#JunckerLeaks: il Presidente della Commissione risponda in Commissione d’inchiesta Panama Papers

Ci siamo sentiti dire troppo a lungo che “le risorse non ci sono”, e giù con tagli all'osso a welfare e servizi ai cittadini, mentre non si dice dove sono ed è sempre mancata la volontà politica di andarle a recuperare. Si stima che in UE ogni anno si perdano fino a 1000 MLD di euro di evasione ed elusione fiscale: ci si potevano pagare ben 3 piani Juncker. Anche di questo chiederemo conto al Presidente della Commissione europea.
elly-schlein

Ieri il Guar­dian ha rive­la­to che alcu­ni docu­men­ti otte­nu­ti dal­la radio tede­sca NDR e dall’ICIJ (il con­sor­zio inter­na­zio­na­le di gior­na­li­smo inve­sti­ga­ti­vo che ha sve­la­to i Pana­ma Papers) fareb­be­ro luce sull’atteg­gia­men­to ostru­zio­ni­sti­co tenu­to dal Lus­sem­bur­go, negli anni in cui l’attuale Pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne euro­pea Jean-Clau­de Junc­ker ne era Pri­mo Mini­stro ed anche Mini­stro del­le Finan­ze, sul­la lot­ta all’eva­sio­ne ed elu­sio­ne fisca­li a livel­lo euro­peo. In par­ti­co­la­re, dai docu­men­ti emer­ge­reb­be il ruo­lo del Lus­sem­bur­go nel bloc­ca­re ed annac­qua­re alcu­ne pro­po­ste vol­te a sot­to­por­re le nor­me sul­la tas­sa­zio­ne del­le impre­se a una revi­sio­ne ester­na, ad inda­ga­re sul­le stra­te­gie usa­te dal­le mul­ti­na­zio­na­li per paga­re meno tas­se, e a raf­for­za­re lo scam­bio di infor­ma­zio­ni tra i pae­si Ue. Pro­po­ste che era­no emer­se in seno al Comi­ta­to “Codi­ce di Con­dot­ta sul­la tas­sa­zio­ne del­le impre­se”, sor­to nel 1998 dall’impegno reci­pro­co ad argi­na­re la con­cor­ren­za fisca­le dan­no­sa tra Sta­ti mem­bri, sui cui lavo­ri non vi è mai sta­ta alcu­na tra­spa­ren­za (nono­stan­te le nume­ro­se richie­ste par­ti­te dal Par­la­men­to euro­peo). Nel comi­ta­to si deci­de all’unanimità, e il Lus­sem­bur­go avreb­be bloc­ca­to ogni ten­ta­ti­vo di avan­za­men­to met­ten­do il veto.

A que­sto pun­to, anzi­tut­to, è neces­sa­rio che il pre­si­den­te Junc­ker ven­ga a ren­de­re con­to dei gra­vi fat­ti emer­si in un’audizione for­ma­le in Com­mis­sio­ne di inchie­sta Pana­ma Papers, richie­sta che ho già avan­za­to insie­me al col­le­ga Ser­gio Cof­fe­ra­ti. E’ l’ora di finir­la con l’ipocrisia del­le solu­zio­ni a metà, e con la schi­zo­fre­nia dei gover­ni euro­pei che da un lato chie­do­no all’OCSE un pia­no di con­tra­sto alle pra­ti­che elu­si­ve men­tre dall’altro, a por­te chiu­se, sabo­ta­no gli stru­men­ti indi­spen­sa­bi­li per sta­bi­li­re tra­spa­ren­za e giu­sti­zia fisca­le. Il prin­ci­pio è mol­to sem­pli­ce: le tas­se si devo­no paga­re dove ven­go­no gene­ra­ti i pro­fit­ti. Ci sia­mo sen­ti­ti dire trop­po a lun­go che “le risor­se non ci sono”, e giù con tagli all’os­so a wel­fa­re e ser­vi­zi ai cit­ta­di­ni, men­tre non si dice dove sono ed è sem­pre man­ca­ta la volon­tà poli­ti­ca di andar­le a recu­pe­ra­re. Si sti­ma che in UE ogni anno si per­da­no fino a 1000 MLD di euro di eva­sio­ne ed elu­sio­ne fisca­le: ci si pote­va­no paga­re ben 3 pia­ni Junc­ker. Anche di que­sto chie­de­re­mo con­to al Pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne europea.

