La dignità del Parlamento salvaguardata dall’uguaglianza e non dai vitalizi

Una legge parziale e migliorabile, ma che comunque si pone nel solco dell'uguaglianza.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1501159032507{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Sui vita­li­zi in mol­ti han­no per­so la luci­di­tà. Soprat­tut­to quel­li che lo han­no (che non sono pochi), anche in rever­si­bi­li­tà, i loro figli e nipoti.

Duran­te la discus­sio­ne par­la­men­ta­re abbia­mo sen­ti­to di tut­to, per­fi­no l’«attacco al Par­la­men­to», che è sta­to mol­to più «attac­ca­to» dal tra­sfor­mi­smo, dal­le pes­si­me moda­li­tà di eser­ci­zio del man­da­to, dagli epi­so­di di cor­ru­zio­ne e mal­ver­sa­zio­ne del­la cosa pub­bli­ca. Si sareb­be­ro volu­ti sen­ti­re in quel­le occa­sio­ni, nel­le aule par­la­men­ta­ri, cer­ti «sospi­ri, pian­ti ed alti lai».

Ora, la leg­ge licen­zia­ta dal­la Came­ra non è un gran­ché anzi­tut­to per­ché man­ca del pez­zo che ci pare­va for­se anche più impor­tan­te, quel­lo del­la ridu­zio­ne del­le inden­ni­tà e dei rim­bor­si spe­se per i par­la­men­ta­ri e che pro­ba­bil­men­te non è sta­ta inse­ri­ta per­ché avreb­be col­pi­to anche quel­li in cari­ca (che inve­ce il vita­li­zio non lo han­no già più, essen­do sta­to sosti­tui­to da una pen­sio­ne con il meto­do con­tri­bu­ti­vo) e in secon­do luo­go per­ché rischia di esse­re anco­ra poco rispet­to­sa del prin­ci­pio di ugua­glian­za sen­za il con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà per le pen­sio­ni più alte che ave­va­mo proposto.

Tut­ta­via, il pas­sag­gio segna un pun­to impor­tan­te per il supe­ra­men­to dei trop­pi pri­vi­le­gi. Tra que­sti sono cer­ta­men­te da iscri­ve­re i vita­li­zi, che – lo ricor­dia­mo – non sono pre­vi­sti dal­la Costi­tu­zio­ne (che si limi­ta a con­tem­pla­re le inden­ni­tà), la cui eli­mi­na­zio­ne non ridur­rà nes­su­no sul lastri­co, per­ché chi oggi li per­ce­pi­sce vedrà rico­no­sciu­ta­si una pen­sio­ne come quel­la degli altri. Col siste­ma contributivo.

Tra gli aspet­ti di più for­te cri­ti­ca ne emer­go­no due: 1) l’incostituzionalità per l’applicazione retroat­ti­va, con nega­ti­va inci­den­za su un trat­ta­men­to già matu­ra­to e per­ce­pi­to; 2) la pos­si­bi­li­tà che in un secon­do momen­to lo stes­so trat­ta­men­to sia riser­va­to ad altri pensionati.

Cir­ca il pri­mo argo­men­to, risul­ta apprez­za­bi­le anzi­tut­to che que­ste Came­re stia­no svi­lup­pan­do una scru­po­lo­sa atten­zio­ne alla Costi­tu­zio­ne, pur­trop­po risul­ta­ta assen­te nei pre­ce­den­ti quat­tro anni, non solo per l’approvazione di una rifor­ma costi­tu­zio­na­le sul­la cui for­te debo­lez­za non è il caso di tor­na­re, ma anche per le nume­ro­se leg­gi inco­sti­tu­zio­na­li licen­zia­te con leg­ge­rez­za. Ora, in rela­zio­ne a que­sta leg­ge, la que­stio­ne è cer­ta­men­te com­ples­sa e la Cor­te costi­tu­zio­na­le non man­che­rà di esa­mi­nar­la. Nell’attesa pos­sia­mo alme­no ricor­da­re, però, che, con sent. n. 446 del 2002 la stes­sa Con­sul­ta ha affer­ma­to che «il dirit­to ad una pen­sio­ne legit­ti­ma­men­te attri­bui­ta (in con­cre­to e non poten­zial­men­te) – se non può esse­re eli­mi­na­to del tut­to da una rego­la­men­ta­zio­ne retroat­ti­va che ren­da inde­bi­ta l’erogazione del­la pre­sta­zio­ne – ben può subi­re gli effet­ti di disci­pli­ne più restrit­ti­ve intro­dot­te non irra­gio­ne­vol­men­te da leg­gi soprav­ve­nu­te».

Cir­ca il secon­do argo­men­to, pare fin trop­po ovvio che l’incidenza sui trat­ta­men­ti pen­sio­ni­sti­ci diver­si dai vita­li­zi non arri­ve­reb­be a segui­to di alcun auto­ma­ti­smo né even­to impre­vi­sto o impre­ve­di­bi­le, ma sol­tan­to – even­tual­men­te – a segui­to di una deci­sio­ne poli­ti­ca del­le Came­re adot­ta­ta con leg­ge. Basta che quel­lo stes­so Par­la­men­to che se ne pre­oc­cu­pa, con­ti­nui a pre­oc­cu­par­se­ne e non lo fac­cia e nes­sun trat­ta­men­to dete­rio­re col­pi­rà nes­sun altro.

Peral­tro chi fos­se dav­ve­ro con­vin­to dell’incostituzionalità non dovreb­be teme­re così tan­to, con­fi­dan­do che que­sta arri­vi ben pre­sto, rasserenandoli.

Spe­ria­mo quin­di che la leg­ge pos­sa ter­mi­na­re il suo iter, attra­ver­so il pas­sag­gio al Sena­to, non dispe­ran­do che si pon­ga mano anche a una ragio­ne­vo­le ridu­zio­ne del­le inden­ni­tà e dei rim­bor­si spe­se per l’esercizio del man­da­to. Sem­pre nel segno dell’uguaglianza, che sia­mo cer­ti con­tri­bui­rà alla digni­tà del Par­la­men­to più dei vitalizi.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?