­po Civa­ti alla dire­zio­ne Pd

Ma abbia­mo inve­ce con­ser­va­to intat­ta la vera ragio­ne di que­sta cri­si poli­ti­ca: la man­can­za di rap­pre­sen­ta­ti­vi­tà e di un vero man­da­to popo­la­re, e uno sche­ma di pic­co­le inte­se debo­li e con­cor­di su nul­la, se non sul­la neces­si­tà di pro­cra­sti­na­re il momen­to del con­fron­to col voto e l’ap­pro­va­zio­ne di una nuo­va leg­ge elet­to­ra­le, che anco­ra slitta.


L’in­ter­ven­to di Pao­lo Cos­sed­du alla dire­zio­ne Pd

A suo modo un capo­la­vo­ro poli­ti­co, l’ennesimo che non riu­sci­re­mo a spie­ga­re ai nostri elet­to­ri, se non tiran­do fuo­ri quell’armamentario di misce­le esplo­si­ve che han­no liso la sini­stra ita­lia­na negli ulti­mi ven­ti anni, annien­ta­ta da ambi­zio­ni per­so­na­li mesco­la­te a tota­le man­can­za di coraggio.


L’in­ter­ven­to di Elly Schlein alla dire­zio­ne Pd

Sia­mo sta­ti i pri­mi, e trop­po spes­so gli uni­ci, a cri­ti­ca­re a viso aper­to que­sta mag­gio­ran­za e il “suo” Gover­no del­le lar­ghe inte­se, dall’impianto poli­ti­co che mina­va la stes­sa azio­ne rifor­ma­tri­ce che si pre­fig­ge­va di por­ta­re avan­ti “con deter­mi­na­zio­ne”. Civa­ti non ha vota­to la fidu­cia per ben due vol­te, sal­vo esse­re lea­le dopo le Pri­ma­rie, come pro­mes­so. Quel­le stes­se pri­ma­rie vin­te da Mat­teo Ren­zi sul­la scor­ta dell’#enricostaisereno, e del “buon gover­no che sta facen­do bene” come dice­va l’altro can­di­da­to, quel Gian­ni Cuper­lo, che a due mesi di distan­za ha vota­to per il suo affossamento.

Un voto al gover­no Let­ta duran­te le primarie

Cos’è cam­bia­to in due mesi? Due milio­ni di voti alle Pri­ma­rie del Pd non deter­mi­na­no una vit­to­ria alle ele­zio­ni. È un pre­mio di mag­gio­ran­za trop­po alto per­si­no per chi gode di una popo­la­ri­tà così for­te. Quel­la stes­sa popo­la­ri­tà che anda­va mes­sa in gio­co, con corag­gio, que­sto sì, ma per vin­ce­re ele­zio­ni vere, come chie­dia­mo da mesi. Leg­ge elet­to­ra­le e poi al voto. Per far sce­glie­re i cit­ta­di­ni, che oggi assi­sto­no al ter­zo cam­bio del­la guar­dia a Palaz­zo Chi­gi di uomi­ni poli­ti­ci pro­ve­nien­ti dal­lo stes­so par­ti­to, sen­za che nes­su­no chie­da loro nul­la, e men­tre le loro prio­ri­tà viag­gia­no per altri binari.

Il risul­ta­to del son­dag­gio #staf­fet­ta­si #staf­fet­ta­no che abbia­mo pro­mos­so alla vigi­lia del­la Dire­zio­ne del Par­ti­to Demo­cra­ti­co par­la chia­ro. Men­tre i nostri elet­to­ri defi­ni­va­no un gra­ve erro­re il cam­bio di pre­mier­ship, con la stes­sa for­za sot­to­li­nea­va­no altre prio­ri­tà, ben più pre­gnan­ti e cari­che di urgen­za. Come il lavo­ro. Quel­lo scrit­to in italiano.
Intan­to, dome­ni­ca pros­si­ma, 16 feb­bra­io, ci saran­no le Pri­ma­rie per la scel­ta del Segre­ta­rio regio­na­le del Par­ti­to Demo­cra­ti­co in mol­te regio­ni. Ci sen­tia­mo quin­di tut­ti coin­vol­ti in que­ste pri­ma­rie ed è per que­sto che voglia­mo pre­sen­ta­re i nostri ami­ci che han­no deci­so di met­ter­si in gio­co nel­le diver­se regioni.

