Jean Wyllys e l’addio al Brasile: storia della sconfitta di uno Stato democratico

Jean Wyllys, storia di una sconfitta dello Stato democratico in Brasile

Jean Wyl­lys, gior­na­li­sta, pro­fes­so­re uni­ver­si­ta­rio e poli­ti­co bra­si­lia­no, è sta­to elet­to come depu­ta­to fede­ra­le per la pri­ma vol­ta nel 2010 per il PSOL (Par­ti­to Socia­li­smo e Liber­tà). Nel­le ele­zio­ni del 2014, è sta­to il set­ti­mo depu­ta­to più vota­to tra i can­di­da­ti di Rio de Janei­ro ed è sta­to elet­to depu­ta­to fede­ra­le nel­le ulti­me, recen­ti ele­zio­ni. Omo­ses­sua­le e atti­vi­sta del­le cau­se LGBT, la rivi­sta bri­ta­ni­ca The Eco­no­mi­st ha clas­si­fi­ca­to Wyl­lys come una del­le 50 per­so­na­li­tà al mon­do che più lot­ta­no per la diver­si­tà. È sta­to auto­re di diver­si Pro­get­ti di Leg­ge, uno dei qua­li ha por­ta­to alla rego­la­men­ta­zio­ne del matri­mo­nio e dell’unione tra per­so­ne del­lo stes­so sesso.

A par­ti­re del 2016, però, ha comin­cia­to a subi­re innu­me­re­vo­li minac­ce di mor­te, che si sono inten­si­fi­ca­te dopo l’assassinio di Mariel­le Fran­co, del suo stes­so par­ti­to, nel mar­zo del 2018. In segui­to a que­sto tra­gi­co even­to, si è rivol­to alla Com­mis­sio­ne Inte­ra­me­ri­ca­na di Dirit­ti Uma­ni dell’Organizzazione degli Sta­ti Ame­ri­ca­ni (OEA) per richie­de­re pro­te­zio­ne. La Com­mis­sio­ne ha accet­ta­to la sua richie­sta e ha impo­sto al Gover­no Fede­ra­le un regi­me di pro­te­zio­ne a favo­re del par­la­men­ta­re. Negli ulti­mi mesi, Jean Wyl­lys usci­va poco di casa, solo per impe­gni di lavo­ro e sem­pre sot­to scor­ta. Ma le minac­ce non sono ces­sa­te e han­no rag­giun­to anche alcu­ni paren­ti del depu­ta­to, attra­ver­so mes­sag­gi che cita­va­no il nome di sua madre e dei suoi fra­tel­li, così come i nume­ri di tar­ga del­le loro macchine.

L’ex Pre­si­den­te dell’Uruguay, Pepe Muji­ca, nel sape­re di que­sta situa­zio­ne, ha dichia­ra­to che i mar­ti­ri non sono eroi, invi­tan­do Jean Wyl­lys a pro­teg­ge­re innan­zi­tut­to  la sua vita. La set­ti­ma­na scor­sa, Jean Wyl­lys ha annun­cia­to di ave­re lascia­to il Pae­se, rinun­cian­do al suo man­da­to di depu­ta­to. Deci­sio­ne mol­to dolo­ro­sa, ma che vuo­le pro­teg­ge­re la sua vita e quel­la dei suoi congiunti.

Il Pre­si­den­te Jair Bol­so­na­ro, il cui figlio sena­to­re è inve­sti­ga­to per cor­ru­zio­ne e coin­vol­gi­men­to con per­so­ne appar­te­nen­ti alle mili­zie di Rio de Janei­ro, sot­to inda­gi­ne per l’omicidio di Mariel­le Fran­co, inve­ce di garan­ti­re la pro­te­zio­ne del depu­ta­to, ha festeg­gia­to il suo esi­lio nei social net­work, dichia­ran­do che è sta­to un “Gran­de gior­no”. Un atteg­gia­men­to che dimo­stra chia­ra­men­te il carat­te­re auto­ri­ta­rio e fasci­sta del gover­no, che, attra­ver­so i social, mani­po­la l’opinione pub­bli­ca, ser­ven­do­si di fake news per “spor­ca­re” l’immagine dei suoi avver­sa­ri e di tut­ti colo­ro che la pen­sa­no diversamente.

La scel­ta di Jean Wyl­lys segna la fine di uno Sta­to demo­cra­ti­co, con­qui­sta­to negli anni ‘80, dopo tan­te bat­ta­glie. San­ci­sce la per­di­ta dei dirit­ti e del­la liber­tà d’espressione del­le mino­ran­ze. Il Bra­si­le per­de momen­ta­nea­men­te uno dei suoi miglio­ri e più corag­gio­si par­la­men­ta­ri, ma la sini­stra com­pren­de e sostie­ne que­sta scel­ta. David Miran­da, attua­le Con­si­glie­re Comu­na­le del­la cit­tà di Rio de Janei­ro, nero, omo­ses­sua­le, nato e cre­sciu­to in una fave­la, pren­de­rà il suo posto. In rispo­sta al post di Jair Bol­so­na­ro, ha già scrit­to: “Rispet­ta Jean, Jair, trat­tie­ni la tua alle­gria. Esce un LGBT, ma ne entra un’altro, che vie­ne dal Jaca­re­zi­n­ho (NdR, una impor­tan­te fave­la di Rio de Janei­ro). Uno che in 2 anni ha fat­to appro­va­re più pro­get­ti di te, in 28 anni. Ci vedia­mo a Brasília”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.