Il vero leader dell’opposizione

#

C’è chi dice, e sarebbe già curioso, essendo uno dei principali esponenti della maggioranza, che il vero leader dell’opposizione in questo paese è Roberto Fico.

E in un certo qual modo non è sbagliato, non solo e non tanto per l’evanescenza dell’opposizione parlamentare, lasciata più alla lodevole iniziativa dei singoli che non a un lavoro coeso di contrasto alle politiche del governo, ma soprattutto perché la tendenza all’ambiguità e all’occupazione di qualsiasi spazio mediatico da parte di Lega Movimento 5 Stelle, fa pensare che sia una precisa strategia.

Quello che è sbagliato, però, non è l’azzardo immaginativo, ma la figura a cui si associa. Il vero leader dell’opposizione al governo siede nel governo stesso. Si chiama Giancarlo Giorgetti, e occupa una poltrona non propriamente secondaria, quella di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.

Oggi, infatti, Giorgetti è arrivato a dire, in uno slancio di sincerità, che Salvini “l’aveva sparata grossa” quando ha promesso di rimpatriare 500mila migranti. E non è che l’ultimissimo di una serie piuttosto corposa di episodi simili, probabilmente destinata ad ingrossarsi ulteriormente, vista l’attitudine alle sparate e alle controsparate di questo governo.

Il ministro dell’Economia, Tria, in missione in Cina a caccia di investimenti nel nostro debito e non solo, ha promesso qualche ora fa che l’Italia non sforerà il tetto del 3%. Indovinate chi lo smentisce prontamente? Proprio lui, Giorgetti, che sempre oggi ha dichiarato “Se si renderà necessario sforare il 3% per mettere in sicurezza il Paese, allora dico sì.”

Ed è solo di qualche giorno fa l’ennesima dichiarazione di Di Maio sulla nazionalizzazione di Autostrade, a cui è seguita l’ennesima dichiarazione del sottosegretario con delega alle smentite, che ha frenato molto, dicendosi scettico sulla possibilità e sull’opportunità dell’operazione.

Lo descrivono, Giorgetti, come un personaggio schivo e che dichiara poco. Ma questo solo in confronto alla bulimia mediatica del suo capitano. Basta infatti andare indietro all’inizio del mese, per vederlo frenare sull’abolizione della Fornero (“Non credo riusciremo a fare granché”) e persino sull’aumento dell’IVA (“anche l’Unione europea potrebbe chiederci di aumentare la tassazione indiretta”).

Potremmo andare avanti così su quasi ogni argomento sul tavolo del governo. E c’è poco da ridere, a dire il vero. Viene da domandarsi se questo spettacolo grottesco sia frutto solo di un governo raffazzonato alla bell’e meglio che vive alla giornata e che litiga su tutto, o se non sia un disegno preciso, una coltre fumogena creata ad arte per far credere tutto e il contrario di tutto ai diversi elettorati che ancora lo sostengono.

Finita l’estate, con l’inizio della discussione sul bilancio, dai titoli di giornale e dai lanci di agenzia, si dovrà passare ai fatti, o almeno a una vaga sembianza degli stessi. Ci spiace per loro, che dovranno produrre finalmente qualcosa di più che un sacco di like sui social, e ci dispiace per noi, che di questo governo di avventurieri potremmo patire le gravi conseguenze.
Quasi quasi viene da sperare di essere smentiti.

  • 106
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati