Continuare a consumare suolo esattamente come si è sempre fatto

Il provvedimento esaminato in questi giorni alla Camera non va nella direzione auspicata. Al di là dei proclami del titolo e dei principi generali, è un provvedimento blando che mette nero su bianco obiettivi molto limitati, raggiunge lo scopo del contenimento di suolo in maniera soltanto parziale, è fumoso in alcuni passaggi essenziali ed è talmente farraginoso che la sua applicabilità pratica risulta seriamente a rischio.

Dopo un tra­va­glio di tre anni nel­le com­mis­sio­ni, appro­da in aula la pro­po­sta di leg­ge per il con­te­ni­men­to del con­su­mo di suo­lo.

Samue­le Sego­ni, mem­bro dell’VIII Com­mis­sio­ne (Ambien­te, Ter­ri­to­rio, Lavo­ri Pub­bli­ci) ha segui­to in pri­ma per­so­na l’iter del prov­ve­di­men­to per la com­po­nen­te par­la­men­ta­re Alter­na­ti­va Libe­ra – Possibile.

Appro­fon­dia­mo con lui il pro­ble­ma del con­su­mo di suo­lo da un pun­to di vista tec­ni­co pri­ma di esa­mi­na­re la pro­po­sta di leg­ge in discus­sio­ne e le pro­po­ste di Alter­na­ti­va Libe­ra, alle qua­li sono da affian­ca­re le pro­po­ste emen­da­ti­ve ela­bo­ra­te da Pos­si­bi­le, che muo­vo­no diret­ta­men­te dal­la pro­po­sta di leg­ge a pri­ma fir­ma Civa­ti depo­si­ta­ta nel dicem­bre del 2013.

 

Quanto e quale suolo consumiamo in Italia

In Ita­lia il con­su­mo di suo­lo ha assun­to un’entità a dir poco scon­cer­tan­te: cir­ca 7 metri qua­dra­ti ogni secon­do di suo­lo ver­gi­ne ven­go­no asfal­ta­ti, cemen­ti­fi­ca­ti, esca­va­ti o comun­que com­pro­mes­si. Nel suo ulti­mo rap­por­to, l’ISPRA (Isti­tu­to Supe­rio­re per la Pro­te­zio­ne e Ricer­ca Ambien­ta­le) foto­gra­fa bene que­sta ten­den­za, sia a livel­lo di quan­ti­tà sia in ter­mi­ni di qua­li­tà: attual­men­te, il suo­lo che ci “man­gia­mo” è suo­lo agri­co­lo (ter­re­no per­fet­ta­men­te fer­ti­le sot­trat­to alle col­ti­va­zio­ni per la costru­zio­ne di stra­de, par­cheg­gi, infra­strut­tu­re, edi­fi­ci) oppu­re è suo­lo espo­sto al rischio idro­geo­lo­gi­co. Abbia­mo costrui­to tal­men­te tan­to negli anni pas­sa­ti che sostan­zial­men­te tut­te le aree adat­te le abbia­mo già uti­liz­za­te. Ades­so ci sono rima­ste le aree più disgra­zia­te, che era­no sta­te evi­ta­te per­ché espo­ste a rischi idro­geo­lo­gi­ci, oppu­re le aree più pre­gia­te da un pun­to di vista agricolo.

 

Perché limitare il consumo di suolo

Oltre agli ovvi moti­vi di carat­te­re ambien­ta­le e pae­sag­gi­sti­co, ve ne sono altri più con­tin­gen­ti e “mate­ria­li”, che inve­sto­no diret­ta­men­te o indi­ret­ta­men­te tutti.

