“Il Vigile” a Lampedusa

La vicen­da amministrativo/giudiziaria del velie­ro Alex di Medi­ter­ra­nea sta assu­men­do toni da rema­ke cinematografico.
Ve li ricor­da­te quei soler­ti tuto­ri dell’ordine che fer­ma­no l’ignaro auto­mo­bi­li­sta e gli con­te­sta­no le mul­te più assur­de e pigno­le dopo il fami­ge­ra­to “favo­ri­sca paten­te e libret­to”?
Nei film ame­ri­ca­ni di soli­to era­no nasco­sti in moto die­tro un car­tel­lo­ne pub­bli­ci­ta­rio, men­tre qui da noi sono sta­ti resi immor­ta­li dall’interpretazione del gran­dis­si­mo Alber­to Sor­di ne “Il Vigi­le”.

A Lam­pe­du­sa sta suc­ce­den­do la stes­sa cosa.

L’art. 2 del decre­to sicu­rez­za bis pre­ve­de testualmente:
«Sal­vo che si trat­ti di navi­glio mili­ta­re o di navi in ser­vi­zio gover­na­ti­vo non com­mer­cia­le, il coman­dan­te del­la nave è tenu­to ad osser­va­re la nor­ma­ti­va inter­na­zio­na­le e i divie­ti e le limi­ta­zio­ni even­tual­men­te dispo­sti ai sen­si del­l’ar­ti­co­lo 11, com­ma1-ter. In caso di vio­la­zio­ne del divie­to di ingres­so, tran­si­to o sosta in acque ter­ri­to­ria­li ita­lia­ne, noti­fi­ca­to al coman­dan­te e, ove pos­si­bi­le, all’ar­ma­to­re e al pro­prie­ta­rio del­la nave, si appli­ca a cia­scu­no di essi, sal­ve le san­zio­ni pena­li quan­do il fat­to costi­tui­sce rea­to, la san­zio­ne ammi­ni­stra­ti­va del paga­men­to di una som­ma da euro 10.000 a euro 50.000. In caso di rei­te­ra­zio­ne com­mes­sa con l’u­ti­liz­zo del­la mede­si­ma nave, si appli­ca altre­sì la san­zio­ne acces­so­ria del­la con­fi­sca del­la nave, pro­ce­den­do imme­dia­ta­men­te a seque­stro cau­te­la­re. All’ir­ro­ga­zio­ne del­le san­zio­ni, accer­ta­te dagli orga­ni addet­ti al con­trol­lo, prov­ve­de il pre­fet­to ter­ri­to­rial­men­te com­pe­ten­te. Si osser­va­no le dispo­si­zio­ni di cui alla leg­ge 24 novem­bre 1981, n. 689, ad ecce­zio­ne dei com­mi quar­to, quin­to e sesto del­l’ar­ti­co­lo 8‑bis».

Secon­do le noti­zie dif­fu­se oggi, “i mili­ta­ri (del­la G.d.F.) han­no usa­to un esca­mo­ta­ge giu­ri­di­co, affer­man­do che Alex, la mat­ti­na di saba­to, ha vio­la­to il decre­to non solo al momen­to di entra­re in por­to a Lam­pe­du­sa (come da con­te­sta­zio­ne ori­gi­na­ria), ma anche qual­che ora pri­ma, quan­do a cau­sa del­le cor­ren­ti mari­ne e di un difet­to del­le comu­ni­ca­zio­ni indi­pen­den­te dal­la volon­tà del capi­ta­no, la bar­ca – che era tenu­ta a non entra­re in acque nazio­na­li – ave­va scar­roc­cia­to oltre il limi­te del­le dodi­ci miglia. Con­si­de­ran­do, dun­que, lo scar­roc­cio la pri­ma vio­la­zio­ne, l’ingresso in por­to del pome­rig­gio è sta­to con­si­de­ra­to una “rei­te­ra­zio­ne”.”

Ora, anche ad un mode­sto giu­ri­sta di pro­vin­cia come me, la con­te­sta­zio­ne appa­re pale­se­men­te ille­git­ti­ma.
La ratio gene­ra­le del prov­ve­di­men­to, in con­for­mi­tà ai prin­ci­pi gene­ra­li del­la cita­ta leg­ge 689/81, non può che esse­re quel­la di pro­ce­de­re al seque­stro di una nave che vada a vio­la­re due distin­ti divie­ti, non poten­do cer­ta­men­te con­si­de­ra­re una rei­te­ra­zio­ne lo scon­fi­na­men­to acci­den­ta­le segui­to poi da una vio­la­zio­ne volontaria.

