Con la “flat tax” aumentiamo il grado di ingiustizia fiscale e sociale

Nei mesi scorsi il governo si è dimenticato in diverse occasioni del principio di progressività sancito dalla Costituzione, a partire dal cosiddetto "bonus 80 euro", ma non sembra in alcun modo voler cambiare rotta. L'ultima stravagante trovata è quella che è stata chiamata "flat tax sui Paperoni".

Tut­ti sono tenu­ti a con­cor­re­re alle spe­se pub­bli­che in ragio­ne del­la loro capa­ci­tà contributiva.

Il siste­ma tri­bu­ta­rio è infor­ma­to a cri­te­ri di progressività.

Dovreb­be esse­re suf­fi­cien­te l’ar­ti­co­lo 53 del­la Costi­tu­zio­ne per ispi­ra­re e valu­ta­re le poli­ti­che fisca­li del nostro pae­se, all’in­se­gna di un con­cet­to ben pre­ci­so e cioè quel­lo di progressività.

Nei mesi scor­si il gover­no se ne è dimen­ti­ca­to in diver­se occa­sio­ni, a par­ti­re dal cosid­det­to “bonus 80 euro”, ma non sem­bra in alcun modo voler cam­bia­re rot­ta. L’ul­ti­ma stra­va­gan­te tro­va­ta è quel­la che è sta­ta chia­ma­ta “flat tax sui Pape­ro­ni”, cioè un con­tri­bu­to for­fet­ta­rio annuo pari a 100mila euro per met­ter­si in rego­la rispet­to al pre­lie­vo fisca­le sui red­di­ti pro­dot­ti all’e­ste­ro; ne potran­no usu­frui­re, però, sola­men­te per­so­ne che, negli ulti­mi die­ci anni, alme­no per nove di que­sti sono sta­te resi­den­ti all’e­ste­ro ai fini del paga­men­to dell’imposta.

Sono diver­si i pun­ti (mol­to) con­tro­ver­si dal­la pro­po­sta, a par­ti­re dal­la stes­sa deno­mi­na­zio­ne: una “flat tax” dovreb­be pre­ve­de­re un’a­li­quo­ta sul­la base del­la qua­le cal­co­la­re quan­to dovu­to all’e­ra­rio (basan­do­si per­ciò comun­que su un prin­ci­pio di pro­por­zio­na­li­tà, diver­so da quel­lo di pro­gres­si­vi­tà), men­tre in que­sto caso ci tro­via­mo di fron­te a una cifra pre­sta­bi­li­ta, a pre­scin­de­re dal­l’u­ti­le pro­dot­to, attra­ver­so la qua­le “met­ter­si a posto” rispet­to a tut­ti i red­di­ti pro­dot­ti all’estero.

Repub­bli­ca di oggi fa un cal­co­lo mol­to sem­pli­ce: per esse­re sicu­ri di tro­va­re con­ve­nien­te l’op­zio­ne “flat” biso­gne­reb­be aver inve­sti­to all’e­ste­ro un patri­mo­nio di 15/20 milio­ni che, remu­ne­ra­to al 4%, com­por­te­reb­be una tas­sa­zio­ne di cir­ca 200mila euro. E’ que­sta la “soglia di acces­so” cui si rivol­ge il prov­ve­di­men­to del governo.

Ste­fa­no Lepri, su La Stam­pa, si chie­de inve­ce se val­ga la pena intro­dur­re un incen­ti­vo con ele­men­ti di ingiu­sti­zia socia­le e fisca­le rispet­to ai bene­fi­ci che ci si atten­de. «Misu­re di que­sto gene­re — scri­ve Lepri — han­no sen­so in Pae­si pic­co­li, sui qua­li i tra­sfe­ri­men­ti di resi­den­za di alcu­ne per­so­ne ad alto patri­mo­nio può inci­de­re in modo signi­fi­ca­ti­vo. […] Oppu­re pos­so­no esse­re mar­gi­nal­men­te uti­li a Pae­si non pic­co­li che offra­no già una piaz­za finan­zia­ria e ban­ca­ria». E pro­se­gue soste­nen­do che «nel­le sti­me più otti­mi­sti­che potreb­be frut­ta­re al mas­si­mo 100 milio­ni di euro all’anno, lo 0,02% del get­ti­to fisca­le com­ples­si­vo». «Non sia­mo — inol­tre — l’unico Pae­se del con­ti­nen­te euro­peo che ci sta pen­san­do. Né è una novi­tà ten­ta­re di atti­ra­re i ric­chi in un Pae­se dove ci sono sole e mare, Spa­gna e Por­to­gal­lo han­no già pro­va­to. La spe­ran­za è for­se che i ric­chi fac­cia­no moda, indu­ca­no altri a seguir­li, ani­mi­no così i con­su­mi e il mer­ca­to immo­bi­lia­re. Vista nell’insieme dell’Europa, però, que­sta con­cor­ren­za a strap­par­se­li non gio­va: qual­che Pae­se ha suc­ces­so, qual­che altro no, in tota­le la tas­sa­zio­ne su red­di­ti e patri­mo­ni alti dimi­nui­sce. For­se pote­va rispar­mia­re di met­ter­si in gara anche l’Italia, dove l’impressione che il siste­ma tri­bu­ta­rio sia ini­quo è diffusa».

