Intelligenza artificiale: serve una pianificazione seria, non uno spot

Il Mini­stro dell’Istruzione, Uni­ver­si­tà e Ricer­ca Bus­set­ti ha dichia­ra­to sta­mat­ti­na che l’Italia deve pun­ta­re sull’Intel­li­gen­za Arti­fi­cia­le (IA), un “tema del qua­le fino­ra si è par­la­to trop­po poco”.

Per que­sto il MIUR ha isti­tui­to un comi­ta­to pres­so la pre­si­den­za il Con­si­glio Nazio­na­le del­le Ricer­che (CNR) e ha pre­vi­sto uno stan­zia­men­to di 4 milio­ni di euro per “nuo­vi dot­to­ra­ti” nel pros­si­mo Fon­do per fun­zio­na­men­to ordi­na­rio degli enti pub­bli­ci di ricer­ca (Foe).

L’attenzione sul­la ricer­ca non è mai trop­pa, ma il Mini­stro dovreb­be sape­re che l’Intelligenza arti­fi­cia­le esi­ste negli ate­nei ita­lia­ni da mol­tis­si­mi anni, così come anche i per­cor­si per i dot­to­ra­ti e post-doc. 

Ad esem­pio, l’Associazione Ita­lia­na per l’Intelligenza Arti­fi­cia­le (AIxIA) è nata nel 1988 ad ope­ra di ricer­ca­to­ri e docen­ti già impe­gna­ti nel tema, e col­la­bo­ra da tem­po stret­ta­men­te con le real­tà ita­lia­ne e internazionali.

Più o meno in con­tem­po­ra­nea sono sta­ti isti­tui­ti cor­si di lau­rea e dot­to­ra­ti di ricer­ca in IA.

In Ita­lia, la qua­li­tà del­la ricer­ca in IA è mol­to alta: deci­mo posto al livel­lo mon­dia­le per nume­ro di arti­co­li scien­ti­fi­ci, ter­zo posto per nume­ro di arti­co­li per ricer­ca­to­re e tra i pri­mi posti per cita­zio­ni per arti­co­li. Posi­zio­ni mol­to buo­ne se com­pa­ra­te a quan­to spen­do­no, deci­sa­men­te più di noi, i pae­si che ci pre­ce­do­no nel­le clas­si­fi­che in ricerca.

Ben ven­ga il tavo­lo isti­tui­to dal MIUR pres­so il CNR: spe­ria­mo si coor­di­ni con quel­lo atti­va­to dal Mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co orien­ta­to agli inve­sti­men­ti indu­stria­li, dato che, al con­tra­rio di quan­to avvie­ne per la ricer­ca, l’IA sten­ta ad entra­re nel­le azien­de (solo il 12% del­le impre­se ha por­ta­to a regi­me alme­no un pro­get­to di IA) e quin­di il nostro tes­su­to pro­dut­ti­vo non si avvan­tag­gia dei risul­ta­ti otte­nu­ti, rega­lan­do­li a Pae­si più capa­ci di crea­re siner­gie e strategie.

Caval­ca­re un trend “scien­ti­fi­co” il que­sto momen­to impor­tan­te ha sen­so. Tut­ta­via, riba­dia­mo l’importanza di una pia­ni­fi­ca­zio­ne com­ples­si­va del­la ricer­ca e di finan­zia­men­ti con­ti­nua­ti­vi e sta­bi­li nel tempo. 

Per Pos­si­bi­le, da sem­pre, gli inve­sti­men­ti in scuo­la, istru­zio­ne, ricer­ca e inno­va­zio­ne sono il pila­stro per lo svi­lup­po del pae­se aven­do lo sguar­do ver­so il futu­ro, supe­ran­do l’oggi in modo inclu­si­vo ed eco­lo­gi­sta con serie poli­ti­che di redi­stri­bu­zio­ne del red­di­to, cru­cia­li per coglie­re le dif­fe­ren­ze tra i mol­ti nord e sud che esi­sto­no nel nostro pae­se. Cru­cia­le è anche una poli­ti­ca di costan­te atten­zio­ne alla con­di­vi­sio­ne del­le cono­scen­ze e dei sape­ri per non incor­re­re nell’insorgere di nuo­vi “divi­de” culturali.

 

Danie­la D’Aloisi

Grup­po Uni­ver­si­tà Possibile

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.