Ma il legi­sla­to­re del decre­to sicu­rez­za bis ha pre­vi­sto una pre­ci­sa ecce­zio­ne a quan­to dispo­sto dall’art. 8 bis, com­mi 4, 5 e 6 del­la 689/81, che dispongono:
«Le vio­la­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve suc­ces­si­ve alla pri­ma non sono valu­ta­te, ai fini del­la rei­te­ra­zio­ne, quan­do sono com­mes­se in tem­pi rav­vi­ci­na­ti e ricon­du­ci­bi­li ad una pro­gram­ma­zio­ne unitaria.
La rei­te­ra­zio­ne deter­mi­na gli effet­ti che la leg­ge espres­sa­men­te sta­bi­li­sce. Essa non ope­ra nel caso di paga­men­to in misu­ra ridotta.
Gli effet­ti con­se­guen­ti alla rei­te­ra­zio­ne pos­so­no esse­re sospe­si fino a quan­do il prov­ve­di­men­to che accer­ta la vio­la­zio­ne pre­ce­den­te­men­te com­mes­sa sia dive­nu­to defi­ni­ti­vo. La sospen­sio­ne è dispo­sta dal­l’au­to­ri­tà ammi­ni­stra­ti­va com­pe­ten­te, o in caso di oppo­si­zio­ne dal giu­di­ce, quan­do pos­sa deri­va­re gra­ve dan­no.»

Tut­ta­via si è dimen­ti­ca­to (a tan­to non pote­va arri­va­re) l’ultimo comma:
«Gli effet­ti del­la rei­te­ra­zio­ne ces­sa­no di dirit­to, in ogni caso, se il prov­ve­di­men­to che accer­ta la pre­ce­den­te vio­la­zio­ne è annul­la­to».

Ora, appa­re una tipi­ca con­te­sta­zio­ne alla Otel­lo Cel­let­ti, il vigi­le, quel­la di con­si­de­ra­re rei­te­ra­zio­ne uno scon­fi­na­men­to “col­po­so” a cau­sa del­le cor­ren­ti mari­ne.
Ma abbia­mo già visto che penal­men­te, in sede di con­va­li­da dell’arresto, è sta­ta esclu­sa ogni vio­la­zio­ne pena­le appli­can­do la scri­mi­nan­te dell’adempimento di un dovere.
Spia­ce per il mini­stro, ma anche dal pun­to di vista ammi­ni­stra­ti­vo la pre­sun­ta vio­la­zio­ne è insus­si­sten­te per gli stes­si moti­vi che han­no por­ta­to alla riget­to del­la richie­sta di con­va­li­da dell’arresto, e ciò ai sen­si dell’art. 4 com­ma 1 del­la L. 689/81: «Non rispon­de del­le vio­la­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve chi ha com­mes­so il fat­to nel­l’a­dem­pi­men­to di un dove­re o nel­l’e­ser­ci­zio di una facol­tà legit­ti­ma ovve­ro in sta­to di neces­si­tà o di legit­ti­ma dife­sa».

Appa­re evi­den­te come la con­te­sta­zio­ne del­la rei­te­ra­zio­ne sia pale­se­men­te stru­men­ta­le al seque­stro nel­la spe­ran­za di una futu­ra con­fi­sca.

Non suc­ce­de­rà, è bene dir­lo subi­to pri­ma anco­ra che ven­ga depo­si­ta­to il ricor­so in oppo­si­zio­ne da par­te del­la ONG, per­ché la scri­mi­nan­te vale anche dal pun­to di vista ammi­ni­stra­ti­vo e ciò anche ammet­ten­do che sia legit­ti­mo disco­star­si dai prin­ci­pi gene­ra­li del­la L. 689/81, come se un divie­to di sosta potes­se esse­re con­te­sta­to ogni 10 minuti.
Sareb­be anche ora di smet­ter­la di cer­ca­re di pie­ga­re nor­me, già di per sé ina­de­gua­te, alla cam­pa­gna elet­to­ra­le per­ma­nen­te di una per­so­na che attual­men­te (non in eter­no, ricor­dia­mo­lo) occu­pa una cari­ca ministeriale.
Otel­lo Cel­let­ti alme­no non scri­ve­va, male, le nome in base alle qua­li con­te­sta­va le contravvenzioni.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?