E for­se pote­va rispar­miar­se­lo anche per un’al­tra ragio­ne: misu­re di com­pe­ti­zio­ne fisca­le gene­ra­no mec­ca­ni­smi al ribas­so, per cui ci sarà sem­pre un altro pae­se che farà meglio (peg­gio) di noi, garan­ten­do con­di­zio­ni fisca­li ancor più favo­re­vo­li, con con­se­guen­te assot­ti­glia­men­to del get­ti­to fisca­le e quin­di con una stret­ta sul­le capa­ci­tà redi­stri­bu­ti­ve del­lo Sta­to attra­ver­so l’e­ro­ga­zio­ne di ser­vi­zi e la pre­di­spo­si­zio­ne di siste­mi di wel­fa­re universalistici.

«Il pro­ble­ma che ci si dovreb­be por­re è fare paga­re le tas­se in base alle leg­ge e non dare incen­ti­vi», ha dichia­ra­to l’ex mini­stro Vin­cen­zo Visco bol­lan­do la flat tax come «un’al­tra del­le stra­va­gan­ze di Ren­zi» che «pen­sa di fare con­cor­ren­za agli ingle­si sul loro ter­re­no dopo la Bre­xit. Ma la con­cor­ren­za fisca­le a tut­ti i costi crea solo un mon­do di dise­gua­glian­ze».

Il sen­tie­ro intra­pre­so va nel­l’op­po­sta dire­zio­ne del det­ta­to costi­tu­zio­na­le e, quin­di, di una poli­ti­ca fisca­le pro­gres­si­va. Oltre a una pro­po­sta di com­ples­si­va rifor­ma del­le ali­quo­te Irpef in que­sto sen­so, duran­te la discus­sio­ne in Aula Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to due emen­da­men­ti alla misu­ra di cui stia­mo par­lan­do, per mez­zo di Luca Pasto­ri­no. Il pri­mo dei due era sem­pli­ce­men­te sop­pres­si­vo, men­tre il secon­do cer­ca­va di intro­dur­re per­lo­me­no un ele­men­to di pro­por­zio­na­li­tà, non pre­ve­den­do una som­ma pre­sta­bi­li­ta (100mila euro), ma una som­ma che varias­se al varia­re del red­di­to gene­ra­to, quan­ti­fi­ca­ta nel 33%. Ovvia­men­te nes­su­na del­le due pro­po­ste è sta­ta pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne e ci tro­via­mo così di fron­te all’en­ne­si­ma misu­ra di ingiu­sti­zia fisca­le e socia­le dise­gna­ta dal gover­no Renzi-Gentiloni.

Infi­ne, fa nota­re Andrea Mae­stri, «l’in­tro­du­zio­ne del­la “flat tax” è la car­ti­na di tor­na­so­le del­la mone­tiz­za­zio­ne del valo­re del­la per­so­na, del­la discri­mi­na­zio­ne in base al red­di­to e al patri­mo­nio, del­la distru­zio­ne del prin­ci­pio (costi­tu­zio­na­le) del­la pro­gres­si­vi­tà fisca­le. Se sei ric­chis­si­mo e stra­nie­ro, il nuo­vo para­di­so fisca­le Ita­lia ti acco­glie a brac­cia aper­te. E anche se vuoi fare il ricon­giun­gi­men­to fami­lia­re: nes­sun pro­ble­ma, basta paga­re». La discri­mi­na­zio­ne sta nei con­fron­ti di un qual­sia­si altro migran­te, che «per riu­nir­si con i suoi fami­lia­ri deve dimo­stra­re di ave­re un red­di­to mini­mo, l’i­do­nei­tà allog­gia­ti­va e mol­to altro». Il dena­ro sbian­ca, mai come in que­sto caso.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?