La crescita economica si costruisce a partire dagli asili nido

Una maggior disponibilità di posti in nidi di qualità a costi contenuti farebbe aumentare la crescita demografica, riattiverebbe un buon numero di donne che sono al momento improduttive e aumenterebbe il numero di bambini in grado di essere terreno fertile per i successivi anni di istruzione.

Stia­mo entran­do nel vivo del­la cam­pa­gna per le ammi­ni­stra­ti­ve e spe­ro di vede­re nei pro­gram­mi elet­to­ra­li di tut­ti i can­di­da­ti sin­da­ci un impe­gno cre­di­bi­le di aumen­to dell’offerta di posti negli asi­li nido comu­na­li.

Pen­so che sia nel mio inte­res­se di cit­ta­di­na che paga le tas­se che que­sto avven­ga, nono­stan­te i miei figli sia­no ormai in età sco­la­sti­ca e non abbia alcu­na inten­zio­ne di ripro­dur­mi nuo­va­men­te. Pen­so infat­ti che gli asi­li nido sia­no uno dei miglio­ri inve­sti­men­ti che i comu­ni, anche come dira­ma­zio­ne loca­le del­lo sta­to, pos­sa­no fare in que­sto perio­do. Non mi stu­pi­reb­be nem­me­no se i fon­di per gli asi­li nido potes­se­ro esse­re stral­cia­ti dal pat­to di stabilità.

Qual­cu­no dirà che sono comun­que spe­se e noi non abbia­mo biso­gno di aumen­ta­re le spe­se, ma for­se è il caso di ricor­da­re che tut­ti i nostri vin­co­li di bilan­cio sono in ter­mi­ni rela­ti­vi, sono un nume­ra­to­re di una fra­zio­ne al cui deno­mi­na­to­re c’è il PIL e che se aumen­ta quel­lo per for­za potrà aumen­ta­re il numeratore.

Una mag­gio­re dispo­ni­bi­li­tà di nidi farà cre­sce­re il PIL e sarà una spe­sa che si ripa­ghe­rà ampia­men­te. Vedia­mo il perché.

Innan­zi­tut­to un aumen­to dell’offerta di nidi potreb­be aumen­ta­re il tas­so di fer­ti­li­tà di que­sto pae­se che con 1,37 è il più bas­so d’Europa, ed è dimo­stra­to ampia­men­te che quan­do si rie­sce a ren­de­re la mater­ni­tà un’esperienza meno tota­liz­zan­te il tas­so di fer­ti­li­tà aumenta.

È altre­sì dimo­stra­ta una for­te cor­re­la­zio­ne tra par­te­ci­pa­zio­ne del­le don­ne al mer­ca­to del lavo­ro e dispo­ni­bi­li­tà di posti nei nidi. Ricor­dia­mo infat­ti che l’Italia è il ter­zul­ti­mo pae­se OCSE per il livel­lo di par­te­ci­pa­zio­ne fem­mi­ni­le, 51% con­tro una media OCSE del 65%. Que­sto vuol dire che ci sono un sac­co di don­ne abi­li  e istrui­te che spre­ca­no il loro capi­ta­le uma­no per man­can­za di poli­ti­che che favo­ri­sco­no la con­ci­lia­zio­ne lavo­ro-fami­glia. Sap­pia­mo che i nidi non sono l’unico stru­men­to atto a que­sto sco­po in mano all’autorità pub­bli­ca ma sia­mo anche sicu­ri che sia uno stru­men­to che fun­zio­na. Quan­do il mini­stro Morat­ti isti­tuì le sezio­ni Pri­ma­ve­ra (ovve­ro acces­so alla scuo­la mater­na per i bam­bi­ni di 2 anni) si osser­vò un aumen­to del­la par­te­ci­pa­zio­ne al mer­ca­to del lavo­ro da par­te del­le donne.

Pur­trop­po solo il 12% dei bam­bi­ni di 2 anni tro­va posto in un nido (con una for­tis­si­ma dispa­ri­tà regio­na­le, meglio al nord e peg­gio al sud) e spes­so nei cri­te­ri di ammis­sio­ne la pre­sen­za di due geni­to­ri che lavo­ra­no non è una del­le con­di­zio­ni che aumen­ta­no il pun­teg­gio. L’alternativa sono spes­so i nidi pri­va­ti con ret­te ele­va­te a cui acce­do­no solo don­ne che han­no una car­rie­ra pro­fes­sio­na­le avvia­ta e che inve­sto­no sul loro futu­ro. Vie­ne quin­di meno uno dei due ruo­li del nido, quel­lo di favo­ri­re la con­ci­lia­zio­ne per la tota­li­tà del­le don­ne lavoratrici.

Ma atten­zio­ne, la rispo­sta non è cam­bia­re i cri­te­ri di ammis­sio­ne che spes­so favo­ri­sco­no le fami­glie a bas­so red­di­to per­ché — sor­pre­sa! — anche quel­lo è un otti­mo inve­sti­men­to per il nostro pae­se. Illu­stri stu­dio­si (il più famo­so dei qua­li è James Heck­man, pre­mio Nobel) spie­ga­no da anni che il miglior modo per spen­de­re risor­se pub­bli­che in edu­ca­zio­ne è inve­sti­re sugli anni pre­sco­la­sti­ci, sono infat­ti que­sti gli anni in cui i bam­bi­ni acqui­si­sco­no quel­le skills non cogni­ti­ve che aiu­ta­no poi a fare bene a scuo­la e nel­la vita. I bam­bi­ni del­le clas­si socia­li agia­te rice­vo­no abbon­dan­za di sti­mo­li in fami­glia, men­tre quel­li del­le fami­glie svan­tag­gia­te li rice­vo­no solo a scuo­la, al nido. Que­sta è quel­la che vie­ne chia­ma­ta pre-distri­bu­zio­ne, sot­to il cui nome van­no tut­ti que­gli sfor­zi per miglio­ra­re ed egua­glia­re le con­di­zio­ni di par­ten­za, che dovreb­be dimi­nui­re il biso­gno di redi­stri­bu­zio­ne (inter­ven­to atti­vo per egua­glia­re le con­di­zio­ni di arri­vo). Quin­di aiu­ta­re i bam­bi­ni svan­tag­gia­ti a poter sboc­cia­re e cre­sce­re sfrut­tan­do al meglio le pro­prie abi­li­tà non solo cree­rà cit­ta­di­ni atti­vi e pro­dut­ti­vi ma ridur­rà il biso­gno di inter­ven­ti assi­sten­zia­li suc­ces­si­vi.

Una mag­gior dispo­ni­bi­li­tà di posti in nidi di qua­li­tà a costi con­te­nu­ti quin­di fareb­be aumen­ta­re la cre­sci­ta demo­gra­fi­ca, riat­ti­ve­reb­be un buon nume­ro di don­ne che sono al momen­to impro­dut­ti­ve e aumen­te­reb­be il nume­ro di bam­bi­ni in gra­do di esse­re ter­re­no fer­ti­le per i suc­ces­si­vi anni di istru­zio­ne: dif­fi­ci­le tro­va­re una sin­go­la misu­ra che pos­sa aumen­ta­re il pro­dot­to nazio­na­le attra­ver­so un nume­ro mag­gio­re di canali.

In sin­te­si, i nidi sono la miglior poli­ti­ca per la cre­sci­ta del nostro pae­se, e lo sono attra­ver­so una ridu­zio­ne del gen­der gap e un livel­la­men­to del­le con­di­zio­ni di par­ten­za, entram­be cose di cui in que­sto pae­se c’è un gran bisogno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.