Ministero della transizione ecologica: le premesse non sono buone

Il Con­si­glio dei Mini­stri di ieri ha san­ci­to la defi­ni­ti­va scom­par­sa del Mini­ste­ro dell’Ambiente e del­la tute­la del ter­ri­to­rio del mare per fare posto al neo Mini­ste­ro del­la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca. Era sta­to il con­ten­de­re del­le con­sul­ta­zio­ni, con Bep­pe Gril­lo (e altri) esul­tan­ti e qua­si com­mos­si per que­sto successo.

Quan­ta ipo­cri­sia in quel­le dichiarazioni.

Leg­gen­do quan­to comu­ni­ca­to dal Gover­no si appren­de che il nuo­vo Mini­ste­ro assu­me­rà le com­pe­ten­ze del “Mini­ste­ro dell’ambiente e del­la tute­la del ter­ri­to­rio e del mare”, non­ché quel­le in mate­ria di poli­ti­ca ener­ge­ti­ca dal “Mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co”, tra le quali:

- la defi­ni­zio­ne degli obiet­ti­vi e del­le linee di poli­ti­ca ener­ge­ti­ca e mine­ra­ria nazionale;
- l’autorizzazione di impian­ti di pro­du­zio­ne di ener­gia da fon­ti rin­no­va­bi­li di com­pe­ten­za sta­ta­le anche ubi­ca­ti in mare;
- l’attuazione dei pro­ces­si di libe­ra­liz­za­zio­ne dei mer­ca­ti ener­ge­ti­ci e la pro­mo­zio­ne del­la con­cor­ren­za nei mer­ca­ti dell’energia e tute­la dell’economicità e del­la sicu­rez­za del sistema;
- l’individuazione e lo svi­lup­po del­le reti nazio­na­li di tra­spor­to dell’energia elet­tri­ca e del gas natu­ra­le e la defi­ni­zio­ne degli indi­riz­zi per la loro gestione;
- le poli­ti­che di ricer­ca, incen­ti­va­zio­ne e gli inter­ven­ti nei set­to­ri dell’energia e del­le miniere;
- la ricer­ca e col­ti­va­zio­ne di idro­car­bu­ri e risor­se geotermiche;
- la vigi­lan­za su enti stru­men­ta­li e il col­le­ga­men­to con le socie­tà e gli isti­tu­ti ope­ran­ti nei set­to­ri dell’energia;
- la gestio­ne del­le scor­te ener­ge­ti­che non­ché la pre­di­spo­si­zio­ne e attua­zio­ne dei pia­ni di emer­gen­za energetica;
- l’impiego paci­fi­co dell’ener­gia nuclea­re, la pro­te­zio­ne con­tro i peri­co­li deri­van­ti dall’esposizione alle radia­zio­ni ioniz­zan­ti e la gestio­ne dei rifiu­ti radioat­ti­vi e del com­bu­sti­bi­le nuclea­re esaurito;
- le agro-ener­gie;
- la rile­va­zio­ne, l’elaborazione, l’analisi e la dif­fu­sio­ne di dati sta­ti­sti­ci in mate­ria ener­ge­ti­ca e mine­ra­ria, fina­liz­za­ti alla pro­gram­ma­zio­ne ener­ge­ti­ca e mineraria;
- l’elaborazione di pia­ni e misu­re in mate­ria di com­bu­sti­bi­li alter­na­ti­vi e del­le rela­ti­ve reti e strut­tu­re di distri­bu­zio­ne per la rica­ri­ca dei vei­co­li elettrici;
- la qua­li­tà dell’aria;
- le poli­ti­che di con­tra­sto ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e per la finan­za cli­ma­ti­ca e soste­ni­bi­le e il rispar­mio ambien­ta­le anche attra­ver­so tec­no­lo­gie per la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni dei gas ad effet­to serra;
- la pia­ni­fi­ca­zio­ne in mate­ria di emis­sio­ni nel set­to­re dei tra­spor­ti;

- la gestio­ne, il riu­so e il rici­clo dei rifiu­ti e l’eco­no­mia cir­co­la­re.

Qual­che set­ti­ma­na fa Con­fin­du­stria su IlSole24Ore, attac­can­do l’al­lo­ra Mini­stro Costa, auspi­ca­va una sem­pli­fi­ca­zio­ne e una ridu­zio­ne dei vin­co­li ambien­ta­li rispet­to alle tan­te auto­riz­za­zio­ni, sot­to il tito­lo: “Auto­riz­za­zio­ni e decre­ti attua­ti­vi, l’Ambiente fre­na indu­stria e ope­re”. Oggi, pur­trop­po, la rispo­sta a quel­la richie­sta è arrivata!

Ma è vera­men­te que­sto di cui abbia­mo biso­gno in que­sto momen­to? Che i vin­co­li ambien­ta­li val­ga­no anco­ra meno rispet­to al pas­sa­to? Che la Bio­di­ver­si­tà su cui inve­ce si dovreb­be inve­sti­re in manie­ra intel­li­gen­te, ven­ga ulte­rior­men­te sacri­fi­ca­ta e saccheggiata?

Il fat­to­re Natu­ra, il poten­zia­men­to del­la rete eco­lo­gi­ca così come gli inve­sti­men­ti per una soste­ni­bi­li­tà che non sia solo di fac­cia­ta sono com­ple­ta­men­te scom­par­si dall’agenda di gover­no. Sen­za con­si­de­ra­re le que­stio­ni rela­ti­ve al suo­lo, di cui abbia­mo già par­la­to qui e che meri­ta­no una trat­ta­zio­ne a parte.