  • Rischio idro­geo­lo­gi­co. Oltre a quan­to det­to in pre­ce­den­za (se si costrui­sce ades­so, spes­so lo si fa in zone a rischio per­ché sono quel­le che fino ad ora era­no sfug­gi­te alla cemen­ti­fi­ca­zio­ne), con­su­ma­re suo­lo signi­fi­ca imper­mea­bi­liz­zar­lo. E ciò com­por­ta che, quan­do pio­ve, l’acqua pio­va­na non vie­ne trat­te­nu­ta e “imma­gaz­zi­na­ta” dal ter­re­no, né scor­re len­ta­men­te sul­la super­fi­cie natu­ra­le fino ai cor­si d’acqua. Al con­tra­rio, tut­ta la piog­gia fini­sce dal tet­to o dall’asfalto alla gron­da­ia, alle cana­li­ne di sco­lo, alle tuba­tu­re, fino ad arri­va­re in pochi secon­di al cor­so d’acqua. Quin­di tut­ta la piog­gia fini­sce subi­to nei fiu­mi. Ecco spie­ga­to il mito del­le bom­be d’acqua: anche una piog­gia mode­sta può cau­sa­re pie­ne spa­ven­to­se per­ché sen­za suo­lo natu­ra­le tut­ta l’acqua va a fini­re subi­to nei fiu­mi, che non ne pos­so­no smal­ti­re così tan­ta tut­ta insieme.
  • Disa­stri paga­ti dal­la col­let­ti­vi­tà. Se si para­go­na la clas­si­fi­ca del­le regio­ni che negli ulti­mi anni han­no con­su­ma­to più suo­lo con la clas­si­fi­ca del­le regio­ni che han­no subi­to più even­ti cala­mi­to­si in ter­mi­ni di fra­ne e allu­vio­ni, si vede che c’è una cor­ri­spon­den­za impres­sio­nan­te: ai pri­mi posti spic­ca­no Ligu­ria, Cala­bria ed Emi­lia Roma­gna. Tre tra le regio­ni che recen­te­men­te sono sta­te mes­se in ginoc­chio dal mal­tem­po di più e più spes­so. I dati empi­ri­ci quin­di con­fer­ma­no che cer­ti ter­ri­to­ri paga­no a caro prez­zo, oggi, scel­te urba­ni­sti­che scel­le­ra­te com­piu­te negli anni pas­sa­ti. Tut­to que­sto, a livel­lo nazio­na­le, vale 4 miliar­di di euro di dan­ni per il solo bien­nio 2013–2014 (fon­te: Pro­te­zio­ne Civile).
  • Riscal­da­men­to cli­ma­ti­co. Può sem­bra­re stra­no, ma attra­ver­so la vege­ta­zio­ne ed il suo­lo stes­so, la Ter­ra respi­ra, tra­su­da ed abbas­sa la pro­pria tem­pe­ra­tu­ra. Spes­so inve­ce i comu­ni, per ridur­re i costi di manu­ten­zio­ne, eli­mi­na­no par­chi e giar­di­ni instal­lan­do coper­tu­re in pie­tra che imma­gaz­zi­na­no calo­re e riflet­to­no il sole. In defi­ni­ti­va, ridur­re il con­su­mo dei suo­li in ambien­te urba­no ser­ve anche ad abbas­sa­re di qual­che gra­do le tem­pe­ra­tu­re esti­ve e ad evi­ta­re che le cit­tà si tra­sfor­mi­no in “iso­le di calore”.
  • Approv­vi­gio­na­men­to ali­men­ta­re. L’opinione pub­bli­ca si fida mag­gior­men­te se nel piat­to tro­va dei pro­dot­ti “made in ita­ly”. La nostra dipen­den­za ali­men­ta­re dall’estero però è desti­na­ta ad aumen­ta­re sem­pre di più se con­ti­nuia­mo a pun­ta­re su un model­lo eco­no­mi­co in cui il ter­re­no fer­ti­le vie­ne “mone­tiz­za­to” con le lot­tiz­za­zio­ni inve­ce con le coltivazioni.
  • Eco­no­mi­co. Se ci foca­liz­zia­mo sull’edilizia, esi­sto­no stu­di scien­ti­fi­ci che dimo­stra­no mate­ma­ti­ca­men­te che all’aumentare dell’urbanizzazione, la socie­tà trae bene­fi­ci di natu­ra eco­no­mi­ca, ma solo fino ad un cer­to pun­to. Oltre tale pun­to, la rela­zio­ne si inver­te e all’aumentare dell’urbanizzazione, la socie­tà si impo­ve­ri­sce e la qua­li­tà di vita dimi­nui­sce. L’esempio più intui­ti­vo riguar­da il crol­lo dei prez­zi degli immo­bi­li man mano che si con­ti­nua a costruir­ne altri che riman­go­no sfit­ti. In qua­si ogni zona dell’Italia, il “pun­to di rot­tu­ra” è sta­to supe­ra­to ormai da mol­to tempo.

