Il gioco d’azzardo: una tassa sulla povertà

slot-machine-barDanie­le Alba­ne­se, trent’anni, biel­le­se, è uno dei com­po­nen­ti del coor­di­na­men­to ope­ra­ti­vo di «Slot­MOB», mobi­li­ta­zio­ne nata nel luglio 2013 per com­bat­te­re il pro­ble­ma del gio­co d’azzardo lega­liz­za­to, un feno­me­no che, in Ita­lia, sta let­te­ral­men­te dila­gan­do. «L’i­dea di fon­do – ci spie­ga Danie­le — è quel­la di pre­mia­re i bar che han­no scel­to di rinun­cia­re alle slot machi­nes recan­do­ci in cen­ti­na­ia per con­su­ma­re una cola­zio­ne o un ape­ri­ti­vo. L’obiettivo è vota­re con il por­ta­fo­gli e sen­si­bi­liz­za­re sul tema. Se da oggi sce­glies­si­mo di acqui­sta­re solo nei bar sen­za slot, il pro­ble­ma sareb­be già risol­to: nes­sun bari­sta sareb­be dispo­sto ad offri­re sul mer­ca­to un pro­dot­to che nes­su­no doman­da. A tut­to ciò aggiun­gia­mo il gio­co sano: in occa­sio­ne di ogni Slot­mob si orga­niz­za un tor­neo di biliar­di­no». Nell’arco di qual­che mese, le asso­cia­zio­ni che han­no ade­ri­to sono qua­si 120 e con­ti­nua­no a cre­sce­re, così come gli Slotmob.

 

In Ita­lia qua­li sono i nume­ri del gio­co d’azzardo?

Il busi­ness del gio­co in Ita­lia è enor­me e in rapi­da cre­sci­ta: nel 2001 la rac­col­ta annua era pari a 14 miliar­di di euro. Oggi ammon­ta a oltre 100 miliar­di, tra gio­co lega­le e ille­ga­le (qua­si 90 miliar­di tra slot-machi­ne, grat­ta e vin­ci, toto­cal­cio, scom­mes­se onli­ne), pari a una spe­sa media pro capi­te di 1700 euro l’an­no. Que­sta cre­sci­ta espo­nen­zia­le ha por­ta­to l’I­ta­lia a dete­ne­re il pri­ma­to in Euro­pa e il ter­zo posto al mon­do. Tut­to ciò per un incas­so net­to da par­te del­lo Sta­to di 8 miliar­di di euro nel 2012, incas­so che da allo­ra è in pro­gres­si­vo calo.

 

Come pos­sia­mo spie­ga­re que­sta rapi­dis­si­ma e pre­oc­cu­pan­te crescita?

Le radi­ci stan­no nel­l’as­sun­to che la libe­ra­liz­za­zio­ne avreb­be ridot­to le atti­vi­tà ille­ga­li: un assun­to che alla pro­va dei fat­ti si è rive­la­to del tut­to sba­glia­to. Al con­tra­rio, sco­pria­mo oggi da nume­ro­se inda­gi­ni del­la Magi­stra­tu­ra che l’az­zar­do lega­le, oltre ad esser­si affian­ca­to a quel­lo ille­ga­le, si è nel tem­po raf­for­za­to e costi­tui­sce ormai il cana­le prin­ci­pa­le di rici­clag­gio di denaro.

 

Qual è il “con­tri­bu­to” del­le mafie a que­sto giro di affari?

Nel rap­por­to Azzar­do­po­li 2.0 si sti­ma che il fat­tu­ra­to spe­ci­fi­co del­le mafie in que­sto set­to­re sia una cifra dop­pia rispet­to agli introi­ti del­lo Stato.

 

Le mafie, quin­di, le inse­ria­mo tra i bene­fi­cia­ri. Chi ci rimet­te, invece?

Come affer­ma Mau­ri­zio Fia­sco, socio­lo­go del­la Con­sul­ta nazio­na­le anti-usu­ra, il cosi­det­to gio­co d’az­zar­do rap­pre­sen­ta una per­di­ta sec­ca per tut­ti gli atto­ri “lega­li”: fami­glie, eco­no­mia e fisca­li­tà del­lo Sta­to. Que­st’ul­ti­mo rica­va sem­pre meno, men­tre l’az­zar­do fun­ge da mol­ti­pli­ca­to­re nega­ti­vo per l’e­co­no­mia: cala la doman­da di beni e ser­vi­zi e lo Sta­to incas­sa meno da impo­ste diret­te e indi­ret­te. Tut­ti diven­ta­no più pove­ri, tran­ne “qual­cu­no”: l’in­du­stria del gio­co d’az­zar­do lega­liz­za­to for­ma­ta da azien­de pri­va­te e con­ces­sio­na­rie pub­bli­che. Azien­de quo­ta­te in bor­sa, mol­to spes­so con sedi in para­di­si fiscali.

