La forza dei prigionieri di coscienza e la debolezza della ragion di Stato – #FreePatrickZaki

Il bilancio della posizione adottata dal Governo italiano verso la sanguinaria autocrazia di al-Sisi non può essere che critico. La cooperazione bilaterale in ambito energetico e militare è stata rafforzata proprio all’intensificarsi della repressione nel paese, nonostante l’auto-assoluzione delle autorità egiziane sull’assassinio di Giulio Regeni

Lo scor­so 11 mar­zo abbia­mo discus­so di Patrick Zaki e del­la deri­va auto­ri­ta­ria del regi­me egi­zia­no entro la cor­ni­ce di una rifles­sio­ne più ampia sul­lo sta­to del­le rela­zio­ni tra Ita­lia e Egit­to. Orga­niz­za­to su ini­zia­ti­va del Comi­ta­to Cala­man­drei di Firen­ze, l’incontro ha trac­cia­to un bilan­cio cri­ti­co del­la posi­zio­ne adot­ta­ta dal Gover­no ita­lia­no ver­so la san­gui­na­ria auto­cra­zia di al-Sisi, sot­to­li­nean­do come la coo­pe­ra­zio­ne bila­te­ra­le in ambi­to ener­ge­ti­co e mili­ta­re sia sta­ta raf­for­za­ta pro­prio all’intensificarsi del­la repres­sio­ne nel pae­se, nono­stan­te l’auto-assoluzione del­le auto­ri­tà egi­zia­ne sull’assassinio di Giu­lio Regeni.

La regi­stra­zio­ne dell’evento è dispo­ni­bi­le a que­sto link. Vi pro­po­nia­mo di segui­to una sin­te­si di alcu­ni spun­ti emer­si duran­te il confronto.

La vicen­da Zaki, spie­ga Eli­sa­bet­ta Bri­ghi (pro­fes­so­res­sa di Rela­zio­ni Inter­na­zio­na­li all’Università di West­min­ster), è emble­ma­ti­ca dell’acquiescenza del­la comu­ni­tà inter­na­zio­na­le al ripa­ro del­la qua­le il Pre­si­den­te al-Sisi, rice­vu­to nel­le capi­ta­li euro­pee con i più alti ono­ri, ha con­ti­nua­to a spar­ge­re san­gue in un cli­ma di tota­le impu­ni­tà. Il con­so­li­da­men­to del­le inte­se tra Roma e il Cai­ro non solo avval­la col­pe­vol­men­te la mor­sa del regi­me sul­la socie­tà egi­zia­na, ma appa­re anche fuo­ri fuo­co rispet­to agli stes­si inte­res­si stra­te­gi­ci nazio­na­li lad­do­ve il con­flit­to libi­co ha già appu­ra­to il segno discor­de del­le rin­no­va­te ambi­zio­ni egi­zia­ne nel Medi­ter­ra­neo. La con­tro­ver­sa ven­di­ta del­le due fre­ga­te Fremm mostra come le scel­te di poli­ti­ca este­ra ita­lia­ne sia­no sta­te deter­mi­na­te da inte­res­si eco­no­mi­ci par­ti­co­la­ri e non col­li­man­ti con l’interesse pub­bli­co generale.

Lau­ra Cap­pon (gior­na­li­sta Rai 3) offre uno spac­ca­to di cosa sia diven­ta­to l’Egitto dopo il col­po di sta­to mili­ta­re che por­tò all’insediamento di al-Sisi nel luglio del 2013. La bru­ta­li­tà degli appa­ra­ti di sicu­rez­za, la loro per­va­si­vi­tà nel­le isti­tu­zio­ni e la siste­ma­ti­ca repres­sio­ne del­le liber­tà fon­da­men­ta­li ren­do­no oggi impen­sa­bi­le la mobi­li­ta­zio­ne del­la socie­tà civi­le, che pure die­ci anni fa ave­va spin­to il pae­se ver­so un per­cor­so di tran­si­zio­ne demo­cra­ti­ca poi inter­rot­to dal­la con­tro-rivo­lu­zio­ne del­la gerar­chia mili­ta­re. Il livel­lo di vio­len­za sen­za pre­ce­den­ti testi­mo­nia tut­ta­via l’instabilità e la fra­gi­li­tà del regime.

L’oblio di miglia­ia di pri­gio­nie­ri di coscien­za è l’obiettivo cui ten­de la stra­te­gia dell’intimidazione adot­ta­ta dal­le isti­tu­zio­ni egi­zia­ne. Ric­car­do Nou­ry (por­ta­vo­ce di Amne­sty Inter­na­tio­nal Ita­lia) det­ta­glia l’istituto del­la deten­zio­ne pre­ven­ti­va cui è sot­to­po­sto anche Zaki: pras­si odio­sa che in assen­za di garan­zie giu­ri­sdi­zio­na­li pro­trae la custo­dia cau­te­la­re in una car­ce­ra­zio­ne inde­fi­ni­ta. Nell’Egitto odier­no le spa­ri­zio­ni for­za­te si sus­se­guo­no in modo inces­san­te, lo sta­to di ecce­zio­ne è diven­ta­to la nor­ma, la Pro­cu­ra supre­ma dell’anti-terrorismo agi­sce come orga­no giu­di­zia­rio prin­ci­pa­le. La con­di­zio­ne per­mis­si­va è tut­ta­via da ricer­car­si nell’indulgenza dei Pae­si euro­pei che han­no fat­to a gara ad arma­re la dit­ta­tu­ra, mal­gra­do l’abuso appa­ri­scen­te dei dirit­ti umani.

