Il pomodoro al “massimo ribasso” uccide il progresso sociale e civile, schiaccia economia ed ecologia

Il massimo ribasso uccide il progresso sociale e civile, schiaccia economia ed ecologia, conduce a vorticose economie di scala che nulla hanno a che fare con la qualità ed il benessere delle persone e dell’ambiente tutto. Il risultato del massimo ribasso - non solo nel settore alimentare – è un prodotto senza vita.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ove è pos­si­bi­le la dop­pia asta al mas­si­mo ribas­so, per­ché non pro­va­re la tripla?

E’ il con­cet­to di prez­zo “al mas­si­mo ribas­so” che va capi­to. E’ la dif­fe­ren­za fra prez­zo e valo­re di una mer­ce: quan­do le due non coin­ci­do­no, cosa si è per­so lun­go il cam­mi­no? È un rega­lo che ci fa il supermercato?

Nel costo di un vaso di pomo­do­ro non vi è solo il vetro, l’etichetta, l’energia, il tap­po ma anche la sicu­rez­za, il con­trol­lo, le ana­li­si, la for­ma­zio­ne del per­so­na­le, il rispet­to di nor­me ambien­ta­li, la pre­ven­zio­ne, il wel­fa­re, la ricer­ca, le cer­ti­fi­ca­zio­ni, gli inve­sti­men­ti, gli ammor­ta­men­ti, il lavo­ro, le impo­ste, l’utile d’impresa… la mate­ria pri­ma: il pomo­do­ro. Ma qua­le? Col­ti­va­to e lavo­ra­to come? Con quan­ti gra­di brix e quan­ti residui?.

Il mas­si­mo ribas­so pos­si­bi­le è un avvi­ta­men­to sen­za fine poi­ché in un mer­ca­to libe­ro e “un-fair”, ovve­ro non tra­spa­ren­te, ini­quo e con rego­le dise­gua­li (è com­pa­ra­bi­le per dirit­ti e red­di­to ‑sul­la car­ta- il costo del lavo­ro nel sud dell’Egitto o nel­lo Xini­jang cine­se con quel­lo euro­peo?) ci sarà sem­pre qual­cu­no dispo­ni­bi­le a pro­dur­re e ven­de­re a meno.

La fro­de poi è die­tro l’angolo.

Il mas­si­mo ribas­so ucci­de il pro­gres­so socia­le e civi­le, schiac­cia eco­no­mia ed eco­lo­gia, con­du­ce a vor­ti­co­se eco­no­mie di sca­la che nul­la han­no a che fare con la qua­li­tà ed il benes­se­re del­le per­so­ne e dell’ambiente tut­to. Il risul­ta­to del mas­si­mo ribas­so — non solo nel set­to­re ali­men­ta­re – è un pro­dot­to sen­za vita.

E a qua­le dei valo­ri che com­pon­go­no il prez­zo rinun­ce­re­mo attra­ver­so la gen­ti­le inter­ces­sio­ne di una cate­na discount che al pri­mo posto pone, come dice, gli inte­res­si dei con­su­ma­to­ri Italiani?

Sono parec­chie le vit­ti­me di un siste­ma impron­ta­to al mas­si­mo ribas­so: fra que­ste chi lavo­ra rispet­tan­do tut­te le rego­le, che sono costi oltre che valo­ri (la cor­ret­ta retri­bu­zio­ne, con­di­zio­ni uma­ne di lavo­ro, l’ambiente, la sicu­rez­za, le tas­se…), poi chi ha una dimen­sio­ne pic­co­la o inter­me­dia e non è in gra­do di gesti­re eco­no­mie di sca­la che impon­go­no una indu­stria­liz­za­zio­ne mas­si­va e cre­scen­te. Doven­do rinun­cia­re sem­pre più agli inve­sti­men­ti, le mac­chi­ne dive­nu­te obso­le­te si fer­me­ran­no e sarà costret­to a ven­de­re favo­ren­do il sem­pre mag­gior gigan­ti­smo e monopolismo .

Ma a mani bas­se i pri­mi rispar­mi si pos­so­no otte­ne­re sull‘anello infin­ta­men­te più debo­le del­la cate­na: chi il pomo­do­ro lo rac­co­glie e lo pro­du­ce. Mas­sa som­mer­sa e qua­si invi­si­bi­le, che rischia sot­to il sole d’agosto che il pomo­do­ro gli cuo­cia sul cam­po o nel cas­so­ne insie­me al cervello.

