In Brasile la polizia ha ucciso 1546 persone in un anno. E a nessuno sembra interessare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Dall’elezione di Wil­son Witzel, come Gover­na­to­re del­lo Sta­to di Rio de Janei­ro, e di João Dória, come Gover­na­to­re di San Pao­lo, entram­bi soste­ni­to­ri del pac­chet­to “anti­cri­mi­ne” del Mini­stro del­la Giu­sti­zia Moro, che amplia la pos­si­bi­li­tà da par­te del­la poli­zia di ucci­de­re, il Bra­si­le vive un’offensiva costan­te con­to la popo­la­zio­ne nera nel­le peri­fe­rie del­le gran­di cit­tà, sog­get­ta alle azio­ni arbi­tra­rie e vio­len­te del­la poli­zia, appog­gia­ta dal gover­no di  Jair Bolsonaro.

Dome­ni­ca, 1° dicem­bre, in un’azione di poli­zia in una festa bai­le funk* nel­la comu­ni­tà di Para­i­só­po­lis, la secon­da più gran­de fave­la del­la cit­tà di San Pao­lo, la poli­zia con pro­iet­ti­li di gom­ma e gas lacri­mo­ge­ni è arri­va­ta per disper­de­re la fol­la – di cir­ca 5.000 per­so­ne, cau­san­do un fug­gi fug­gi gene­ra­le, pani­co e la mor­te di nove per­so­ne.  Tra di loro, c’e­ra­no ado­le­scen­ti di 14 e 16 anni. 

La Poli­zia Mili­ta­re ha dichia­ra­to che le vit­ti­me sono sta­te cal­pe­sta­te. Una dichia­ra­zio­ne in con­tra­sto con quan­to affer­ma­to dall’Istituto Medi­co Lega­le, che non ha evi­den­zia­to trac­ce di cal­pe­sta­men­to, ma segni di deces­si a cau­sa di asfis­sia mec­ca­ni­ca e stran­go­la­men­to. Sui cor­pi l’assenza di ema­to­mi smen­ti­sce la ver­sio­ne del­la poli­zia, inol­tre le depo­si­zio­ni dei testi­mo­ni affer­ma­no l’assenza di resi­sten­za o rea­zio­ne da par­te del­le vittime. 

Non è la pri­ma vol­ta che suc­ce­de. Il 7 apri­le di quest’anno, nel­la cit­tà di Rio de Janei­ro, l’esercito ha spa­ra­to 80 vol­te (!) con­tro la mac­chi­na di una fami­glia di colo­re, col­pen­do e ucci­den­do il musi­ci­sta Eval­do Rosa dos San­tos, di fron­te a suo figlio di set­te anni, giu­sti­fi­can­do­si con il fat­to di esser­si con­fu­si con la mac­chi­na di alcu­ni rapi­na­to­ri. Ma come si giu­sti­fi­ca­no 80 col­pi di arma da fuo­co, anche nel caso in cui si fos­se trat­ta­to di rapinatori?

Altro caso avve­nu­to quest’anno è sta­to quel­lo di Aga­ta, bam­bi­na di 8 anni che è sta­ta ucci­sa men­tre tor­na­va a casa con la madre, nel quar­tie­re di Com­ple­xo do Ale­mão, Zona Nord di Rio de Janei­ro. La bam­bi­na era den­tro un fur­gon­ci­no quan­do è sta­ta col­pi­ta alle spal­le da un pro­iet­ti­le spa­ra­to da un’arma dei mili­ta­ri con­tro una moto di pas­sag­gio. La poli­zia ha affer­ma­to che vi era in cor­so uno scon­tro tra la Poli­zia e ban­di­ti del­la regio­ne, per esse­re poi smen­ti­ta da varie testi­mo­nian­ze di per­so­ne che si tro­va­va­no in loco, com­pre­sa quel­la dell’autista del vei­co­lo dove lei si tro­va­va, che ha affer­ma­to di aver sen­ti­to un uni­co col­po di arma da fuo­co, spa­ra­to arbi­tra­ria­men­te dal­la polizia.

Nel 2019 sono attri­bui­te alla poli­zia 1546 ucci­sio­ni in comu­ni­tà pove­re, usan­do come giu­sti­fi­ca­zio­ne la guer­ra al cri­mi­ne e al traf­fi­co di stu­pe­fa­cen­ti. Le inda­gi­ni su que­sti cri­mi­ni non sono arri­va­te a nes­su­na con­clu­sio­ne, nes­sun poli­ziot­to è sta­to puni­to, nes­su­na giu­sti­zia è sta­ta fat­ta, così come nel caso dell’assassinio di Mariel­le Fran­co, di indios o di per­so­ne LGBT.

Non pos­so­no esse­re solo “casi”. E i più pove­ri, le per­so­ne svan­tag­gia­te, gli espo­nen­ti del­le mino­ran­ze non pos­so­no esse­re più in peri­co­lo a cau­sa del­le mili­zie e di una poli­zia che, inve­ce di pro­teg­ge­re i cit­ta­di­ni,  si dimo­stra sem­pre più vio­len­ta e assas­si­na, legit­ti­ma­ta dal gover­no dell’odio di estre­ma destra. È urgen­te e neces­sa­rio che si fac­cia pres­sio­ne nazio­na­le e inter­na­zio­na­le, affin­ché tut­ti i casi di assas­si­nii da par­te del­la poli­zia sia­no effet­ti­va­men­te inda­ga­ti e debi­ta­men­te puniti. 

Thais Boni­ni

*Funk: Tipo di musi­ca e sot­to­cul­tu­ra dei quar­tie­ri pove­ri del­le gran­di cit­tà bra­si­lia­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491269035420{margin-top: 20px !impor­tant;}”]

TITOLO

[/vc_column_text][vc_column_text]Testo articolo…[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.