Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo

Possibile si trasforma immediatamente in un comitato per il no alla riforma costituzionale. Un no che parli del "noi": per dare più rappresentanza, una democrazia che funzioni meglio, per restituire una 'misura' al potere, per rafforzare gli strumenti di partecipazione, di garanzia e di controllo.

Pos­si­bi­le si tra­sfor­ma imme­dia­ta­men­te in un comi­ta­to per il no alla rifor­ma costi­tu­zio­na­le. Un no che par­li del “noi”: per dare più rap­pre­sen­tan­za, una demo­cra­zia che fun­zio­ni meglio, per resti­tui­re una ‘misu­ra’ al pote­re, per raf­for­za­re gli stru­men­ti di par­te­ci­pa­zio­ne, di garan­zia e di controllo.

Le pros­si­me ini­zia­ti­ve saran­no tut­te inse­ri­te nel con­te­sto del­la cam­pa­gna refe­ren­da­ria, all’in­se­gna di una diver­sa cul­tu­ra poli­ti­ca e isti­tu­zio­na­le rispet­to a quan­to stia­mo veden­do in que­sti mesi.

Per rac­con­ta­re alle ita­lia­ne e agli ita­lia­ni che non si trat­ta di affer­ma­re sol­tan­to una cri­ti­ca al model­lo che ci vie­ne pro­po­sto, ma di pro­por­re una nuo­va sta­gio­ne poli­ti­ca, nel­le scel­te, nel­le paro­le, nei modi (che anche quel­li sono importanti).

Il Poli­ti­camp di que­sta esta­te sarà inte­ra­men­te dedi­ca­to alla nostra par­te­ci­pa­zio­ne alla cam­pa­gna e alle ragio­ni del no.

Dare­mo il via a un viag­gio rico­sti­tuen­te attra­ver­so il pae­se, un viag­gio col­let­ti­vo, una squa­dra di per­so­ne che cre­do­no nel­la Repub­bli­ca e nei diritti.

I nostri comi­ta­ti dif­fu­si in tut­ta Ita­lia saran­no atti­vi e mobi­li­ta­ti, in col­la­bo­ra­zio­ne con tut­ti i sog­get­ti che vor­ran­no con­di­vi­de­re la campagna.

Sul web cree­re­mo un sito dedi­ca­to, con gli appel­li e le spie­ga­zio­ni più uti­li e effi­ca­ci, con i pare­ri più auto­re­vo­li, per un dibat­ti­to infor­ma­to e con­sa­pe­vo­le. Trop­pe cose sono acca­du­te in que­sti anni sen­za che nes­su­no le illu­stras­se e trop­pi impe­gni elet­to­ra­li si sono vola­ti­liz­za­ti o rove­scia­ti nel loro contrario.

Insie­me alle ragio­ni del no con­ti­nue­re­mo a pro­por­re altre cam­pa­gne pro­mos­se dai cit­ta­di­ni, come la mobi­li­ta­zio­ne dei gro­w­shop­per per la lega­liz­za­zio­ne del­la Can­na­bis e la leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re per il dirit­to allo stu­dio, che muo­ve­ran­no fin dai pros­si­mi giorni.

Anco­ra, pre­sen­te­re­mo il nostro pro­get­to di gover­no in pro­gress, a par­ti­re da una stra­te­gia per un soste­gno uni­ver­sa­le e una pro­gres­si­vi­tà fisca­le.

Rac­co­glie­re­mo le ade­sio­ni di chi non si rico­no­sce nel par­ti­to del­la nazio­ne.

Dare­mo voce alle cam­pa­gne loca­li, come acca­de in que­sti gior­ni a Fano sul­la sani­tà e ad Augu­sta per l’ambiente.

Se vole­te par­te­ci­pa­re scri­ve­te a [email protected].
Iscri­ve­te­vi alla new­slet­ter per esse­re infor­ma­ti sul­le nostre atti­vi­tà o ade­ri­te a Pos­si­bi­le.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.