Primarie-Piemonte-Viotti In Pie­mon­te c’è Danie­le Viot­ti, atti­vi­sta dei dirit­ti civi­li, cofon­da­to­re dell’associazione Quo­re, per l’uguaglianza del­la comu­ni­tà LGBT ed ex con­si­glie­re comu­na­le di Ales­san­dria. Il suo slo­gan è “un altro modo“.
Primarie-Lombardia-DeMarchi In Lom­bar­dia la can­di­da­ta è Dia­na de Mar­chi, con­si­glie­ra del­la Pro­vin­cia di Mila­no e segre­ta­ria del Cir­co­lo Pio la Tor­re, dove si è impe­gna­ta soprat­tut­to sui temi del­la scuo­la e del­la coe­sio­ne socia­le. Lan­cia la sua can­di­da­tu­ra come una sfi­da alla con­ti­nui­tà. Come slo­gan ha scel­to: ”mai più lontani“.
Primarie-Liguria-Gaggero In Ligu­ria la par­ti­ta la gio­ca Ste­fa­no Gag­ge­ro, coor­di­na­to­re regio­na­le del­la mozio­ne Civa­ti e segre­ta­rio del cir­co­lo Pd di Stur­la-Quar­to a Geno­va. La sua can­di­da­tu­ra si basa sul cam­bia­men­to, per un par­ti­to “nuo­vo e dina­mi­co” e “una Ligu­ria dove non sia­no i non­ni e i padri a cari­car­si sul­le spal­le i pro­pri figli, ma viceversa”
Primarie-Umbria-Cerasini In Umbria cor­re Juri Cera­si­ni, asses­so­re allo Sport del Comu­ne di Spo­le­to che si pre­fig­ge di “abbat­te­re tut­te le bar­rie­re“, anche e soprat­tut­to quel­le all’interno del PD. Lo slo­gan del­la cam­pa­gna infat­ti è “PD sen­za barriere”
Primarie-Marche-Fioretti Nel­le Mar­che ha deci­so di can­di­dar­si una pun­ta di dia­man­te: Luca Fio­ret­ti, pre­si­den­te dell’Associazione nazio­na­le Comu­ni vir­tuo­si non­chè sin­da­co di Mon­sa­no, che ani­ma lavo­ran­do sui temi dell’ambiente, del­la mobii­tà soste­ni­bi­le, del recu­pe­ro dei rifiu­ti, dell’energia rin­no­va­bi­le. Lo slo­gan del­la sua can­di­da­tu­ra è “un #PDi­ver­so“.
Primarie-Lazio-Guglielmo In Lazio la sfi­da la por­ta Mar­co Gugliel­mo, con­si­glie­re Comu­na­le ad Alba­no Lazia­le, spe­cia­liz­za­to in poli­ti­che sui rifiu­ti, che ha lot­ta­to con­tro l’inceneritore nel­la sua cit­tà e per l’adozione degli open data. Il mot­to scel­to per que­sta nuo­va bat­ta­glia col­let­ti­va è “Il soli­to? No, grazie.”
Primarie-Calabria-LoPolito In Cala­bria c’è Mim­mo Lo Poli­to, sin­da­co di Castro­vil­la­ri, impe­gna­to da sem­pre a dif­fon­de­re il sen­so civi­co insie­me al prin­ci­pio che il bene pub­bli­co è il bene di cia­scu­no e di tut­ti. La sua can­di­da­tu­ra por­ta il mar­chio del­la “tra­spa­ren­za assoluta“.
Primarie-Sicilia-Monastra In Sici­lia scen­de in cam­po Anto­nel­la Mona­stra, con­si­glie­ra comu­na­le di Paler­mo impe­gna­ta su temi qua­li la salu­te pub­bli­ca, la pre­ven­zio­ne e la salu­te del­le don­ne. Il suo slo­gan è “Cam­bia­mo genere“.

Anche que­sta insom­ma è un’ottima “squa­dra #civo­ti“, come quel­la che ci ha accom­pa­gna­to lun­go il per­cor­so del­le pri­ma­rie e che con­ti­nue­rà ad accom­pa­gnar­ci per­chè, come abbia­mo sem­pre det­to, l’avventura di dicem­bre è sta­ta una can­di­da­tu­ra collettiva.

In boc­ca al lupo a tutti!

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.