Il fascismo all’angolo delle strade

#

La minaccia fascista esiste. È viva e vegeta. E aggiungiamo: purtroppo. Sì, purtroppo lo avevamo pure denunciato in ogni modo. La certificazione arriva da Bari, dove è stata chiusa la sede di CasaPound con una precisa accusa formulata dagli inquirenti: “Riorganizzazione e ricostruzione del partito fascista”. Che è un fatto vietato dalla Costituzione. Insomma, avevamo individuato la concretezza di questo pericolo, chiedendo già all’allora ministro dell’Interno Marco Minniti di farsi carico della situazione, facendo leva sulla Legge Mancino e la Legge Anselmi, oltre che sui principi costituzionali. Invece nessuno ha mosso un dito: ha prevalso l’inerzia, la volontà di minimizzare.

La scelta politica è stata quella di ignorate i numerosi segnali arrivati con cadenza quasi quotidiana. Basti ricordare che Forza Nuova, nell’ottobre 2018, aveva addirittura organizzato una nuova Marcia su Roma, in forma celebrativa, di quella Marcia su Roma; un mese dopo a Como gli skinhead hanno fatto irruzione nella sede di un’associazione dedita all’accoglienza dei migranti. E ancora: a dicembre l’attacco agli studenti dell’associazione Link a Forlì, l’attentato fascista di Luca Traini a Macerata, che rappresenta la peggiore delle azioni violente dell’estrema destra in campagna elettorale. In questo contesto l’aggressione di CasaPound dello scorso settembre a Bari è stata, per ora, il punto massimo di un’operazione di “squadra”, nel senso di squadrismo, che ha provocato il ferimento di molti manifestanti visti come nemici. Ed è stata la conferma, terribile, che il ritorno del fascismo, ammesso che sia davvero sparito, è già presente. È tra di noi: nelle sedi di partiti e organizzazioni che agiscono indisturbate al di fuori delle norme, e che troviamo girando gli angoli della strada.

La constatazione di questi fatti rende necessaria una risposta perentoria: l’approvazione del pacchetto antifascista che abbiamo predisposto e presentato dopo uno studio approfondito. Le proposte di legge sono state depositate in Parlamento, basta la volontà politica di discuterle e renderle leggi della Repubblica. Da quel tassello, infatti, può partire un lavoro che non può essere solo giuridico, ma deve coinvolgere un impegno culturale. Questi due aspetti camminano insieme: senza un adeguato supporto legislativo, la battaglia educativa rischia di non avere la giusta efficacia. Il racconto, secondo cui l’antifascismo è un polveroso arnese della retorica, risulta funzionale a un solo fatto storico: il rafforzamento del fascismo; che si manifesta con (finti) nuovi metodi. Molto somiglianti a quelli vecchi.

  • 489
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati