La Costituente delle Idee: giù la maschera

Oggi è lune­dì, gior­no dispa­ri, quin­di si vota a bre­vis­si­mo, for­se in apri­le, al mas­si­mo in giu­gno. Doma­ni, gior­no pari, la legi­sla­tu­ra pro­se­gue fino al 2018, sen­za alcun dub­bio. I siste­mi elet­to­ra­li, nel frat­tem­po, cam­bia­no a ogni ora del gior­no e del­la not­te.

È un bal­let­to un po’ ridi­co­lo, ma in fon­do con­ta poco, per­ché oggi o doma­ni suc­ce­de­rà, e noi voglia­mo pre­oc­cu­par­ci più di quel­lo che acca­drà dopo, quan­do la paro­la tor­ne­rà final­men­te ai cit­ta­di­ni.

Voglia­mo che pos­sa­no dire la loro anche pri­ma di quel­la fati­di­ca data, che sia il cul­mi­ne di un pro­ces­so costrui­to insie­me, non l’appuntamento per rica­ri­ca­re le lan­cet­te del­la democrazia.

Voglia­mo costrui­re, insie­me, un pro­get­to libe­ro, coe­ren­te, cre­di­bi­le.
Ali­men­ta­to dal­le idee, non cal­co­la­to sul­le tattiche.

Soli­da­men­te anco­ra­to ai nume­ri rea­li, non affa­stel­la­to su ipo­te­si irrazionali.

Uni­ta­rio, per­ché lega­to ai con­te­nu­ti e ‘allea­to’ con le ragio­ni di fon­do e con le solu­zio­ni concrete.

Scrit­to, per­ché sia­mo stan­chi del­le paro­le al vento.

Un pro­get­to che costi­tui­sca l’insieme del­le linee gui­da per una com­pe­ti­zio­ne nel meri­to con chi pro­po­ne cose ogget­ti­va­men­te mol­to diver­se, non il pro­cla­ma di gene­ri­ci inten­ti che reste­ran­no let­te­ra mor­ta, sacri­fi­ca­ti sull’altare del­le allean­ze quan­tun­que­men­te con qua­lun­que­men­te.

Una com­me­dia tutt’altro che appas­sio­nan­te, in cui cia­scu­no dà del popu­li­sta all’altro, una eter­na e fin­ta baruf­fa tra gli arlec­chi­ni dell’eterno tra­sfor­mi­smo di que­sti anni e le bufa­le dei nume­ro­si pul­ci­nel­la. E paghe­rà pan­ta­lo­ne, come sempre.

Ebbe­ne, noi cre­dia­mo che, in que­sto Pae­se, le per­so­ne non sop­por­ti­no più que­sto spet­ta­co­lo, in cui le tra­me sono tri­te e ritri­te e in cui tut­ti i per­so­nag­gi ripe­to­no all’infinito i loro nume­ri più cele­bri alla dispe­ra­ta ricer­ca dell’applauso del­la claque.

Se voglia­mo una sto­ria diver­sa e più cre­di­bi­le per que­sto Pae­se, dob­bia­mo scri­ver­la noi.

Ed è per que­sto che, nei gior­ni di car­ne­va­le, vi invi­tia­mo tut­ti a Roma, alla Costi­tuen­te del­le Idee, per far get­ta­re la masche­ra a que­sta poli­ti­ca, per scri­ve­re una pagi­na nuo­va, che si pos­sa reci­ta­re a viso aper­to, sen­za misti­fi­ca­zio­ni o scel­te preconfezionate.

«Semel in anno licet insa­ni­re»: e allo­ra dal 24 al 26 feb­bra­io fac­cia­mo una cosa che in que­sto pano­ra­ma non può che appa­ri­re come una fol­lia, radu­nia­mo tut­te le per­so­ne che han­no idee ed espe­rien­ze da met­te­re in comu­ne, e pro­po­nia­mo all’Italia pro­get­ti con­cre­ti per ren­der­la miglio­re. Non gran­di pro­cla­mi da reci­ta­re da urla­re su un pal­co, ma pro­po­ste con­cre­te, pun­tua­li, da stu­dia­re, con­di­vi­de­re, vota­re tra chi le pro­po­ne e poi da far vota­re a tut­ti gli altri, quan­do si andrà (pri­ma o poi) alle urne.

Allo­ra l’appuntamento è per vener­dì 24 feb­bra­io a Roma, comin­cia­mo a rac­co­glie­re i corian­do­li del­le nostre mil­le idee e aspi­ra­zio­ni per­so­na­li, fac­cia­mo­ne il mani­fe­sto per un’Italia pron­ta per una nuo­va sto­ria.

 

Per par­te­ci­pa­re scri­ve­te a [email protected]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.