Il vero regalo del Disegno di legge Concorrenza

yy-1140x6411

10904223_874740359215613_463016874_nC’è una nor­ma del Dise­gno di leg­ge Con­cor­ren­za di cui nes­su­no par­la, a par­te gli “addet­ti ai lavo­ri”, e che inve­ce è pro­ba­bil­men­te una del­le più rile­van­ti per i cit­ta­di­ni. Si trat­ta dell’art. 7, che, modi­fi­can­do l’art. 138 del Codi­ce del­le Assi­cu­ra­zio­ni, pre­ve­de la pre­di­spo­si­zio­ne di una tabel­la uni­ca nazio­na­le per la liqui­da­zio­ne dei dan­ni da inci­den­te stra­da­le non di lie­ve enti­tà, cioè quel­li che deter­mi­na­no un dan­no bio­lo­gi­co che va dal 10% al 100%. La tabel­la ver­rà pre­di­spo­sta con gli stes­si cri­te­ri uti­liz­za­ti dall’art. 139 del­lo stes­so codi­ce, che già rego­la il risar­ci­men­to del dan­no per lesio­ni di lie­ve enti­tà (da 1 a 9 pun­ti di dan­no bio­lo­gi­co). Ma pro­vo a usci­re dai tec­ni­ci­smi per far capi­re cosa sta suc­ce­den­do, pre­met­ten­do un bre­ve rias­sun­to del­la evo­lu­zio­ne legi­sla­ti­va e giu­ri­spru­den­zia­le in materia.

Uno dei pro­ble­mi ogget­ti­vi del­la giu­sti­zia civi­le ita­lia­na per anni è sta­to rap­pre­sen­ta­to dal­la dif­for­mi­tà di trat­ta­men­to fra i vari Tri­bu­na­li del risar­ci­men­to del dan­no alla per­so­na in tut­te le sue com­po­nen­ti non patri­mo­nia­li (cioè, sem­pli­fi­can­do, ad esclu­sio­ne del­le spe­se e dei man­ca­ti gua­da­gni). Chi veni­va inve­sti­to a Bolo­gna otte­ne­va, a pari­tà di lesio­ni, un trat­ta­men­to diver­so da chi veni­va inve­ce inve­sti­to a Sira­cu­sa. Nel silen­zio del legi­sla­to­re, era­no i vari Tri­bu­na­li a pre­di­spor­re un tabel­la­rio per la liqui­da­zio­ne del dan­no, che potes­se esse­re uti­liz­za­to anche e soprat­tut­to stra­giu­di­zial­men­te per uni­for­ma­re il più pos­si­bi­le i risar­ci­men­ti e pre­ve­ni­re le liti.

Le tabel­le pre­di­spo­ste dal Tri­bu­na­le di Mila­no era­no le più con­grue, ed era­no anche le più uti­liz­za­te dagli altri giu­di­ci, tan­to che la Cor­te di Cas­sa­zio­ne, con la sen­ten­za n. 12408 del 7 giu­gno 2011, dispo­ne­va che “quan­do, nel­la liqui­da­zio­ne del dan­no bio­lo­gi­co, man­chi­no cri­te­ri sta­bi­li­ti dal­la leg­ge, il cri­te­rio di liqui­da­zio­ne cui i giu­di­ci di meri­to devo­no atte­ner­si, al fine di garan­ti­re l’u­ni­for­mi­tà di trat­ta­men­to, è quel­lo pre­di­spo­sto dal Tri­bu­na­le di Mila­no, in quan­to ampia­men­te dif­fu­so sul ter­ri­to­rio nazio­na­le, sal­vo cir­co­stan­ze in con­cre­to ido­nee a giu­sti­fi­car­ne l’ab­ban­do­no”.