 

Quali sono, inve­ce, le rica­du­te in ter­mi­ni sociali?

Oltre 800.000 per­so­ne a rischio dipen­den­za (GAP, Gio­co d’azzardo Pato­lo­gi­co), fami­glie distrut­te, nume­ro­si casi di sui­ci­di, casi di usu­ra sem­pre in aumen­to, sen­za con­ta­re le già cita­te infil­tra­zio­ni mafio­se. Il Mini­ste­ro del­la Salu­te sti­ma che tra il 2% e il 4% del­l’in­te­ra popo­la­zio­ne sia col­pi­ta da pato­lo­gia, il che richie­de­reb­be psi­co­te­ra­pie com­ples­se per un costo sti­ma­to di oltre 6 miliar­di di euro.

 

Pos­sia­mo dire che le fasce più col­pi­te sono le fasce più debo­li del­la società?

Sì, l’az­zar­do si con­fer­ma sem­pre più una tas­sa sul­la pover­tà: gio­ca­no il 47% degli indi­gen­ti e il 56% degli appar­te­nen­ti al ceto medio-bas­so, come con­fer­ma la Cor­te dei Conti.

 

Di recen­te la vostra atti­vi­tà si è allar­ga­ta, affian­can­do alla mobi­li­ta­zio­ne civi­le alcu­ne azio­ni più “poli­ti­che”. Cosa può fare la poli­ti­ca con­tro il gio­co d’azzardo? 

Il “gio­co d’azzardo” non è solo un pro­ble­ma di gio­ca­to­ri pato­lo­gi­ci, ma un can­cro eco­no­mi­co e socia­le che sta divo­ran­do l’Italia e che va smon­ta­to alla radi­ce. Limi­tar­si alla cura del­le pato­lo­gie signi­fi­ca impli­ci­ta­men­te accet­ta­re che non si pos­sa modi­fi­ca­re il siste­ma che ne sta alla base. Un’azione sem­pli­ce e fat­ti­bi­le sareb­be l’ap­pro­va­zio­ne del Testo uni­fi­ca­to di leg­ge appron­ta­to dal­la rela­tri­ce Binet­ti per la pre­ven­zio­ne, la cura e la ria­bi­li­ta­zio­ne del­la dipen­den­za da gio­co d’azzardo pato­lo­gi­co, appro­va­to all’unanimità dal­la Com­mis­sio­ne Affa­ri Socia­li del­la Came­ra dei depu­ta­ti, ma ora bloc­ca­to in Com­mis­sio­ne Bilan­cio per man­can­za di coperture.

 

Vi sie­te fat­ti un’idea sul­le ragio­ni per le qua­li il prov­ve­di­men­to si è arenato?

La ragio­ne fon­da­men­ta­le è con­te­nu­ta in una nota (sur­rea­le) dei Mono­po­li di Sta­to nel­la qua­le si paven­ta, se la pro­po­sta di leg­ge venis­se appro­va­ta, una per­di­ta di 12 miliar­di per l’erario. Il cal­co­lo è rea­liz­za­to ipo­tiz­zan­do un fer­mo per tre anni di tut­ti gli appa­rec­chi, neces­sa­rio per appor­ta­re tut­te le modi­fi­che tec­ni­che richie­ste dal­la leg­ge, in pri­mis la pos­si­bi­li­tà di rico­no­sci­men­to dei gio­ca­to­ri attra­ver­so l’utilizzo del­la tes­se­ra sani­ta­ria. Una misu­ra di buon sen­so neces­sa­ria per moni­to­ra­re com­por­ta­men­ti a rischio e pre­ve­ni­re, così, l’insorgere del­la dipen­den­za pato­lo­gi­ca, oltre che per evi­ta­re feno­me­ni di rici­clag­gio. Nel cal­co­lo dei costi che l’introduzione del­la nor­ma­ti­va com­por­te­reb­be non è però con­si­de­ra­ta la ridu­zio­ne dei costi indi­vi­dua­li e socia­li gene­ra­ti dal­la lot­ta alla azzar­do­pa­tia. Inol­tre, ciò che non si spen­de­reb­be più nell’azzardo si tra­sfor­me­reb­be per il 90% in con­su­mi, i qua­li pro­dur­reb­be­ro per lo Sta­to mag­gio­ri introi­ti da impo­ste indi­ret­te. La foglia di fico del dan­no era­ria­le è defi­ni­ti­va­men­te cadu­ta da quan­do Gover­no e Par­la­men­to sono arri­va­ti ad abbas­sa­re il pre­lie­vo fisca­le sugli apparecchi.