La gran­dis­si­ma mag­gio­ran­za dei cam­pi di pomo­do­ro sono di pochi etta­ri per ogni pro­prie­tà, ven­go­no attac­ca­ti in grup­po alle pri­me luci dell’alba fino al tra­mon­to, in con­di­zio­ni disu­ma­ne e insop­por­ta­bi­li per qua­lun­que viven­te duran­te le ore cen­tra­li. In fila alli­nea­ti, per­chè tut­ti ten­ga­no il passo.

Dal­le cas­set­te poi si fan­no cas­so­ni di legno e ad ore pre­sta­bi­li­te pas­sa il camion rimor­chio, 250 quin­ta­li di por­ta­ta, che sca­val­la l’appennino per gli sta­bi­li­men­ti in Cam­pa­nia. Un etta­ro può pro­dur­re oltre 1000 quin­ta­li di pomo­do­ro, in bio­lo­gi­co 600/700, quin­di il via vai di camion è inces­san­te. Fini­to il cam­po, il capo­ra­le-logi­sta si muo­ve al cam­po suc­ces­si­vo e così fino ad esau­ri­men­to, dei pomo­do­ri e del­le per­so­ne.

Pren­de­re mano d’opera alla biso­gna, dispo­ni­bi­le dal mat­ti­no alle 4 agli incro­ci, è anco­ra più eco­no­mi­co che usa­re mac­chi­ne rac­co­gli­tri­ci e sele­zio­na­tri­ci ormai dif­fu­se in qua­si tut­to il nostro paese.

Dav­ve­ro non si capi­sce per­ché l’agricoltura, set­to­re fon­da­men­ta­le del­la nostra eco­no­mia, che gode di rico­no­sci­men­ti e risor­se pub­bli­che impor­tan­ti non sia sot­to­po­sto a con­trol­li di ugua­le rigo­re come avvie­ne ver­so arti­gia­na­to, indu­stria, com­mer­cio e altri.

Non aiu­ta di cer­to anche la deci­sio­ne degli indu­stria­li quest’anno di abbas­sa­re il prez­zo del pomo­do­ro sot­to i 10 cen­te­si­mi al kg: non ci sarà mai digni­tà per chi ha le mani nel­la ter­ra sen­za riconoscenza.

Biso­gna smet­te­re di esse­re con­su­ma­to­ri di cibo per diven­ta­re frui­to­ri di ali­men­ti buo­ni e soste­ni­to­ri dei ter­ri­to­ri, che alla fine sono i ter­ri­to­ri di tut­ti. Sono mol­te le espe­rien­ze che ope­ra­no diver­sa­men­te, avan­guar­die di una nuo­va pro­spet­ti­va del­la ter­ra che è casa, cibo ed ambiente.

Fun­ky­to­ma­to rag­grup­pa agri­col­to­ri rac­co­gli­to­ri indu­stria­li del pomo­do­ro con con­trat­ti rego­la­ri e tra­spa­ren­ti, fa for­ma­zio­ne, cul­tu­ra ed inno­va­zio­ne, ven­de diret­ta­men­te: pre­sto arri­ve­rà al milio­ne di bot­ti­glie e vie­ne pro­po­sto in pre­ven­di­ta, che è pre­fi­nan­zia­men­to, con scon­ti importanti.

La comu­ni­tà e coo­pe­ra­ti­va Emmaus a Fog­gia, che ope­ra su 1300 etta­ri affi­da­ta­gli dal­la regio­ne Puglia, inter­ca­la i cam­pi di gra­no Cap­pel­li con varie­tà spe­cia­li di pomo­do­ri ed ha pro­spet­ti­ve enormi.

Coop da anni ci met­te la fac­cia e mol­ti ispet­to­ri sui cam­pi per garan­ti­re i pro­pri pomo­do­ri non in modo “car­ta­ceo” ma con­cre­to, dai cam­pi allo sta­bi­li­men­to produttivo.

Si può e si deve fare diver­sa­men­te: fa bene a tutti.

Lucio Cavaz­zo­ni[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.