“L’Egitto non è mai sta­to così in alto nel­la clas­si­fi­ca del­le auto­riz­za­zio­ni”, con­fer­ma Fran­ce­sco Vignar­ca (Coor­di­na­to­re cam­pa­gne Rete Ita­lia­na Pace e Disar­mo) ana­liz­zan­do l’andamento del flus­so di arma­men­ti ita­lia­ni nel 2019. Il bal­zo in avan­ti nell’export mili­ta­re è pro­ble­ma­ti­co sot­to mol­ti pro­fi­li: non solo è in fla­gran­te vio­la­zio­ne del­la nor­ma­ti­va nazio­na­le e inter­na­zio­na­le, ma con­tri­bui­sce a raf­for­za­re la spi­ra­le in cui è pre­ci­pi­ta­to il pae­se. Non da ulti­mo, le com­mes­se mili­ta­ri sono con­tro­pro­du­cen­ti anche se valu­ta­te dal pun­to di vista degli equi­li­bri di for­za nel Mediterraneo.

L’Italia ha dato un segna­le di resa pro­fon­do ed è neces­sa­rio inver­ti­re la rot­ta”, com­men­ta Nou­ry. Qua­li gli stru­men­ti allo­ra su cui rica­li­bra­re le rela­zio­ni con l’Egitto?

Richia­ma­re l’Ambasciatore ita­lia­no, inter­rom­pe­re le auto­riz­za­zio­ni per l’esportazione di arma­men­ti, sospen­de­re la coo­pe­ra­zio­ne nell’addestramento del­le for­ze di poli­zia, rive­de­re gli accor­di sui rim­pa­tri sono opzio­ni per­cor­ri­bi­li. Al tem­po stes­so si pone il dove­re di assi­cu­ra­re pro­te­zio­ne a stu­den­ti egi­zia­ni che come Patrick stu­dia­no in Euro­pa e non pos­so­no tor­na­re a casa sen­za timo­re di cade­re nel­le maglie del­la repres­sio­ne. Occor­re inter­na­zio­na­liz­za­re la que­stio­ne dei dirit­ti uma­ni nel­le sedi UE e ONU, ha con­ti­nua­to Eli­sa­bet­ta Bri­ghi, per sma­sche­ra­re il vol­to del regi­me e depo­ten­ziar­ne la nar­ra­ti­va del­la sta­bi­li­tà su cui Sisi ha costrui­to le pro­prie for­tu­ne. È pari­men­ti neces­sa­rio smon­ta­re la cari­ca­tu­ra di rea­li­smo spes­so invo­ca­ta nel dibat­ti­to pub­bli­co per legit­ti­ma­re l’interlocuzione pri­vi­le­gia­ta con il Cai­ro rico­no­scen­do che essa ha inve­ce for­ni­to una bus­so­la sba­glia­ta.   

L’errore di fon­do, evi­den­zia Lau­ra Cap­pon, è l’assenza di una visio­ne del Medi­ter­ra­neo e di una cor­ri­spet­ti­va linea di poli­ti­ca este­ra, che pure spet­te­reb­be all’Italia per ragio­ni sto­ri­che e cul­tu­ra­li, oltre che di col­lo­ca­zio­ne geo­gra­fi­ca. Dal tema immi­gra­zio­ne al con­flit­to libi­co, l’approccio ita­lia­no si è rive­la­to spes­so improv­vi­sa­to e tar­di­vo. Con il risul­ta­to, aggiun­ge Fran­ce­sco Vignar­ca, di fini­re ostag­gio dei con­trat­ti mul­ti­mi­lio­na­ri mes­si sul piat­to dal regi­me. Nel busi­ness del­le armi, tut­ta­via, è chi com­pra e non chi ven­de ad eser­ci­ta­re leva politica.

Con­si­de­ra­zio­ni che com­ples­si­va­men­te richia­ma­no l’urgenza di deco­strui­re l’immagine pero­ra­ta da al-Sisi in Occi­den­te e por­re le basi per una diver­sa let­tu­ra del­le rela­zio­ni con l’Egitto, con­clu­de Bea­tri­ce Bri­gno­ne (Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le). Da que­sta pro­spet­ti­va, l’attenzione quo­ti­dia­na sul­la vicen­da Zaki, ricor­da Mar­co Vas­sa­lot­ti (auto­re di “Voglio solo tor­na­re a stu­dia­re”), riflet­te l’impegno poli­ti­co ver­so tut­ti i pri­gio­nie­ri del regi­me egiziano.

Per un appro­fon­di­men­to dei temi toc­ca­ti duran­te la sera­ta e qui solo bre­ve­men­te accen­na­ti riman­dia­mo al video dell’incontro.

Ales­san­dro Tinti

Comi­ta­to Firen­ze Pos­si­bi­le Pie­ro Calamandrei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.