 

Qua­li rispo­ste sie­te riu­sci­ti ad ottenere?

Al nostro appel­lo han­no ade­ri­to rap­pre­sen­tan­ti di diver­si par­ti­ti poli­ti­ci. La que­stio­ne di fon­do è capi­re se dopo una gran­de pre­sa di coscien­za del­la socie­tà civi­le ci sia la volon­tà poli­ti­ca. Al momen­to ci si nascon­de die­tro a pare­ri infon­da­ti e a stra­ta­gem­mi tec­ni­ci che di fat­to bloc­ca­no la rifor­ma del set­to­re. Lo stes­so Pre­zio­si (PD), pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne bilan­cio, ha ammes­so l’am­bi­gui­tà e l’indecisione del Gover­no che sta por­tan­do a misu­re anche controproducenti.

 

La leg­ge di sta­bi­li­tà con­tie­ne dei prov­ve­di­men­ti che – pas­sa­ti sot­to silen­zio – sono sta­ti giu­di­ca­ti dei veri e pro­pri rega­li al mon­do del gio­co d’azzardo, in par­ti­co­la­re a quel­lo ille­ga­le. Di cosa si tratta?

L’e­men­da­men­to 3.4102, all’art 26 ter, pre­ve­de che il MEF pos­sa ridur­re il pre­lie­vo, aumen­ta­re il pay­out (e quin­di l’ap­pe­ti­bi­li­tà), i pre­mi, gli impor­ti gio­ca­bi­li, la fre­quen­za del­le estra­zio­ni per i con­cor­si che abbia­no regi­stra­to un calo di alme­no il 15% annuo nel­l’ul­ti­mo trien­nio. Sem­bra l’i­den­ti­kit del Supe­re­na­lot­to le cui entra­te sono in calo dal­l’i­ni­zio del 2012. La sana­to­ria del­le sale scom­mes­se ille­ga­li, sem­pre con­te­nu­ta in Leg­ge di Sta­bi­li­tà, poi fa cade­re anche l’ul­ti­ma bar­rie­ra che è sta­ta la prin­ci­pa­le moti­va­zio­ne che ha por­ta­to al dila­ga­re del­l’az­zar­do lega­liz­za­to che avreb­be dovu­to argi­na­re il feno­me­no del­l’il­le­ga­li­tà. Stan­zia­re 50 milio­ni di euro, come avve­nu­to nel­la Leg­ge di Sta­bi­li­tà, per la cura dei gio­ca­to­ri pato­lo­gi­ci per poi fare nor­me che aiu­ta­no il rilan­cio dei gio­chi che quel­le malat­tie le pro­vo­ca­no è un con­tro­sen­so. Ci dan­no il con­ten­ti­no per poi per­se­gui­re con poli­ti­che di espan­sio­ne dell’azzardo.

 

Vedi del­le pro­spet­ti­ve posi­ti­ve nell’azione pro­mos­sa dal gover­no gui­da­to da Mat­teo Renzi?

L’at­tua­le gover­no non ha la mini­ma inten­zio­ne di argi­na­re il feno­me­no del­l’az­zar­do, anzi sem­bra anda­re in dire­zio­ne con­tra­ria. L’azzardo rap­pre­sen­ta un tema mol­to caro allo Sta­to, per gli inte­res­si cela­ti che vi gira­no intorno.

 

E voi, come vi comporterete?

Non abbia­mo alcu­na inten­zio­ne di arre­tra­re, la socie­tà civi­le sta pren­den­do coscien­za. Con­ti­nue­re­mo ad orga­niz­za­re Slot­mob nel­le cit­tà e pro­vin­cie ita­lia­ne man­te­nen­do viva la spe­ran­za del­le tan­te per­so­ne che si sono avvi­ci­na­te in que­sto perio­do, dei fami­glia­ri dei gio­ca­to­ri pato­lo­gi­ci che sem­pre più chie­do­no di por­re dei dei limi­ti con la con­vin­zio­ne che dal bas­so quel filo che lega gli inte­res­si pri­va­ti a sca­pi­to del­le per­so­ne fra­gi­li si pos­sa spez­za­re definitivamente.

Sito: http://www.nexteconomia.org/slots-mob

Face­book: https://www.facebook.com/Slotmob

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.