Da quan­do sono emer­si i Lux­Leaks, la Com­mis­sio­ne ha fat­to alcu­ni pas­si avan­ti nel con­tra­sto all’evasione ed elu­sio­ne fisca­le: in par­ti­co­la­re sul­lo scam­bio auto­ma­ti­co di infor­ma­zio­ni, poi con la pro­po­sta del Pac­chet­to Anti-elu­sio­ne di Mosco­vi­ci, e con l’importante mos­sa del­la com­mis­sa­ria Vesta­ger di chie­de­re all’Irlanda di far­si resti­tui­re 13 MLD di euro di tas­se non paga­te da Apple. Ma, di fron­te all’evidenza che anche chi oggi dovreb­be esse­re custo­de dei Trat­ta­ti, fino a ieri si occu­pa­va di far pre­va­le­re gli inte­res­si nazio­na­li a costo di fre­ga­re il fisco degli altri part­ner euro­pei, ser­ve mol­to di più. Que­sta sfre­na­ta cor­sa a ribas­so e com­pe­ti­zio­ne fisca­le tra Sta­ti mem­bri del­l’UE non solo è assur­da, del tut­to inso­ste­ni­bi­le, ma si risol­ve in un gio­co a per­de­re per tut­ti, soprat­tut­to se arri­va al para­dos­so di con­ce­de­re ali­quo­te del­lo zero vir­go­la a que­sta o quel­la multinazionale. 

Si avan­zi imme­dia­ta­men­te, sen­za più indu­gi, su una mag­gior inte­gra­zio­ne sul pia­no fisca­le: sul pie­no scam­bio auto­ma­ti­co di infor­ma­zio­ni tra auto­ri­tà fisca­li, sul­la diret­ti­va CCCTB (la cd. base impo­ni­bi­le con­so­li­da­ta comu­ne) che è fer­ma da trop­pi anni per le resi­sten­ze di alcu­ni gover­ni euro­pei, e su un siste­ma di ren­di­con­ta­zio­ne Sta­to per Sta­to pub­bli­ca e obbli­ga­to­ria per tut­te le mul­ti­na­zio­na­li, di modo che, come la nor­ma­ti­va euro­pea ha impo­sto con suc­ces­so alle ban­che dal 2013, si sap­pia quan­ti pro­fit­ti fan­no e quan­te tas­se paga­no in ogni giu­ri­sdi­zio­ne in cui sono ope­ra­ti­ve, sia den­tro l’Unione che fuo­ri. Que­sto sem­pli­ce stru­men­to di tra­spa­ren­za, a costo qua­si zero, potreb­be esse­re adot­ta­to domat­ti­na, e già si por­reb­be un fre­no alle pra­ti­che eva­si­ve ed elu­si­ve che stan­no aumen­tan­do vor­ti­co­sa­men­te le dise­gua­glian­ze globali.

Il lavo­ro che ho svol­to come rela­tri­ce del Par­la­men­to euro­peo sull’evasione ed elu­sio­ne fisca­li nei Pae­si in via di svi­lup­po, che paga­no il prez­zo più alto per que­sti feno­me­ni, dimo­stra che que­sta è una bat­ta­glia che va affron­ta­ta con stru­men­ti di con­tra­sto a livel­lo euro­peo ed anche glo­ba­le. Altri­men­ti, come ben spie­ga Zuc­man nel suo “La ric­chez­za nasco­sta del­le nazio­ni”, si crea­no imme­dia­ta­men­te incen­ti­vi per altri Pae­si a diven­ta­re veri e pro­pri para­di­si fiscali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.