Ma nel frat­tem­po il legi­sla­to­re era inter­ve­nu­to, limi­ta­ta­men­te alle lesio­ni di lie­ve enti­tà da 1% a 9% di dan­no bio­lo­gi­co, con il nuo­vo Codi­ce del­le Assi­cu­ra­zio­ni (D.L. 209/2005), pre­di­spo­nen­do una tabel­la nazio­na­le, appun­to per dan­ni deri­van­ti dal­la cir­co­la­zio­ne stradale.

Ovvia­men­te la tabel­la nazio­na­le, pre­di­spo­sta d’intesa con l’Associazione Nazio­na­le fra Impre­se Assi­cu­ra­tri­ci (ANIA) era, per mera com­bi­na­zio­ne, mol­to più ridut­ti­va di quel­la ana­lo­ga del Tri­bu­na­le di Mila­no (poi fare­mo due con­ti comparativi).

Visto che sia­mo pur sem­pre in Ita­lia, que­sta nor­ma­ti­va deter­mi­na­va una dispa­ri­tà di trat­ta­men­to stu­pe­fa­cen­te, posto che si appli­ca­va uni­ca­men­te ai dan­ni deri­van­ti dal­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le. Infat­ti chi subi­va un infor­tu­nio a cau­sa di un inci­den­te stra­da­le rice­ve­va un risar­ci­men­to mol­to infe­rio­re rispet­to a chi, con pari­tà di pun­teg­gio, veni­va dan­neg­gia­to in altro con­te­sto, o per­ché cadu­to a cau­sa di una buca nel mar­cia­pie­de, o per­ché mor­so da un cane.

La dif­fe­ren­za fra le due situa­zio­ni è solo una. Nel pri­mo caso esi­ste la coper­tu­ra assi­cu­ra­ti­va obbli­ga­to­ria, quin­di paga un’assicurazione ed esi­ste azio­ne diret­ta nei suoi con­fron­ti, cioè si fa cau­sa diret­ta­men­te all’assicurazione. Nel secon­do no, quin­di paga il comu­ne pro­prie­ta­rio del mar­cia­pie­de o il pro­prie­ta­rio del cane, a meno che non abbia­no volon­ta­ria­men­te sti­pu­la­to ulte­rio­ri con­trat­ti assi­cu­ra­ti­vi, ma sem­pre sen­za azio­ne diretta.

Con le tabel­le in vigo­re oggi, se una per­so­na di 70 anni subi­sce un dan­no bio­lo­gi­co per­ma­nen­te del 9% a cau­sa di un inci­den­te stra­da­le, con 10 gior­ni di ospe­da­le quin­di di ina­bi­li­tà tem­po­ra­nea asso­lu­ta, che vale con aggior­na­men­to ISTAT cir­ca 46,00 euro per ogni gior­no, e poi gra­dual­men­te ritor­na alla nor­ma­li­tà con 10 gior­ni di ina­bi­li­tà tem­po­ra­nea al 75%, 10 al 50% e 10 al 25%, otter­rà un risar­ci­men­to tabel­la­re di €uro 11.523,74 di dan­no per­ma­nen­te e €uro 1.160,76 di dan­no tem­po­ra­neo, per un tota­le di €uro 12.684,50. Poi discu­te­rà per ave­re una mag­gio­ra­zio­ne del 20% per quel­lo che una vol­ta era il dan­no mora­le, sen­za alcu­na spe­ran­za di otte­ner­la sen­za una pro­nun­cia del Giu­di­ce. Lo stes­so dan­no vie­ne valu­ta­to dal Tri­bu­na­le di Mila­no, com­ples­si­va­men­te, in €uro 17.466,00, sia per il diver­so valo­re del pun­to, che per il dan­no ex-mora­le già ricom­pre­so, che per l’inabilità tem­po­ra­nea che è paga­ta il doppio.

Ora il dise­gno di leg­ge sul­le libe­ra­liz­za­zio­ni, come det­to all’inizio, appli­che­rà la tabel­la uni­ca fino al 100%, sem­pli­ce­men­te esten­den­do i valo­ri di quel­la esi­sten­te per i dan­ni da micro­per­ma­nen­te, sem­pre sot­to la super­vi­sio­ne dell’ANIA. Appa­re evi­den­te come i risar­ci­men­ti ver­ran­no assai sen­si­bil­men­te ridi­men­sio­na­ti (basta fare una pro­ie­zio­ne mate­ma­ti­ca dell’esempio, con­si­de­ran­do che già la nor­ma pre­ve­de che l’inabilità tem­po­ra­nea sia con­for­me a quel­la del­le micro-per­ma­nen­ti, quin­di dimezzata).

Cer­to, il giu­di­ce avrà la pos­si­bi­li­tà, dice la nor­ma, in deter­mi­na­te con­di­zio­ni di ade­gua­re il risar­ci­men­to al dan­no effet­ti­vo fino al 40% in più, di con­se­guen­za (ricor­do che si dice “il giu­di­ce”) esclu­den­do in radi­ce che ciò pos­sa acca­de­re nel cor­so del­la trat­ta­ti­va stra­giu­di­zia­le, quin­di incen­ti­van­do, anzi, obbli­gan­do il ricor­so alla ini­zia­ti­va giu­di­zia­ria (e inta­san­do ulte­rior­men­te quei Tri­bu­na­li che altre fan­ta­sio­se nor­me vor­reb­be­ro inve­ce liberare).

Le assi­cu­ra­zio­ni rispar­mie­ran­no mol­ti milio­ni di euro, ma non sul­le truf­fe assi­cu­ra­ti­ve (che sono il caval­lo di Tro­ia e la giu­sti­fi­ca­zio­ne di ogni ini­zia­ti­va legi­sla­ti­va che ser­ve solo a far cas­sa per le Com­pa­gnie), non sui fin­ti col­pi di fru­sta (che di soli­to val­go­no un 2% quin­di sono già ampia­men­te ogget­to di nor­ma­ti­va spe­ci­fi­ca e mol­to restrit­ti­va) ma sui risar­ci­men­ti dovu­ti, su quel­li sacro­san­ti, su quel­li gra­vi. Sul­la pel­le del­le per­so­ne para­liz­za­te o che per­do­no un arto, e che con il risar­ci­men­to devo­no rior­ga­niz­za­re com­ple­ta­men­te la pro­pria vita.

E tut­to que­sto sem­pre con una disci­pli­na “spe­cia­le”, di serie B, per il dan­no da inci­den­te stra­da­le, che vie­ne esclu­sa per tut­te le altre diver­se fon­ti di dan­no. Poi sì, ci sono anche nor­me che par­la­no di “scon­ti”, come sem­pre è suc­ces­so quan­do entra­va in vigo­re una nor­ma restrit­ti­va dei dirit­ti dei dan­neg­gia­ti. Ma chi li ha visti gli scon­ti sul­le poliz­ze fino ad oggi? E sono pro­por­zio­na­li al rispar­mio milio­na­rio, se non miliar­da­rio, del­le Com­pa­gnie? Ed è eti­ca­men­te accet­ta­bi­le che que­sto rispar­mio nasca da un paga­men­to più bas­so di risar­ci­men­ti per dan­ni gra­vi paci­fi­ca­men­te dovuti?

E che cosa libe­ra­liz­za, esat­ta­men­te, que­sta disposizione?

Insom­ma, il gover­no Ren­zi sta riu­scen­do, se nes­su­no farà nul­la per impe­dir­lo, anche solo infor­man­do di ciò che sta acca­den­do, nell’intento fal­li­to da Mon­ti e da Let­ta, l’ennesima vit­to­ria di una lob­by sul­la pel­le dei cit­ta­di­ni dan­neg­gia­ti e dei loro familiari.

Un ver­so che sem­bra non poter cam­bia­re mai.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.