Il sovranismo in Europa fa i conti coi costi che la Brexit presenta al Regno Unito

habib-ayoade-uWfOa8brybM-unsplash-scaled-e1614444302674

Con la nasci­ta del nuo­vo gover­nis­si­mo abbia­mo assi­sti­to a gira­vol­te e retro­mar­ce improv­vi­se un po’ su tut­to, ma quel­la che ha desta­to più cla­mo­re è cer­ta­men­te la repen­ti­na svol­ta a U del­la Lega sul­le isti­tu­zio­ni euro­pee, che non sono più un “covo di scia­cal­li” come dice­va il Sena­to­re sem­pli­ce che ha fat­to cade­re il Con­te I, omo­ni­mo di quel­lo che ha fat­to cade­re il Con­te II.

Quel­la che qual­cu­no insi­ste a defi­ni­re “svol­ta euro­pei­sta” altro non è che il nau­fra­gio sovra­ni­sta, col­pi­to dal­la pan­de­mia e dal­l’e­si­sten­za (de fac­to) di un Teso­ro euro­peo per la ripre­sa che è il con­tra­rio di quan­to avreb­be­ro volu­to i nazio­na­li­sti d’Eu­ro­pa. Non sono sta­ti rin­ne­ga­ti i decre­ti sicu­rez­za, men che meno le poli­ti­che sul­l’im­mi­gra­zio­ne di que­sti anni, o i rap­por­ti con l’e­stre­ma destra in Ita­lia e nel par­la­men­to euro­peo. La cri­si di gover­no ha pre­sta­to il fian­co a un cam­bio di linea, che si sta­va pre­pa­ran­do da quan­do l’I­ta­lia si è aggiu­di­ca­ta 209 miliar­di del Reco­ve­ry Fund (la fet­ta più gran­de), che mira ad aggiu­di­car­si quo­te del PNRR (lo stia­mo veden­do con le liste del­la spe­sa del­le regio­ni del nord nei loro PRRR).

Un altro gran­de col­po è venu­to dal Regno Uni­to dove ini­zia­no a cir­co­la­re i dati (mol­to più velo­ce­men­te del­le mer­ci) sui costi che l’u­sci­ta dal­l’U­nio­ne com­por­te­rà nel pros­si­mo biennio.

La Com­mis­sio­ne Euro­pea ha affer­ma­to che la fine del­l’a­de­sio­ne coste­rà al Regno Uni­to, entro il 2022, alme­no il 2,25% del Pil: più di quat­tro vol­te il costo che paghe­rà l’UE, lo 0,5% del Pil. L’ac­cor­do com­mer­cia­le del­l’un­di­ce­si­ma ora fir­ma­to in dicem­bre ha ridot­to i dan­ni. L’ac­cor­do di libe­ro scam­bio FTA ha miglio­ra­to la situa­zio­ne ma non è lon­ta­na­men­te para­go­na­bi­le ai van­tag­gi deri­van­ti dal­l’a­de­sio­ne all’UE, con una per­di­ta di oltre 40 miliar­di di sterline.

Stia­mo già assi­sten­do, in par­te, alle gran­di dif­fi­col­tà nel com­mer­cio tran­sfron­ta­lie­ro. Per faci­li­ta­re il pas­sag­gio mol­ti con­trol­li alle fron­tie­re sono sta­ti rin­via­ti a que­sta pri­ma­ve­ra, quan­do vedre­mo ulte­rio­ri bar­rie­re per il com­mer­cio. La libe­ra­liz­za­zio­ne del com­mer­cio di gene­ri ali­men­ta­ri e pro­dot­ti fre­schi sta para­dos­sal­men­te met­ten­do in ginoc­chio i pesca­to­ri, alle­va­to­ri e ven­di­to­ri ingle­si di pro­dot­ti loca­li che non rie­sco­no a far arri­va­re sui mer­ca­ti del­la gran­de distri­bu­zio­ne i loro pro­dot­ti in quan­to mes­si in con­cor­ren­za diret­ta con quel­li mol­to più eco­no­mi­ci del resto del mondo.

Il Finan­cial Times ha fat­to le pul­ci allo sta­to del­la Bre­xit a un mese dal­l’u­sci­ta: col­pi­ti oltre all’a­gri­col­tu­ra e alla pesca (John­son ha pro­mes­so 26 milio­ni di risto­ro) tut­ti i com­mer­ci da e per l’Eu­ro­pa. Il gior­no lavo­ra­ti­vo neces­sa­rio per tra­spor­ta­re la mer­ce ai clien­ti euro­pei pri­ma del­la Bre­xit non basta più, ora ne ser­vo­no due o tre. Que­sto dipen­de dal­la gran­de mole di docu­men­ti, ispe­zio­ni e pra­ti­che buro­cra­ti­che richie­sti (e per for­tu­na che, come det­to pri­ma, mol­ti con­trol­li sono sta­ti rin­via­ti per faci­li­ta­re la tran­si­zio­ne). Gli acqui­sti di mer­ce dal­l’U­nio­ne Euro­pea pre­ve­do­no inol­tre com­mis­sio­ni più alte, sfa­vo­ren­do i cit­ta­di­ni ingle­si che impor­ta­no buo­na par­te dei beni di con­su­mo da fuo­ri con­fi­ne. Altro gran­de pro­ble­ma quel­lo del­la situa­zio­ne ibri­da del con­fi­ne nor­dir­lan­de­se che, pro­prio a cau­sa del­le dif­fi­col­tà pri­ma descrit­te, si tro­va con gli scaf­fa­li dei super­mer­ca­ti vuo­ti (l’Ir­lan­da del Nord impor­ta qua­si tut­to dal­la Gran Bre­ta­gna e la mer­ce subi­sce gli stes­si con­trol­li del­la mer­ce in entra­ta nell’UE).

Que­sta incer­tez­za e que­sti aggra­vi buro­cra­ti­ci ren­do­no meno attrat­ti­vo il Regno Uni­to alle gran­di impre­se che voglio­no fare affa­ri nel mer­ca­to del­l’U­nio­ne e la cor­sa del­le impre­se stra­nie­re a spo­sta­re magaz­zi­ni in Euro­pa sta com­por­tan­do una rica­du­ta occu­pa­zio­na­le signi­fi­ca­ti­va anche per le pic­co­le e medie impre­se bri­tan­ni­che, non solo com’è ovvio per pro­ble­mi di rifor­nir­si di mate­rie prime.

Infi­ne c’è agi­ta­zio­ne anche nel mon­do del­la cul­tu­ra, già segna­to dal­la pan­de­mia, che deve affron­ta­re (al pari di ogni pro­fes­sio­ni­sta) il pro­ble­ma del rico­no­sci­men­to dei tito­li pro­fes­sio­na­li per lavo­ra­re in Europa.

Le cro­na­che di que­sto ini­zio di Bre­xit sono dav­ve­ro impie­to­se. Anche se da noi se ne par­la pochis­si­mo, stan­no spez­zan­do le ali dei soste­ni­to­ri nazio­na­li del­l’I­ta­le­xit: un ridi­men­sio­na­men­to note­vol­men­te per le ambi­zio­ni sovra­ni­ste e la nar­ra­zio­ne trion­fa­le dei van­tag­gi eco­no­mi­ci deri­van­ti da usci­te del­l’U­nio­ne. Che sia uno dei moti­vi che ha spin­to Sal­vi­ni a met­te­re la fel­pa con scrit­to ‘Bru­xel­les’?

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.