Il nuovo articolo 67, ovvero della fine della rappresentanza

La sta­gio­ne isti­tu­zio­na­le che stia­mo viven­do da anni, e di cui ades­so si deli­nea­no meglio i con­tor­ni, è carat­te­riz­za­ta da una for­te muta­zio­ne mate­ria­le del­la for­ma di gover­no del­la nostra Repub­bli­ca. Que­sta è sem­pre meno “par­la­men­ta­re” e sem­pre più “gover­ni­sti­ca”, in cui chi detie­ne il pote­re ese­cu­ti­vo ha il domi­nio asso­lu­to del­la sce­na poli­ti­ca, men­tre quan­ti rap­pre­sen­ta­no il pote­re legi­sla­ti­vo (il giu­di­zia­rio appa­re sal­vo, fino­ra) non pos­so­no far altro che vota­re quel­lo che i gover­nan­ti chie­do­no, o sareb­be meglio dire, impongono.

La “que­stio­ne di fidu­cia” sul­la leg­ge elet­to­ra­le è solo l’ultimo, in ordi­ne tem­po­ra­le, quand’anche il più emer­gen­te, pio­lo di una sca­la che da tem­po s’è pre­so a discen­de­re. Nei fat­ti, col richia­mo del pre­si­den­te del Con­si­glio alla scel­ta fra la leg­ge elet­to­ra­le e la fine del Gover­no, quel­la que­stio­ne è già sta­ta posta ai par­la­men­ta­ri di mag­gio­ran­za, anche se, for­mal­men­te, così anco­ra non è. Ren­zi, con il suo aut-aut, espo­ne nei ter­mi­ni che gli sono usua­li la situa­zio­ne: o il Par­la­men­to fa quel­lo che io chie­do, o io me ne vado. E con lui, novel­lo San­so­ne, crol­li ogni colon­na del tem­pio e peri­sca­no pure tut­ti i fili­stei. Poi, alle ele­zio­ni, vedre­mo dove sta la verità.

È un po’ l’invocazione del giu­di­zio del popo­lo fat­ta spes­so dal più isti­tu­zio­nal­men­te lon­ge­vo dei suoi pre­de­ces­so­ri in epo­ca repub­bli­ca­na, la stes­sa che la sini­stra con­te­sta­va, accu­san­do­la di spo­sta­re le rela­zio­ni del­la demo­cra­zia sul bina­rio obbli­ga­to di un refe­ren­dum, costan­te e con­ti­nuo, sul­la sua per­so­na dive­nu­ta uni­co cen­tro del­la politica.

NAPOLITANO HA GIURATO

Ma c’è di più nel­le pie­ghe del­le rifor­me che il Par­la­men­to sta licen­zian­do. L’Ita­li­cum, per il gros­so pre­mio che con­tie­ne, per l’indicazione dei capi­li­sta bloc­ca­ti e soprat­tut­to per il dop­pio tur­no nazio­na­le, si pre­sen­ta come un siste­ma in cui a esse­re scel­to è il capo di un gover­no, non dei par­la­men­ta­ri. La rifor­ma del­la Costi­tu­zio­ne già appro­va­ta in pri­ma let­tu­ra dal­le due Came­re (al net­to del­le dif­fe­ren­ze all’articolo 57 fra i due testi, e tenen­do pre­sen­te che “nei” e “dai” non è esat­ta­men­te la stes­sa cosa), con­tie­ne pro­ba­bil­men­te uno dei pas­sag­gi miglio­ri di que­sto cam­bia­men­to, de fac­to e in un cer­to sen­so, trat­tan­do­si di nor­ma fon­dan­te dell’assetto isti­tu­zio­na­le, anche de jure, del­la for­ma di governo.

L’articolo 67 del­la Car­ta in vigo­re reci­ta: “Ogni mem­bro del Par­la­men­to rap­pre­sen­ta la Nazio­ne ed eser­ci­ta le sue fun­zio­ni sen­za vin­co­lo di man­da­to”. Il novel­la­to e dispo­sto dai moder­ni ri-costi­tuen­ti dice: “I mem­bri del Par­la­men­to eser­ci­ta­no le loro fun­zio­ni sen­za vin­co­lo di man­da­to”. Quel “rap­pre­sen­ta” non c’è più. Este­so alla Nazio­ne inte­ra, lo si tro­va per i soli depu­ta­ti all’articolo 55, men­tre per i sena­to­ri è ridot­to alla rap­pre­sen­tan­za del­le sole isti­tu­zio­ni che ter­ri­to­ria­li, pro­ba­bil­men­te ognu­no la pro­pria, ma a que­sto pun­to non è chia­ro chi o cosa rap­pre­sen­te­reb­be­ro i sena­to­ri di nomi­na pre­si­den­zia­le, dato che stan­no fra quel­li che rap­pre­sen­ta­no i ter­ri­to­ri ma ven­go­no scel­ti da chi pre­sie­de all’unità nazionale.

Con la limi­ta­zio­ne del­la rap­pre­sen­tan­za attua­ta nel­la sostan­za, median­te il ricor­so a voti di fidu­cia e decre­ti gover­na­ti­vi, e per­se­gui­ta ora anche nel­la for­ma, attra­ver­so la ridu­zio­ne e la par­cel­liz­za­zio­ne del­la sua appli­ca­bi­li­tà, però, è leci­to sup­por­re che vada in cri­si, quan­do non ven­ga addi­rit­tu­ra mes­so del tut­to in discus­sio­ne, l’intero impian­to rap­pre­sen­ta­ti­vo del nostro siste­ma democratico.

Se nel­la Costi­tu­zio­ne figlia del­la Resi­sten­za il cen­tro del­la Repub­bli­ca dive­ni­va la rap­pre­sen­tan­za del­le sue diver­se par­ti e clas­si, in que­sta nuo­va ver­sio­ne frut­to del­la resa alle dina­mi­che e ai det­ta­mi del­la “gover­na­men­ta­li­tà”, per dir­la alla Fou­cault, il prin­ci­pio e la fine dell’appartato sta­tua­le divie­ne la gover­na­bi­li­tà. Lì, il con­trol­lo del pote­re era cen­tra­le; qui, il Gover­no diven­ta il pro­ta­go­ni­sta ab solu­tus del­la sce­na e del cam­po poli­ti­co, e quei con­trol­li un impe­di­men­to e un bloc­co ille­git­ti­mo del­la sua pre­ro­ga­ti­va e del pro­prio dirit­to a deci­de­re sen­za intral­ci con­fe­ri­ti­gli dal­la mag­gio­ran­za, anche se essa altro non è che la più nume­ro­sa del­le mino­ran­za, dive­nu­ta pre­do­mi­nan­te e nume­ri­ca­men­te pre­va­len­te per gli effet­ti di un “pre­mio” elettorale.

Non male come tra­sfor­ma­zio­ne, nel set­tan­te­si­mo del 25 aprile.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?