 

Un modello nuovo di sviluppo e di edilizia

Stan­te quan­do espo­sto sopra, appa­re evi­den­te che il model­lo eco­no­mi­co basa­to sul con­su­mo di suo­lo e sul­la costru­zio­ne di edi­fi­ci, strut­tu­re ed infra­strut­tu­re per “crea­re” ric­chez­za, non è più soste­ni­bi­le. Né ambien­tal­men­te, né economicamente.

Ma non si deve cade­re nell’eccesso oppo­sto e soste­ne­re che la solu­zio­ne è “smet­te­re di costrui­re” e rot­ta­ma­re tut­to il set­to­re dell’edilizia. Biso­gna tene­re pre­sen­te che l’edilizia è sta­ta uno dei set­to­ri trai­nan­ti per il boom eco­no­mi­co ita­lia­no, in gra­do di gene­ra­re benes­se­re socia­le ed eco­no­mi­co. Oggi gior­no è un set­to­re deci­sa­men­te in cri­si. Ma l’edilizia può dare anco­ra tan­to all’Italia, se si ricon­ver­tis­se ad un model­lo di svi­lup­po diver­so, inno­va­ti­vo, ambien­tal­men­te soste­ni­bi­le: effi­cien­ta­men­to ener­ge­ti­co, rispar­mio idri­co, ammo­der­na­men­to e ricon­ver­sio­ne del patri­mo­nio edi­li­zio, ener­gie rin­no­va­bi­li, rina­tu­ra­liz­za­zio­ne, delo­ca­liz­za­zio­ni (demo­li­zio­ne di edi­fi­ci costrui­ti in aree a rischio e rico­stru­zio­ne in area sicu­ra), inter­ven­ti di inva­rian­za idrau­li­ca… le cose di cui l’Italia ha biso­gno sono tan­te e ci sareb­be da met­te­re le mani dappertutto!

Il pun­to è: la pro­po­sta di leg­ge in discus­sio­ne dà rispo­ste ade­gua­te al feno­me­no del con­su­mo di suo­lo? E cosa abbia­mo pro­po­sto su que­sto tema?

La proposta di legge in discussione

Nono­stan­te qua­si tut­to l’arco par­la­men­ta­re con­cor­di che il con­su­mo di suo­lo è un feno­me­no mol­to serio che neces­si­ta di un con­te­ni­men­to dra­sti­co, fun­zio­na­le anche al rilan­cio di model­li eco­no­mi­ci di svi­lup­po più soste­ni­bi­li (agri­col­tu­ra e edi­li­zia di qua­li­tà in pri­mis), il prov­ve­di­men­to esa­mi­na­to in que­sti gior­ni alla Came­ra non va nel­la dire­zio­ne auspi­ca­ta. Al di là dei pro­cla­mi del tito­lo e dei prin­ci­pi gene­ra­li, è un prov­ve­di­men­to blan­do che met­te nero su bian­co obiet­ti­vi mol­to limi­ta­ti, rag­giun­ge lo sco­po del con­te­ni­men­to di suo­lo in manie­ra sol­tan­to par­zia­le, è fumo­so in alcu­ni pas­sag­gi essen­zia­li ed è tal­men­te far­ra­gi­no­so che la sua appli­ca­bi­li­tà pra­ti­ca risul­ta seria­men­te a rischio.

Ad esem­pio la defi­ni­zio­ne di suo­lo, quin­di il bene che andia­mo a tute­la­re, ha visto ridur­re sem­pre di più il peri­me­tro di appli­ca­zio­ne del­la leg­ge: in una pri­ma ver­sio­ne si anda­va a con­te­ne­re il con­su­mo di suo­lo in sen­so lato. Poi solo il suo­lo agri­co­lo (inte­so come il suo­lo poten­zial­men­te uti­liz­za­bi­le ai fini agri­co­li), poi il suo­lo effet­ti­va­men­te clas­si­fi­ca­to dagli stru­men­ti urba­ni­sti­ci come agri­co­lo. L’ambito di appli­ca­zio­ne risul­ta ulte­rior­men­te ristret­to da una lun­ga serie di ecce­zio­ni in cui il con­su­mo di suo­lo “non con­ta”: ad esem­pio le infra­strut­tu­re (assur­do visto che come han­no con­fer­ma­to i dati ISPRA e l’Istat, le infra­strut­tu­re sono la cau­sa prin­ci­pa­le di con­su­mo di suo­lo in Ita­lia), ma anche gli spa­zi inter­clu­si (se ho un cam­po com­pre­so tra due lot­ti edi­fi­ca­ti, pos­so edi­fi­ca­re anche quel­lo sen­za con­teg­giar­lo come suo­lo con­su­ma­to) e gli spa­zi desti­na­ti a ser­vi­zi di pub­bli­ca utilità.

Sen­za con­si­de­ra­re alcu­ni obiet­ti­vi deci­sa­men­te mol­to blan­di, come quel­lo di arri­va­re ad un con­su­mo di suo­lo pari a zero nel 2050, che nel lin­guag­gio poli­ti­co signi­fi­ca «mai», sen­za defi­ni­re chia­ra­men­te che limi­ti inter­me­di ci si pone dal 2016 al 2050.

La scel­ta più con­ser­va­ti­va è pro­ba­bil­men­te quel­la di non misu­ra­re il con­su­mo di suo­lo in ter­mi­ni lor­di (cioè in ter­mi­ni asso­lu­ti), ma di con­si­de­ra­re il con­su­mo di suo­lo net­to, ovve­ro al net­to di com­pen­sa­zio­ni e miti­ga­zio­ni. Ciò signi­fi­ca – ed è san­ci­to fin dal­le defi­ni­zio­ni – che in real­tà pos­so con­su­ma­re fat­ti­va­men­te del suo­lo, però, ai fini del­la leg­ge, il suo­lo non risul­ta con­su­ma­to per­ché altro­ve sono anda­ti a fare del­le ope­re di com­pen­sa­zio­ne e di miti­ga­zio­ne non meglio defi­ni­te nel­la pre­sen­te legge.

Occor­re dare rilie­vo anche all’articolo 3, per la far­ra­gi­no­si­tà del­la nor­ma­ti­va pro­prio nell’articolo che dovreb­be defi­ni­re dei cri­te­ri quan­ti­ta­ti­vi di ridu­zio­ne: non vie­ne defi­ni­to nien­te ma si pre­ve­de un inces­san­te rim­pal­lo tra mini­ste­ri diver­si e con­fe­ren­za uni­fi­ca­ta, lascian­do come scap­pa­to­ia la pos­si­bi­li­tà di far deci­de­re tut­to da un inter­ven­to d’imperio del Con­si­glio dei Ministri.

Appa­re chia­ro come que­sta leg­ge più che impri­me­re una svol­ta ed un cam­bia­men­to, foto­gra­fi l’esistente e per­met­ta di con­ti­nua­re a con­su­ma­re suo­lo come si è fat­to fino ad ades­so, sem­pli­ce­men­te cam­bian­do nome agli interventi.

Infat­ti all’articolo 5 si lan­cia il busi­ness del­la rige­ne­ra­zio­ne del­le aree urba­ne e all’articolo 6 quel­lo dei com­pen­di agri­co­li neo­ru­ra­li. Ovve­ro, nuo­ve for­me seman­ti­che per fare lo stes­so busi­ness di pri­ma. Cer­to, sono stai inse­ri­ti dei prin­ci­pi gene­ra­li di eco­com­pa­ti­bi­li­tà, ma anco­ra una vol­ta i palet­ti e le maglie del­la leg­ge sono lar­ghis­si­mi.

Nomi­nal­men­te, si dice di favo­ri­re in manie­ra prio­ri­ta­ria la rige­ne­ra­zio­ne, la rina­tu­ra­liz­za­zio­ne, il recu­pe­ro e la ricon­ver­sio­ne del patri­mo­nio edi­li­zio, ma la gra­ve pec­ca di que­sta leg­ge è che non si dan­no stru­men­ti per ren­de­re tut­to que­sto con­ve­nien­te. Coste­rà sem­pre meno con­su­ma­re nuo­vo suo­lo piut­to­sto che anda­re ad inter­ve­ni­re radi­cal­men­te sul patri­mo­nio edi­li­zio esi­sten­te. Non com­pa­io­no incen­ti­vi, defi­sca­liz­za­zio­ni o misu­re di carat­te­re eco­no­mi­co: ogni leva di que­sto tipo è sta­ta tol­ta duran­te l’esame in com­mis­sio­ne per moti­vi di equi­li­brio del­le finan­ze pub­bli­che.

Le proposte di Alternativa Libera

Gli emen­da­men­ti pre­sen­ta­ti da Alter­na­ti­va Libe­ra riguar­da­no scen­do­no pro­fon­da­men­te nel meri­to e riguar­da­no sia i prin­ci­pi gene­ra­li del­la leg­ge, sia gli aspet­ti più tec­ni­ci: voglia­mo una leg­ge che sia effi­ca­ce e coe­ren­te nell’attuazione pra­ti­ca dei pro­pri prin­ci­pi teo­ri­ci. La mag­gior par­te degli emen­da­men­ti è sca­tu­ri­ta dopo un con­fron­to ed una discus­sio­ne con una vasta rete di con­tat­ti alta­men­te qua­li­fi­ca­ti nel settore.

Si pro­pon­go­no misu­re per pro­muo­ve­re la dif­fu­sio­ne di model­li di svi­lup­po ad ele­va­ta soste­ni­bi­li­tà ambien­ta­le nel set­to­re del­l’e­di­li­zia e nel­la e pia­ni­fi­ca­zio­ne gestio­ne del territorio.

Si cor­reg­go­no mol­te enun­cia­zio­ni andan­do a pro­por­re una visio­ne in cui il con­su­mo di suo­lo ed il rischio idro­geo­lo­gi­co ven­go­no con­si­de­ra­ti insie­me, nel con­te­sto più ampio dell’assetto del ter­ri­to­rio. Infat­ti, in que­sto prov­ve­di­men­to, il con­cet­to di rischio idro­geo­lo­gi­co ricor­re rara­men­te: la poli­ti­ca deve smet­te­re di con­si­de­ra­re prov­ve­di­men­ti a com­par­ti sta­gni per­ché tut­to è inter­con­nes­so e l’assetto del ter­ri­to­rio è una mate­ria mol­to gene­ra­le che in que­sto prov­ve­di­men­to deve esse­re trat­ta­ta a 360 gradi.

Si pro­po­ne che si pos­sa con­su­ma­re nuo­vo suo­lo solo dopo che in fase pro­get­tua­le sia dimo­stra­to che non ci sono alter­na­ti­ve al riu­so dell’esistente o alla delo­ca­liz­za­zio­ne di edi­fi­ci in aree a rischio.

Si pro­po­ne di eli­mi­na­re tut­te le ecce­zio­ni elen­ca­te in pre­ce­den­za che con­sen­to­no di con­su­ma­re suo­lo sen­za anda­re a con­teg­giar­lo nomi­nal­men­te (spa­zi inter­clu­si, infra­strut­tu­re, ope­re stra­te­gi­che, eccetera).

Chie­dia­mo o di ragio­na­re in ter­mi­ni di con­su­mo di suo­lo lor­do (cioè effet­ti­vo, sen­za scap­pa­to­ie), e di por­re obiet­ti­vi rea­li­sti­ci di ridu­zio­ne. Per noi lo sco­po del­la leg­ge deve esse­re quel­lo di moni­to­ra­re e risol­ve­re un pro­ble­ma, non inse­ri­re scap­pa­to­ie per igno­rar­lo.

Defi­nia­mo in manie­ra net­ta e uni­vo­ca il siste­ma del­le com­pen­sa­zio­ni e del­le miti­ga­zio­ni, in modo che real­men­te com­pen­si­no com­ple­ta­men­te l’intervento di con­su­mo di suo­lo in ter­mi­ni idrau­li­ci e biologici.

Cor­reg­gia­mo la defi­ni­zio­ne di “imper­mea­bi­liz­za­zio­ne”, che da un pun­to di vista tec­ni­co-scien­ti­fi­co lascia mol­to a desiderare.

Chie­dia­mo dati del moni­to­rag­gio di con­su­mo di suo­lo in for­ma­to aper­to, pie­na­men­te utilizzabili.

Chie­dia­mo che le map­pa­tu­re ed i moni­to­rag­gi inte­res­si­no anche un altro aspet­to: il bilan­cio ali­men­ta­re. Deve risul­ta­re chia­ro cosa per­dia­mo e cosa gua­da­gnia­mo in ter­mi­ni di sovra­ni­tà ali­men­ta­re ogni vol­ta che fac­cia­mo un nuo­vo intervento.

Chie­dia­mo di impor­re che la costru­zio­ne di edi­fi­ci pos­sa avve­ni­re sol­tan­to se essi rien­tra­no nel­le clas­si ener­ge­ti­che mas­si­me.

Chie­dia­mo di favo­ri­re la crea­zio­ne di iso­le di suo­lo ver­gi­ne e vege­ta­to nei cen­tri urba­ni (la filo­so­fia attua­le inve­ce è che se un ter­re­no è inter­clu­so tra aree edi­fi­ca­te, è natu­ral­men­te e voca­to ad esse­re edi­fi­ca­to anch’esso).

Chie­dia­mo che il cen­si­men­to degli edi­fi­ci sfit­ti sia este­so anche a quel­li che sor­go­no in aree a rischio e che “map­pi” tut­te le carat­te­ri­sti­che tec­ni­che e urba­ni­sti­che dell’immobile.

Defi­nia­mo dei disin­cen­ti­vi per le ammi­ni­stra­zio­ni ina­dem­pien­ti.

Pro­po­nia­mo l’introduzione del “fasci­co­lo del fab­bri­ca­to”, un docu­men­to tec­ni­co con­te­nen­te tut­te le infor­ma­zio­ni di tipo pro­get­tua­le, strut­tu­ra­le, impian­ti­sti­co e geo­lo­gi­co di un edi­fi­cio, che è richie­sto a gran voce da anni da mol­te cate­go­rie (geo­lo­gi, archi­tet­ti, inge­gne­ri, ecc..).

Ponia­mo una mag­gio­re atten­zio­ne sui bor­ghi rura­li (men­tre la leg­ge si con­cen­tra prin­ci­pal­men­te sui cen­tri sto­ri­ci) ed incen­ti­via­mo il pas­sag­gio da ter­re­no edi­fi­ca­bi­le a ter­re­no agricolo.

Ponia­mo limi­ti più strin­gen­ti al con­su­mo del suo­lo: pro­po­nia­mo di scen­de­re fin da subi­to al 20% del rit­mo attua­le e soprat­tut­to inse­ria­mo vin­co­li per evi­ta­re che que­ste per­cen­tua­li pos­sa­no esse­re aggi­ra­te con arti­fi­ci mate­ma­ti­ci o urbanistici.

Spin­gia­mo anche per una più net­ta ten­den­za alla rina­tu­ra­liz­za­zio­ne e alla delo­ca­liz­za­zio­ne degli edi­fi­ci (demo­li­zio­ne e rico­stru­zio­ne in aree più sicu­re e più opportune).

Ci augu­ria­mo che, cor­reg­gen­do le stor­tu­re espo­ste in pre­mes­sa e inter­ve­nen­do con cor­ret­ti­vi di que­sto tipo, si pos­sa otte­ne­re un prov­ve­di­men­to capa­ce di rilan­cia­re il com­par­to dell’edilizia, in modo che si pos­sa coniu­ga­re la com­pa­ti­bi­li­tà ambien­ta­le e la qua­li­tà degli inter­ven­ti e del­la mano­do­pe­ra. Ritor­nan­do ad ave­re un’edilizia che sia il ner­bo por­tan­te dell’economia ita­lia­na ma tra­sfor­man­do­la in manie­ra più com­pa­ti­bi­le da un pun­to di vista ambien­ta­le ed eco­no­mi­co.

Come è andata a finire

Come è anda­ta a fini­re? Tut­to è anda­to come dove­va anda­re: nel peg­gio­re dei modi, secon­do lo sti­le ren­zia­no. Se nel testo usci­to dal­le com­mis­sio­ni c’erano dei pun­ti d’ombra, dei pas­sag­gi vaghi, l’aula ha dis­si­pa­to ogni dub­bio ed ha spo­sta­to con deci­sio­ne la rot­ta poli­ti­ca ver­so la visio­ne anti­qua­ta, il model­lo arcai­co dei palaz­zi­na­ri e dei lot­tiz­za­to­ri del seco­lo scor­so. D’altronde ci si pote­va aspet­ta­re dal gover­no Ren­zi e da que­sta mag­gio­raa­za che un prov­ve­di­men­to che nel­le fina­li­tà ave­va il con­te­ni­men­to al con­su­mo del suo­lo, potes­se dav­ve­ro con­te­ne­re il con­su­mo di suo­lo? Cer­to che no. Abbia­mo sba­glia­to tut­to anche noi oppo­si­zio­ni: dove­va­mo chia­mar­lo “nor­me per la cemen­ti­fi­ca­zio­ne indi­scri­mi­na­ta, l’aggressione ai ter­re­ni anco­ra ine­di­fi­ca­ti e il con­tem­po­ra­neo rista­gno del com­par­to edi­li­zio”. For­se in que­sto modo avrem­mo avu­to qual­che chan­ce di rag­giun­ge­re l’obiettivo ori­gi­na­rio di que­sto atto. Che ricor­dia­mo­lo: dove­va fer­ma­re il con­su­mo di suo­lo agri­co­lo e rilan­cia­re il com­par­to dell’edilizia impri­men­do­gli un miglio­ra­men­to qua­li­ta­ti­vo orien­ta­to all’ecosostenibilità. Insom­ma si pote­va uti­liz­za­re que­sta leg­ge per costrui­re meno ma costrui­re meglio (dan­do lavo­ro a mano­do­pe­ra alta­men­te spe­cia­liz­za­ta) e per col­ti­va­re di più per man­gia­re meglio (sal­va­guar­dan­do la nostra sovra­ni­tà alimentare).

Inve­ce, in clas­si­co sti­le ren­zia­no, inve­ce di supe­ra­re le cri­si inno­van­do con deci­sio­ne, ci si inte­star­di­sce a tro­va­re degli arti­fi­ci nor­ma­ti­vi per pro­va­re a tene­re a gal­la com­par­ti pro­dut­ti­vi vec­chi e stan­tii. Che se sono entra­ti in cri­si, è per­ché han­no biso­gno di esse­re rilan­cia­ti attra­ver­so un pro­fon­do rin­no­va­men­to, che in que­sta leg­ge non c’è. Non si met­te nes­su­na leva eco­no­mi­ca (né come disin­cen­ti­vo del­le pra­ti­che nega­ti­ve né come incen­ti­vo per le pra­ti­che vir­tuo­se). E si tro­va­no arti­fi­ci seman­ti­ci per cam­bia­re nome alle vec­chie abi­tu­di­ni. Con que­sta leg­ge si andrà a con­su­ma­re suo­lo per costrui­re come pri­ma, più di pri­ma, edi­fi­ci desti­na­ti a rima­ne­re sfit­ti.

 

Samue­le Segoni

Geo­lo­go, Depu­ta­to in Com­mis­sio­ne VIII (Ambien­te Ter­ri­to­rio e Lavo­ri Pubblici)

Alter­na­ti­va Libe­ra — Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.