Il superamento delle disuguaglianze che non consente eccezioni

Siamo da anni schierati per i matrimoni egualitari. Pensiamo che non si possano riconoscere diritti a metà, sulla base di pregiudizi che continuano a vivere anche dopo l'approvazione della legge Cirinnà, che fin dal primo articolo chiarisce che si tratta di unioni di serie B rispetto a quelle eterosessuali. Una legge che toglie l'obbligo di fedeltà per la stessa sbagliata ragione e che - cosa ancora più grave - non interviene sul riconoscimento dei bambini che in quelle famiglie vivono.

Sia­mo da anni schie­ra­ti per i matri­mo­ni egua­li­ta­ri.

Pen­sia­mo che non si pos­sa­no rico­no­sce­re dirit­ti a metà, sul­la base di pre­giu­di­zi che con­ti­nua­no a vive­re anche dopo l’ap­pro­va­zio­ne del­la leg­ge Cirin­nà, che fin dal pri­mo arti­co­lo chia­ri­sce che si trat­ta di unio­ni di serie B rispet­to a quel­le ete­ro­ses­sua­li. Una leg­ge che toglie l’ob­bli­go di fedel­tà per la stes­sa sba­glia­ta ragio­ne e che — cosa anco­ra più gra­ve — non inter­vie­ne sul rico­no­sci­men­to dei bam­bi­ni che in quel­le fami­glie vivono.

La leg­ge che è appro­va­ta oggi è comun­que la leg­ge più arre­tra­ta di Euro­pa in que­sto cam­po: una leg­ge che altri Pae­si han­no appro­va­to quin­di­ci anni fa, supe­ran­do­la già in più occa­sio­ni con testi vera­men­te e com­piu­ta­men­te egualitari.

Si dice che non pote­va che esse­re così: nutria­mo mol­ti dub­bi in pro­po­si­to, per­ché una mag­gio­ran­za che non ha i nume­ri per fare meglio avreb­be dovu­to ave­re un atteg­gia­men­to più costrut­ti­vo e rispet­to­so nei con­fron­ti del­le oppo­si­zio­ni. Oppo­si­zio­ni che, d’al­tra par­te, avreb­be­ro potu­to affron­ta­re con più matu­ri­tà e rispet­to que­sto pas­sag­gio. Il risul­ta­to è mol­to par­zia­le, anco­ra discri­mi­na­to­rio, incer­to sot­to il pro­fi­lo costi­tu­zio­na­le.

Per tut­te que­ste ragio­ni, non ci oppor­re­mo alla leg­ge ma non potre­mo appro­var­la né salu­tar­la con un voto favo­re­vo­le. Altri, tra Sena­to e Came­ra, sono pas­sa­ti da un voto con­tra­rio a un voto favo­re­vo­le. A noi sem­bra più rigo­ro­so riba­di­re le nostre ragio­ni e insi­ste­re. Temia­mo infat­ti che dopo l’ap­pro­va­zio­ne il siste­ma si chiu­da di nuo­vo e che i neces­sa­ri miglio­ra­men­ti sia­no rin­via­ti anco­ra per mol­to tem­po, con il rischio di tener­ci per mol­ti anni una leg­ge che non rico­no­sce pie­na­men­te i dirit­ti di tut­te e tut­ti.

Non è cer­to per cal­co­lo poli­ti­co né per ragio­ni di mera oppo­si­zio­ne che affer­mia­mo que­sto: anzi, è esat­ta­men­te il con­tra­rio. Si trat­ta di ragio­ni di fon­do, poli­ti­che in sen­so pie­no e lega­te a un’i­dea di rispet­to del­l’u­gua­glian­za e di supe­ra­men­to del­le disu­gua­glian­ze che non con­sen­te ecce­zio­ni, peral­tro mol­to gra­vi come in que­sto caso.

Sen­za pole­mi­ca e sen­za ali­men­ta­re faci­li con­trap­po­si­zio­ni che sono all’o­ri­gi­ne dei limi­ti di que­sta leg­ge, su cui mol­ti han­no inte­so spe­cu­la­re (noi, no di cer­to), ma con un’i­dea di socie­tà che vor­rem­mo vede­re rea­liz­za­ta, come acca­de in mol­ti, qua­si tut­ti gli altri Pae­si come l’Italia.

Per que­sto, con il pro­get­to degli step-avvo­ca­ti, con patro­ci­nio gra­tui­to, ci bat­te­re­mo, caso per caso, per­ché sia­no rico­no­sciu­te le ste­p­child e tute­la­ti i dirit­ti dei mino­ri che que­sta leg­ge, per cal­co­lo poli­ti­co (già), non inten­de rap­pre­sen­ta­re. E lo fare­mo sul cam­po, a livel­lo poli­ti­co e a livel­lo legi­sla­ti­vo, come sempre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.