La bio­di­ver­si­tà spa­ri­sce anche dal­le mate­rie di com­pe­ten­za del neo­na­to Comi­ta­to per la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca che si occu­pe­rà di tut­to tran­ne che di biodiversità.

È que­sta la rivo­lu­zio­ne ver­de di cui abbia­mo biso­gno? Oppu­re si stan­no sem­pli­ce­men­te favo­ren­do indu­strie e ope­re tra­mi­te una gran­de ope­ra­zio­ne di greenwashing?

Il docu­men­to del PNRR ste­so dal gover­no Conte2 avrà con­ti­nui­tà nel gover­no Dra­ghi: è sta­to lo stes­so Dra­ghi a con­fer­mar­lo duran­te i pas­sag­gi isti­tu­zio­na­li per la fidu­cia nei due rami del Parlamento.

E come abbia­mo già denun­cia­to, la bio­di­ver­si­tà e la natu­ra in quel testo non ci sono e viste le pre­mes­se di que­sti gior­ni dif­fi­cil­men­te vi entre­ran­no, anche a fron­te del­le resi­sten­ze cul­tu­ra­li da par­te di alcu­ne for­ze poli­ti­che di mag­gio­ran­za mes­se da Dra­ghi nei Mini­ste­ri chiave.

La que­stio­ne di fon­do è poli­ti­ca ed è la con­fer­ma di quan­to l’ambiente e la natu­ra non sia­no mai sta­ti con­si­de­ra­ti come valo­re qua­li­fi­can­te da par­te di mol­te for­ze poli­ti­che, anzi, di come anco­ra oggi sia­no visti come un for­te limi­te allo svi­lup­po eco­no­mi­co e alla ripre­sa eco­no­mi­ca post pandemia.

Non è una que­stio­ne solo di nomi e sigle. Sba­glia chi pen­sa che sia solo una que­stio­ne di nomi e che basti sem­pli­ce­men­te cam­bia­re il nome per­ché cam­bi tut­to realmente.

Mi risuo­na­no mol­to chia­ra­men­te in men­te le paro­le pro­nun­cia­te da Tan­cre­di nel Gat­to­par­do “Se voglia­mo che tut­to riman­ga com’è, biso­gna che tut­to cambi”

La gran­de discus­sio­ne del­le scor­se set­ti­ma­ne sta par­to­ren­do un siste­ma che rischia di anda­re in dire­zio­ne oppo­sta rispet­to alle premesse.

E men­tre le con­se­guen­ze dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci sono sot­to gli occhi di tut­ti nel­la loro gra­vi­tà, da noi si pre­fe­ri­sce con­ti­nua­re sul­la fal­sa riga di quan­to avve­nu­to sin d’ora.

Le tema­ti­che ambien­ta­li oggi sono tra­sver­sa­li a mol­te que­stio­ni: pec­ca­to che nei posti chia­ve del gover­no abbia­mo anco­ra chi pen­sa che le que­stio­ni ambien­ta­li riguar­di­no sem­pli­ce­men­te “due uccel­li­ni e quat­tro alberelli”.

Poli­ti­ca­men­te, le richie­ste avan­za­te dal­la Lega, che è riu­sci­ta a piaz­za­re i suoi uomi­ni in mini­ste­ri impor­tan­ti e stra­te­gi­ci, così come da Ita­lia Viva, sono sta­te accol­te. Negli scor­si mesi soprat­tut­to Ita­lia Viva ave­va rilan­cia­to un pro­prio pro­get­to che anda­va in que­sta dire­zio­ne, cioè quel­la di pro­se­gui­re nel­le inu­ti­li cola­te di cemen­to e asfal­to (lo ave­va­mo denun­cia­to qui). La stes­sa Ita­lia Viva ha sem­pre rite­nu­to che Costa fos­se un Mini­stro trop­po schie­ra­to dal­la par­te dell’ambiente e che fos­se meglio inver­ti­re la rot­ta che fati­co­sa­men­te sta­va intraprendendo.

Stan­no scher­zan­do con il fuo­co e non se ne ren­do­no nem­me­no con­to! Que­sta è l’amara con­si­de­ra­zio­ne rispet­to all’evoluzione di que­sti giorni.

Abbia­mo già fat­to e avan­za­to le nostre con­si­de­ra­zio­ni e le nostre pro­po­ste, entran­do #nel­me­ri­to del­le que­stio­ni e con­ti­nue­re­mo a far­lo. Così come non esi­te­re­mo un secon­do nel denun­cia­re la gran­de ope­ra­zio­ne di gree­n­wa­shing che sta por­tan­do avan­ti il Governo.

Ave­va­mo biso­gno di scel­te corag­gio­se e inve­ce cor­ria­mo il serio rischio di non vede­re nes­sun cam­bio di rot­ta rispet­to a scel­te stra­te­gi­che e neces­sa­rie per costrui­re un futu­ro ami­co per le nuo­ve generazioni.

Era­va­mo di fron­te a un bivio, ma le due stra­de che ci si pre­sen­ta­no non sono ambe­due egual­men­te age­vo­li. La via per­cor­sa fino­ra ci sem­bra faci­le, in appa­ren­za: si trat­ta di una bel­lis­si­ma auto­stra­da, sul­la qua­le pos­sia­mo pro­ce­de­re ad ele­va­ta velo­ci­tà ma che con­du­ce a un disa­stro. L’altra stra­da – che rara­men­te deci­dia­mo di imboc­ca­re – offre l’ultima e uni­ca pro­ba­bi­li­tà di rag­giun­ge­re una meta che ci con­sen­ta di con­ser­va­re l’integrità del­la terra.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.